Ascolta Guarda

Cinema – Tanti auguri, nonno Lino, e non ti “inghezzere”

Il regalo più bello per i suoi 80 anni sarebbe quello di incontrare papa Francesco, anzi vorrebbe proprio una nomina ufficiale, quella di “giullare ufficiale di Sua Santità”. Lino Banfi lo scrive in una lettera pubblicata su “Famiglia cristiana”. Ufficialmente il compleanno del comico pugliese è l’11 luglio, così risulta all’anagrafe, anche se all’epoca “era tradizione delle balie registrare il bambino un po’ dopo per regalargli qualche giorno di giovinezza in più”. E infatti, nel suo caso, i giorni in più sono due perché mamma Nunzia lo diede alla luce il 9 luglio del 1936 ad Andria. E a quanto pare quei due giorni si sentono: ”I ragazzi che lavorano con me – racconta con una punta di vanità e molto compiacimento – si ‘inghezzeno’, come dico io, perchè leggo le scene solo la mattina, prima di girare, e ricordo tutto. Lo faccio per mettermi alla prova. Perchè vorrei proprio saperlo:posso cominciare a definirmi anziano o ancora solo di una certa età?”. Pasquale Zagaria per il momento è per le nuove generazioni il “nonno” per eccellenza. Per le altre che si sono alternate negli ultimi 50 anni è il Commissario Lo Gatto oppure il commissario Auricchio oppure l’allenatore di calcio Oronzo Canà, mister della Longobarda, inventore dello schema “Bizona 5-5-5”, oppure “l’arrapeto” protagonista delle commedie sexy degli anni Settanta con l’inconfondibile accento che inutilmente in tanti hanno tentato di riascoltare in Puglia. Banfi può dirsi un uomo realizzato a 360 gradi: “Ho avuto fortuna. Ho faticato. E sono orgoglioso di aver aperto una strada a una ‘pugliesità’ che non esisteva. Il
film più divertente che ho girato è stato il commissario Lo Gatto. Un po’ perchè segnò una mia piccola svolta, un po’ perchè eravamo a Favignana e ogni giorno alle quattro del pomeriggio Dino Risi fermava il set e urlava ‘tutti al mare!’ In un attimo vedevi sparire più di 100 persone. Il partner con cui ho lavorato meglio è Renzo Montagnani. La maggior confidenza invece è nata con Edwige Fenech e Milena Vukotic, oggi ormai quasi una seconda moglie. Mi diverte molto anche la sfida Bari-Foggia che continuo a giocare con Renzo Arbore”. Banfi a 80 anni ha ancora una agenda pienissima: sta girando la decima edizione di “Un medico in famiglia”, ha prodotto ”Acqua di mare”, film di Ciro De Caro, che forse approderà alla Mostra del Cinema di Venezia “dopo una vita in cui non ho mai vinto nemmeno un peluche”, sorte comune a tutti i comici (vedi Checco Zalone). C’è in programma anche un libro, il cui titolo dice tutto: “Hottanta voglia di raccontarvi: la mia vita e altre stronzete”. Nel libro è raccontato un episodio inedito: ”Apro – anticipa Banfi – con una lettera tra me e Fellini. Ci incontrammo nell’89, durante un doppiaggio. Rimase affascinato dai racconti dei miei anni nell’avanspettacolo e mi esortò a scrivere un libro. Voleva disegnare la copertina. Così gli mandai un dattiloscritto. Lo lesse in 6-7 giorni e mi rispose per lettera. Mi scrisse: ‘Non manchera’ occasione di lavorare insieme. Io me lo auguro’. Purtroppo un anno dopo se ne e’ andato”.

Maurizio Angelillo

 

Musica & Spettacolo

Fedez e J-Ax, concerto di beneficenza a Milano

I due artisti hanno ufficializzato il loro ritorno insieme e l’iniziativa per la loro città

Vegas Jones ospite di Radio Norba

Appuntamento martedì 24 maggio alle 16

Leggerissime

La scienza contro la dipendenza da smartphone

Stimoli e incoraggiamento per aiutare chi usa il telefono più di 5 ore al giorno

Il viaggio della musica 300x250

 
  Diretta

Top News

Guerra in Ucraina: due mesi fa attentato fallito a Putin

Si valuta piano di pace dell’Italia. Il Cremlino intende processare i prigionieri dell’Azovstal  Il presidente russo Vladimir Putin sarebbe scampato ad un attentato dopo l’inizio…

Covid, calano i nuovi positivi ma aumentano le vittime

I contagi sono 9820, i morti 80 Sono 9.820 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del…

Commemorazioni per la strage di Capaci, Mattarella: “Impegno contro la mafia non consente né pause né distrazioni”

“L’impegno contro la mafia non consente pause né distrazioni”. Lo ha dichiarato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al Foro Italico di Palermo durante la…

Tragedia del Mottarone, il giorno del ricordo. I familiari delle vittime: “Abbandonati da tutti”

Si è svolta oggi, nel bosco del Comune di Stresa, la cerimonia di commemorazione della tragedia della funivia del Mottarone, avvenuta il 23 maggio di…

Locali

Incidente sfiorato nelle acque del porto di Taranto, salvate nove persone su una barca alla deriva. A bordo anche un bambino di pochi mesi

Nove persone, tra cui tre bambini e uno di pochi mesi, sono state salvate mentre si trovano su una barca alla deriva che si stava…

Naufragio rimorchiatore al largo di Bari, verso la sospensione delle ricerche dei marinai di Molfetta

A quattro giorni dal naufragio del rimorchiatore al largo di Bari, non sono stati ancora ritrovati i corpi dei marinai molfettesi, Mauro Mongelli, 59 anni,…

Incidente aereo Trani, dimesso il pilota del secondo aereo coinvolto

E’ stato dimesso dall’ospedale di Andria Vincenzo Rosei, 57 anni, pilota del secondo aereo coinvolto nello scontro con un altro piper, avvenuto domenica mentre sorvolavano…

Incidenti stradali in Basilicata, il bilancio è di 2 morti e 6 feriti

E’ di due morti e sei feriti il bilancio di due incidenti stradali avvenuti nelle scorse ore in Basilicata. All’alba di lunedì, sulla statale 96…

Made with 💖 by Xdevel