COVID, 8 STUDENTI SU 10 DA OGGI IN CLASSE - Radionorba
  • Scarica l'app

COVID, 8 STUDENTI SU 10 DA OGGI IN CLASSE

COVID, 8 STUDENTI SU 10 DA OGGI IN CLASSE

L’avvertimento della fondazione Gimbe: “Aperture non siano liberi tutti o ci giochiamo l’estate”

Da oggi quasi tutta Italia torna in zona arancione. Rimangono in zona rossa la Puglia, la Sardegna e la Valle d’Aosta. In attesa delle riaperture a cominciare dalla prossima settimana (ma in zona gialla) di bar, ristoranti, musei, cinema e teatri, sono riprese quasi ovunque le lezioni in presenza. Sono 6 milioni e 850 mila gli alunni da oggi fisicamente in aula sugli 8,5 milioni totali degli istituti statali e paritari, 8 su 10. Sono 291 mila in più della scorsa settimana, tutti della Campania, che è uscita dalla zona rossa. Dal 26 aprile, invece, in zona gialla e arancione tutte le scuole saranno in presenza al 100%. In zona rossa le lezioni si svolgeranno in classe fino alla terza media (ora è fino alla prima), mentre alle superiori l’attività si svolgerà almeno al 50% in presenza. Da risolvere resta il nodo dei trasporti pubblici e del sovraffollamento nelle aule.  Il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso ha rilanciato la proposta dei test salivari per individuare il covid da effettuare nelle scuole per aumentare la sicurezza.

In merito alle riaperture decise nelle prossime settimane dal Governo c’è però l’allarme della fondazione Gimbe: “La circolazione del virus è ancora molto rilevante – ha detto il presidente Nino Cartabellotta –  i ricoveri stanno scendendo, si sono ridotti quasi del 20% in 11 giorni, però in area critica e in terapia intensiva la discesa è più lenta e abbiamo ancora regioni che sono oltre la soglia critica. Dobbiamo essere consapevoli che le riaperture stanno avvenendo sul filo del rasoio. Se dovesse ripartire la curva rischiamo di giocarci la stagione estiva”.

Mauro Denigris