Ascolta Guarda

Nel 2024 arriva l’assistente materna: un aiuto alle neo-mamme in difficoltà

Dal 2024 ci saranno le assistenti materne, unafigura professionale che il governo Meloni ha intenzione di istituire a partire dal 2024 con uno stanziamento compreso tra i 100 ed i 150 milioni da inserire nella prossima manovra di bilancio.
L’assistente materna risponderà ai tanti e piccoli quesiti che per la neo-mamma, nei primi sei mesi di vita del bimbo, possono rappresentare dei grandi problemi ad esempio come fasciare il neonato, quali precauzione adottare quando gli si fa il bagnetto, o quando è assillato dal singhiozzo o non smette di piangere.
ll rapporto tra madre e assistente non sarà affidato soltanto al telefono o alle nuove tecnologie come zoom ma diretto e personale: è prevista una assistenza a domicilio, quindi non solo teoria ma tanta pratica per insegnare come rapportarsi nel modo più corretto con il proprio figlio nella propria casa. La filosofia che ispira il provvedimento è quella di compensare quella rete parentale fatta di nonne, zie e sorelle maggiori che dispensavano consigli e aiuto pratico e che con il passare del tempo si è lacerata, soprattutto nelle grandi città.
Ma l’intenzione è soprattutto quella di aiutare le neo mamme a non sentirsi sole e inadeguate nei primi sei mesi della
maternità, i più difficili. Cosa differente – viene fatto notare rispetto al fatto di partecipare ad un corso pre-parto o
sull’allattamento, e poi ritrovarsi a mettere in pratica da sole una serie di nozioni. Contare su una persona, viene spiegato, può fare la differenza.
L’assistente materna eviterebbe anche alle neomamme di andare troppo spesso dal pediatra per problemi non medici ed anche di intercettare e quindi segnale un possibile disagio della donna subito dopo il parto. Non sarà quindi una figura sanitaria, come ostetriche, infermieri o puericultrici, non avrà bisogno di una laurea ma di un corso di formazione della durata di sei o nove mesi. La figura è già presente in Francia e nei Paesi nordici. Le modalità operative saranno in parte stabilite con le Regioni: per ora l’idea è un servizio a richiesta delle mamme che disporranno di una ventina di ore per i primi tre mesi dalla gravidanza estendibili fino a sei mesi. L’obiettivo è di avere tre assistenti materne ogni 20mila abitanti, quindi il numero delle mamme supportate varierà a seconda dei territori.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Domani a Gravina c’è “Road to Battiti” con The Kolors

Dalle 18 il quarto appuntamento con il radio live show di Radio Norba

Yes We Work

 
  Diretta

Top News

È morto Franco Di Mare

Il popolare giornalista aveva rivelato in tv la sua malattia meno di un mese fa È morto Franco Di Mare, il popolare giornalista televisivo che…

Piogge in Veneto, rompe gli argini il fiume Muson. Isolate le abitazioni

Allerta maltempo in Veneto, dove nelle prime ore della giornata il fiume Muson dei Sassi è esondato a Camposampiero, nel padovano, in località Rustega, per…

La dura legge della par condicio, niente duello Rai Meloni-Schlein. Vespa furioso. Mentana pronto a un confronto all’americana

Il faccia a faccia da Bruno Vespa tra la premier Giorgia Meloni e la segretaria del Pd Elly Schlein non si farà. E, a questo…

Stop alle proroghe per tavolini e dehors: il ministro Urso li vuole rendere strutturali. Plauso dei commercianti, contrario il Codacons

Stop alle continue proroghe: si va verso una regolamentazione strutturale della presenza di tavolini e dehors fuori da bar, ristoranti e locali della movida nelle…

Locali

Fisioterapista ucciso a Bari, presunto omicida: “Ero lì, ma colpi di pistola partiti per sbaglio

Ha ammesso di aver avuto una colluttazione con la vittima, ma ha riferito che i colpi di pistola sono partiti accidentalmente mentre impugnava l’arma. Si…

Tenta una rapina in un negozio a Trani, ma il titolare reagisce e lo mette in fuga

A Trani, nella sesta provincia pugliese, un 30enne ha fatto irruzione a volto scoperto in un negozio di articoli sportivi, intimando di consegnargli la merce…

Pnrr, allarme dell’Ance: “In Puglia 1297 progetti non saranno finanziati”. Fitto: “Nessuna opera definanziata”

Sono 1297 i progetti del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) che in Puglia non saranno finanziati per un totale di 458 milioni di…

Lavoro, a maggio in Basilicata oltre 3mila nuove assunzioni. Il 18% sarà stabile

Saranno 3180 le nuove assunzioni a maggio in Basilicata, 160 in più rispetto al 2023. È quanto emerso dal bollettino di ‘Excelsior Informa’, redatto dall’Agenzia…

Made with 💖 by Xdevel