Ascolta Guarda

Mafia, responsabili di 4 casi di ‘lupara bianca’: otto arresti a Canosa di Puglia. Li avrebbero uccisi per “punizione”

Sono accusati di essere mandanti e autori di quattro casi di lupara bianca avvenuti tra il 2003 e il 2015 a Canosa di Puglia, nella sesta provincia pugliese. Vere e proprie spedizioni punitive per vendicarsi di tradimenti o “infamità”. La Polizia di Bari e BAT ha arrestato all’alba 8 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di omicidio premeditato, violazione della legge sulle armi e delle misure di prevenzione, distruzione di cadavere, violenza e minaccia a pubblico ufficiale in concorso, estorsione aggravata. Contestata altresì l’aggravante mafiosa. Le persone arrestate sono Daniele e Pasquale Boccuto di 41 e 30 anni, l’80enne Cosimo Damiano Campanella e il nipote omonimo di 39 anni, Sabino Carbone di 40 anni, Marco Di Gennaro di 30 anni, Claudio Pellegrino di 33 anni, Cosimo Zagaria di 37 anni. Il provvedimento è stato emesso a conclusione di indagini condotte dagli agenti della Squadra Mobile delle Questure di Bari e BAT e del Commissariato di Canosa di Puglia, sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Bari. 

I quattro casi sono quelli di Alessandro Sorrenti, 26 anni, e l’amico Sabino Sasso (a cui sarebbe stato anche fracassato il cranio con delle pietre), 21 anni, entrambi scomparsi a dicembre 2003; Sabino D’Ambra, 34enne scomparso a gennaio 2010; e Giuseppe Vassalli, 26enne scomparso nell’agosto 2015. Sono stati uccisi a colpi di pistola, poi bruciati e i resti dispersi.

Sabino D’Ambra sarebbe stato punito per la sua “infamità di confidente di polizia” che aveva portato all’arresto di un pusher del gruppo criminale. Giuseppe Vassalli, oltre ad aver tradito l’organizzazione mettendosi in proprio a spacciare droga, sarebbe stato anche punito per la relazione sentimentale con la ex fidanzata di uno del gruppo. Sabino Sasso e Alessandro Sorrenti sarebbero stati uccisi perché Sorrenti “voleva comandare sui traffici illeciti”.
L’inchiesta, coordinata dalla pm della Dda di Bari Luciana Silvestris, ha accertato anche altri reati commessi a vario
titolo dagli arrestati: le minacce ad un ispettore di Polizia di Canosa, nell’agosto 2014, con l’esplosione di 6 colpi di pistola contro la sua auto; l’estorsione, “a titolo di protezione”, ai giostrai di un lunapark allestito in città in occasione della festa patronale del luglio 2015, dopo averli minacciati esplodendo 53 colpi di kalashnikov contro attrazioni ludiche e roulotte.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

LP su Radio Norba giovedì 2 dicembre

Sarà in collegamento con i nostri studi alle 17:30

Britney Spears compie 40 anni

Per la pop star un compleanno memorabile finalmente da donna libera

Sport

Serie A, l’Inter resta in contatto con la vetta. Il Bologna frena la corsa Champions della Roma

Nerazzurri vittoriosi contro lo Spezia. Giallorossi battuti da un gol di Svanberg

Qatar 2022, il comitato organizzatore al calciatore australiano gay: “Sei il benvenuto ma niente baci in pubblico”

Al Khater: "Sappiamo che il Mondiale è un possibile palcoscenico per proteste su questi temi, ma non siamo preoccupati"

Leggerissime

Baglioni e Masini autori per “Lo Zecchino d’Oro”

Torna il concorso canoro per i più piccoli

Natale: ecco i francobolli per gli auguri

Emessi in tempo per poter affrancare i biglietti di auguri

 
  Diretta

Top News

Vaccini, forse trovata la causa scatenante dei rarissimi coaguli di sangue con AstraZeneca

Scoperta, forse, la causa scatenante dei rarissimi coaguli di sangue dopo la somministrazione del vaccino anti-Covid di AstraZeneca. Un team di scienziati del Galles e…

Omicron, Sileri: forse non elude totalmente i vaccini, ma serve studiarla ancora

Pfizer prepara aggiornamento al siero: richiami per molti anni a venire La variante Omicron del Covid-19 potrebbe non eludere del tutto i vaccini, anche se…

Covid, ok alla terapia monoclonale in Gran Bretagna. A Parigi il primo caso di variante Omicron, si attendono altre conferme

Il Regno Unito ha approvato un nuovo trattamento contro il Covid con un anticorpo monoclonale, lo Xevudy (sotrovimab), sviluppato da Gsk e Vir Biotechnology. Per l’agenzia…

Rapina in banca a Milano in stile Casa di Carta: arrestati due pregiudicati torinesi e una complice. Si erano ispirati alla serie tv

Tra di loro, durante una rapina in una banca a Milano, si chiamavano come i personaggi della serie Netflix “La Casa di Carta”, Professore ed…

Locali

Sparò e ferì due persone per dimostrare la forza mafiosa del clan d’appartenenza: un arresto a Cassano delle Murge

Si presentò a una festa e sparò a due persone per dimostrare la propria caratura “mafiosa”. I Carabinieri del Comando Provinciale di Bari hanno eseguito…

Auto precipita in un canale di scolo ad Apricena, muore giovane mamma. Feriti il marito e la figlia di pochi mesi

Una famiglia – marito, moglie e la figlia di 4 mesi –  che viaggiava a bordo di un’Audi è finita in un canale di scolo,…

Ucciso per aver difeso l’amica da uno stalker: l’aggressore torna in carcere

Torna in carcere con l’accusa di omicidio Domenico Bellafede, lo stalker di 36 anni accusato di aver ucciso Cosimo Damiano Bologna, 50 anni. Stando a…

Sequestrano un uomo per rubargli la pensione. Arrestati due coniugi nel potentino

 Hanno sequestrato e segregato in uno scantinato un uomo di 59 anni, dopo aver ritirato la pensione di 1180 euro. E’ successo a Lagopesole di…

Made with 💖 by Xdevel