• Scarica l'app

Musica: I Negrita, un viaggio infinito

Musica: I Negrita, un viaggio infinito

La band ospite di Radionorba

I Negrita hanno presentato il loro disco “I ragazzi stanno bene  (1994-2019)” con cui hanno festeggiato venticinque anni di carriera e di musica. La visita è stata l’occasione per raccontare il tour che  hanno portato nei teatri italiani e che concluderà la sua prima parte  sabato 25 maggio al teatro Nuovo di Martina Franca in provincia di Taranto.
Nel disco, dice Pau voce della band: “abbiamo cercato di raccogliere venticinque anni di attività della nostra band ma non è stato facile .
Sono due cd e stiamo portando in tour la nostra music ansi teatri che hanno una intimità che arene e palasport se la scordano!”.
Il viaggio è un tema costante della musica dei Negrita e loro spiegano quando gli è caro: “Una moto, una macchina, noi siamo in viaggio sempre e portiamo questo racconto a nche nei video che accompagnano le
nostre canzoni. Il viaggio è senza dubbio l’ingrediente principale della ricetta Negrita: una chitarra e uno zaino in spalla, lasciamo la quotidianità come se lasciassimo a casa la casa e partiamo alla scoperta di emozioni nuove. Poi è anche vero che nel viaggio riesci a studiare meglio te stesso”.
La seconda parte del tour vedrà la band nei teatri e romani e nelle piazze più belle e particolari d’Italia. “Sarà un ibrido rispetto ad ora” dicono. “Sara’ uno spettacolo semi acustico, partiamo dall’unplugged fino a diventare elettrici. Per quanto anche in teatro la serata finisce con la gente che balla sulle sedie, sicuramente perché la visceralità di certe canzoni lo impone. Poi un concerto è comunque un rituale e un’esperienza di questo tipo è comunque qualcosa di speciale, che serve anche a liberarti da qualcosa, quindi benissimo che si balli sulle sedie in teatro.”
In venticinque anni di carriera i Negrita sono stati anche protagonisti a teatro del musical “Jesus Christ Superstar”: la band suonava dal vivo e Pau interpretava Ponzio Pilato: “Non è stato facile”, raccontano. “Le canzoni sono molto complesse e suonare in un musical è stata davvero una prova importante”. In quell’occasione Pau ha ricevuto mi complimenti da parte dell’interprete storico del musical Ted Neeley che lo ha definito il “miglior Ponzio Pilato che avesse mai incontrato”.

Angela Tangorra