Ascolta Guarda

Crisi in Ucraina, Di Maio a Mosca. I ribelli filorussi: “Kiev ci bombarda”. La replica: “Loro hanno colpito un asilo”

Sulla crisi in Ucraina, arrivano segnali distensivi dal ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov, dopo l’incontro con l’omologo italiano Luigi Di Maio a Mosca. “Oggi invieremo la lettera di risposta agli Usa, sarà resa pubblica perché crediamo indispensabile che le persone possano avere un’idea precisa di ciò che sta accadendo, ha detto il ministro russo in conferenza stampa.
Per Di Maio “c’è tutta la disponibilità russa a trovare una soluzione diplomatica alla crisi” in Ucraina e lo stesso vale da parte di Kiev. E questa strada “significa evitare ogni tipo di sanzioni”. Ma il governo russo pone delle condizioni: “Non risolveremo tutti i problemi finché non ci metteremo d’accordo su alcuni punti – precisa Lavrov – è importante non togliere dal pacchetto alcune cose, tra cui il non allargamento a est della Nato e il non dispiegamento a est”. Lavrov, in conferenza stampa con Di Maio, ha parlato anche delle sanzioni Ue e dell’Italia: “Le sanzioni non possono essere
varate se almeno un Paese sarà contrario – chiarisce – non credo che l’Italia sia interessata a fomentare la tensione”, anzi “noi vediamo che segue la tradizione della sua diplomazia” che è quella di “non minacciare in continuazione, non promettere punizioni, ma cercare soluzioni”. Lo stesso Di Maio ammette: “Lavorando tutti insieme per una soluzione diplomatica significa evitare ogni tipo di sanzioni”. Anche dalla Commissione Ue la presidente, Ursula Von Der Leyen, effettivamente, non abbandona le speranze “che la pace prevalga”. Ci sono “sforzi di molti leader europei impegnati con entrambe le parti” per “trovare una soluzione diplomatica”. 

Purtuttavia, il disgelo non sembra nei fatti, corrispondere a realtà. Restano tensioni sull’annuncio russo sul ritiro delle truppe, che gli Usa definiscono “falso”. Il Cremlino sta monitorando le forze ucraine di stanza lungo la linea di contatto, come ha confermato il portavoce Dmitry Peskov. “In effetti, leggiamo e vediamo i rapporti da lì – ha detto – naturalmente, il nostro esercito ha più informazioni, considerando i dati provenienti da fonti speciali. Ma è ovvio anche senza tali informazioni che le tensioni stanno
aumentando”, ha aggiunto. “Negli ultimi giorni abbiamo sentito che la Russia avrebbe conservato un enorme potenziale offensivo al confine – ha continuato il portavoce del Cremlino – ma questo è il nostro territorio di cui stiamo
parlando. Nel frattempo, nessuno, nessun rappresentante occidentale ha menzionato l’enorme potenziale offensivo
dell’esercito ucraino che esiste sulla linea di contatto .Sul dibattuto ritiro dell’esercito russo dal confine, Peskov ha spiegato che “richiederà tempo”. Intanto, Peskov ha anche spiegato che “Kiev ha ripetutamente offerto a Mosca
di organizzare un vertice, ma lo scopo di tali richieste rimane poco chiaro”. “Abbiamo ricevuto molteplici proposte di incontro da Kiev. Eppure ogni volta Kiev non poteva rispondere alla semplice domanda: perchè? A che scopo?” ha detto Peskov citato dall’agenzia Interfax.

Intanto l’Osce registra “bombardamenti multipli lungo la linea di contatto nell’Ucraina orientale”. I ribelli filorussi nel Donbass denunciano: “Kiev ci bombarda”. E anche l’esercito ucraino ha reso noto che le forze separatiste appoggiate dalla Russia nell’Ucraina orientale avrebbero sparato colpi di mortaio contro un villaggio nella regione di Lugansk, colpendo un asilo. Secondo i militari, non ci sono stati feriti. Lo riporta il Guardian, che pubblica alcune immagini diffuse da ufficiali militari ucraini che mostrano l’asilo danneggiato preso di mira nel villaggio di Stanytsia Luhanska.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Cannes, all’Italia il premio della giuria per “Le otto montagne”

Il film con Alessandro Borghi e Luca Marinelli vince ex-aequo con “Eo”. La palma d’oro a “Triangle of sadness”

Emma, questa sera sul palco di Vasco a Imola

La notizia data dal Kom sui social

Sport

Champions League, quattordicesimo trionfo per il Real Madrid

Liverpool battuto di misura grazie a un gol di Vinicius

La Roma vince la Conference League. Feyenoord battuto di misura

Decide un gol di Zaniolo nel primo tempo. Primo trofeo giallorosso per Mourinho

Leggerissime

La scienza contro la dipendenza da smartphone

Stimoli e incoraggiamento per aiutare chi usa il telefono più di 5 ore al giorno

Il viaggio della musica 300x250

 
  Diretta

Top News

Guerra in Ucraina, Putin potrebbe riaprire la trattativa con Zelensky

Colloquio del presidente russo con Macron e Scholz, si cerca una soluzione anche per il grano Vladimir Putin si dice pronto a riprendere la trattativa…

Covid, dati in calo ma altri 66 morti

I nuovi positivi sono 18.255 Sono 18.255 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore. Ieri erano stati 19.666. Le vittime sono invece…

Guerra Ucraina, Kherson in mano ai russi: nessun contatto con il resto del Paese. Il viaggio a Mosca annunciato da Salvini: “Farò tutto il possibile per la pace”, ma non è in previsione

La regione di Kherson non è più ucraina: è stata occupata dalle forze russe che hanno chiuso ogni accesso al resto del territorio: lo fa…

Strage nella scuola elementare in Texas, la polizia fa mea culpa. Il padre del killer: “Doveva uccidere me”

La polizia del Texas fa mea culpa.  “E’ stato un errore non fare irruzione nell’aula” della scuola elementare di Uvalde dove Salvador Ramos ha massacrato…

Locali

Covid, in Puglia 1101 nuovi casi e 6 decessi. In Basilicata altri 175 positivi

In terapia intensiva ci sono 11 persone in Puglia e solo una in Basilicata Sono 1101 i nuovi casi da coronavirus registrati  in Puglia sui…

Deposito abusivo di alimenti e bevande a Monopoli, sequestro e multe per cinquemila euro

Un garage adibito a deposito contenente una tonnellata di alimenti e migliaia di bottiglie di vino e bevande, alcuni dei quali privi delle informazioni necessarie…

Manager russo arrestato a Bari, la Corte d’appello respinge l’estradizione: “La Russia è in guerra”

Non sarà estradato il 71enne Gennadii Lisovichenko, dirigente russo arrestato nel porto di Bari su mandato di arresto internazionale emesso dall’autorita’ giudiziaria della Federazione russa.…

Nuovo pentito nella “società” foggiana: Patrizio Villani ha deciso di collaborare con la giustizia

Patrizio Villani, 45 anni, allevatore di San Marco in Lamis legato al clan Sinesi-Francavilla, una delle tre batterie al vertice della mafia di Foggia, lo…

Made with 💖 by Xdevel