Ascolta Guarda
Canali

Giosada, ecco come arriverò a Sanremo

No, per Sanremo è troppo presto. “Non ha ancora l’età” Giosada per affrontare il palco dei palchi della musica. Il vincitore di XFactor intende non bruciarsi e pensare a crescere: “Voglio prendermi un po’ più tempo – dice – non ho assolutamente voglia di non andarci, però non credo sia ancora abbastanza maturo in questo mondo”. Troppo presto “per arrivare a Sanremo e per avere una credibilità”. Il successo arriva e spesso dura una parentesi, meglio prendersi il tempo necessario per studiare e affinare il proprio stile. Lo hanno fatto i più grandi, quando, travolti dal successo, hanno iniziato in alcuni casi addirittura a studiare musica. Giosada ha le idee chiare: “Preferisco tornare a suonare, a fare concerti ad avere un rapporto con le persone più da vicino, per crescere insieme a loro”. Un percorso che lo porterà “al punto in cui potrò andare a Sanremo con una canzone bella, scritta da me”. Perché a Sanremo “ci sono andati tutti i più grandi cantautori della storia della musica italiana, quindi mi piacerebbe un giorno arrivarci”. Come? “Con tutta la calma”. Giosada cita un verso, l’unico verso di una canzone di Enzo Del Re, il cantastorie di Mola di Bari: ”lavorare con lentezza”. Intanto non si perderà il bagni di folla sul palco di Bari, la notte di Capodanno, dove a battezzarlo sarà Gigi D’Alessio, un evento che sarà seguito in diretta da Radionorba, RadionorbaTv e Telenorba. “Avere la possibilità – confessa Giosada – di cantare a Capodanno, davanti a tutta la propria città, sarà bellissimo, un momento che porterò sempre con me”.

Maurizio Angelillo

Musica & Spettacolo

Emma: “Ecco il mio racconto tra vita, palco e imperfezioni”

Da domani disponibile il docufilm in cui si racconta

Alex in diretta su Radio Norba

Sarà ospite nei nostri studi domani, 29 novembre, alle 12

Leggerissime

Società, il rango e relazioni sociali aiutano a invecchiare meglio

L’ambiente sociale positivo aiuta quanto le relazioni a star bene

Camilla dai bambini con gli orsetti della regina Elisabetta

Gli oltre mille Paddington lasciati come tributo per la morte della sovrana sono stati donati a un asilo di Londra

 
  Diretta

Top News

Svimez, al Sud mezzo milione di nuovi poveri per caro energia

L’inflazione e il caro energia colpiranno il Sud e ci saranno effetti senza precedenti. Secondo i dati contenuti nel report della Svimez, l’aumento delle bollette…

Saman, la procura di Reggio Emilia: “Corpo integro e con gli stessi abiti”. Per la certezza manca la ‘prova regina’ del Dna

Mancherebbe soltanto l’esame del Dna, ma sembrerebbe possibile già identificare il corpo ritrovato sotto terra vicino Novellara, in Emilia Romagna, con quello di Saman Abbas,…

Musei, il sottosegretario Sgarbi: “Gratis per i cittadini ma non per i turisti”. Sulla proposta di istituire un albo dei critici musicali: “Contrario, abolirei ogni ordine”

Non la gratuità assoluta dei musei per tutti, ma la suddivisione “tra cittadini e turisti”. Lo ha proposto il sottosegretario alla cultura Vittorio Sgarbi, stamani,…

Frana a Ischia, il fango continua a restituire i corpi delle vittime. Il ministro dell’Ambiente Pichetto: contro l’abusivismo sindaci in carcere

L’ottava vittima accertata è quella di un uomo, restano quattro dispersi Sono otto finora i corpi delle vittime della frana che ha devastato Casamicciola Terme…

Locali

Covid, tornano i focolai nelle rsa. A Scorrano positivi 29 ospiti su 30 e 3 morti. La Asl: vaccinatevi

Nella rsa Villa Santa Lucia di Scorrano, in provincia di Lecce, 29 anziani ospiti su 30 sono positivi al Covid e tre di loro sono…

Nodo ferroviario di Bari, Salvini: “Adoro mandorli e carrubi ma non si può fermare lo sviluppo dell’Italia”

Matteo Salvini torna a parlare della Puglia e della decisione del Tar sullo stop al nodo ferroviario di Bari Sud. “Provo sconcerto che il Tar…

Spaccio nel Tarantino, su whatsapp le richieste di droga venivano indicate come “panzerotti” o “un caffè”: 4 indagati

Chiedevano un caffè, cinque panzerotti, qualcosa di fresco come un vino o un amaro, oppure ancora un paio di scarpe. Era il linguaggio criptico utilizzato…

Omicidio Di Rienzo a Foggia, il 17enne reo confesso: voleva che rubassi per lui

Avrebbe ucciso, ieri, a Foggia Nicola Di Rienzo, 21 anni, con cinque colpi di pistola a schiena e torace perché la vittima voleva che rubasse…

Made with 💖 by Xdevel