• Scarica l'app

Renga presenta “L’altra metà ” di Francesco

Renga presenta “L’altra metà ” di Francesco

In diretta su Radionorba ha raccontato il suo nuovo disco

Francesco Renga ha presentato in diretta su Radionorba il suo nuovo album “L’altra metà” uscito dopo tre anni dal precedente disco.
Francesco è in giro per tutta Italia per presentare al pubblico il suo lavoro e vive una vita on the road: “Sono abituato a macinare chilometri, è da trentacinque anni che faccio questo mestiere. In passato era veramente una fatica fare questo lavoro perché la band doveva far tutto da sola: ognuno caricava sul furgone i suoi strumenti, ora invece veniamo trattati come delle principesse. In un certo senso ho una mia band anche ora: ho ricostruito la mia famiglia!”

Francesco spiega perché ha intitolato il disco “Laltra metà”: “Questa è l’altra metà della storia, del viaggio, di un racconto partito trentacinque anni fa. Sono molto fiero del lavoro fatto, sia del punto di arrivo e di partenza che rappresenta questo disco che ho pensato e immaginato un paio di anni fa. Avevo l’idea, ma dovevo cercare un linguaggio e ho impiegato cinque-sei anni a trovarlo e sono molto fiero e felice di questo risultato. Il disco si chiama così anche perché è arrivato dopo che ho compiuto cinquant’anni. Ho la consapevolezza della mia vita, per questo è un lavoro così importante.”
Molti sono gli autori della musica italiana che hanno lavorato con Francesco a questo nuovo disco: “Ci sono Bungaro, Gazzelle, Colapesce, Fortunato Zampaglione e Ultimo che ho dovuto chiamare perché mia figlia è sua fan…! Ultimo è il suo cantante preferito, ahimè! Scherzo, perché credo sia il migliore dei talenti e lo sta dimostrando molto felice. Lui e gli altri autori con cui ho collaborato mi hanno aiutato e dato l’idea di quello che era il linguaggio che volevo usare arrivato al disco della mia maturità”.

Malerba chiede come sono i figli di Francesco Renga nei confronti del papà cantante? Sorride Francesco: ” Non sono ipercritici, rasentano la cattiveria e la perfidia. Sono delle brutte persone, piccole ma brutte persone! In realtà loro sono le mie orecchie e i miei occhi sul futuro, mi danno le indicazioni per trovare e svelare il canone di comunicazione che volevo usare per questo disco. In questo periodo la musica italiana è molto cambiata, al di là del fenomeno trap, il mercato si è comunque rivoluzionato e io avevo bisogno di capire come comunicare”.
“L’altra metà” è il disco a cui Francesco è davvero molto legato: “Lo riascolto praticamente ogni giorno, sono davvero soddisfatto e contento della naturalezza che ho avuto in questo lavoro e di essere riuscito a trovare questo modo espressivo con cui dar vita al racconto che volevo fare”.
Mentre lavorava all’album, Francesco ha vissuto il tour con Max Pezzali e Nek: “E’ stata una avventura molto bella, porto un ricordo meraviglioso dal punto di vista umano, è stata una condivisione del pubblico molto bella e poi ci sentiamo sempre! In quel periodo stavo lavorando all’album e stare sul palco e in tour con loro mi è servito a capire cosa volevo che diventasse il nuovo disco. Quella pausa mi è servita molto!”
A maggio Francesco sarà in concerto per due date speciali: il 27 maggio all’Arena di Verona e il 13 giugno a Taormina. Da ottobre partirà il tour che toccherà i teatri più belli d’Italia: a Sud sarà in concerto il 15 novembre ad Atena Lucana, il 16 ad Avellino, il 18 e 19 a Napoli e il 21 e 22 novembre al Teatro Team di Bari.

Angela Tangorra