Ascolta Guarda

Pestarono un ex pusher per debiti di droga, il Tribunale di Bari condanna nove presunti affiliati ai clan

Avrebbero pestato un ex pusher e sodale di 23 anni che aveva accumulato debiti di droga davanti alla madre, al padre disabile e al nipote di 13 anni, l’anno scorso. La gup del Tribunale di Bari, Annachiara Mastrorilli, ha condannato 9 imputati a pene comprese tra i 5 anni e 8 mesi e i 2 anni di reclusione al termine del processo con rito abbreviato su un pestaggio mafioso risalente al 19 maggio 2020 nei confronti di un ex pusher del clan Strisciuglio di Bari. La sentenza riguarda i sette del commando, il presunto mandante della spedizione punitiva e una donna, che dopo quell’episodio, avrebbe continuato a minacciare altri componenti della famiglia della presunta vittima.
Il mandante dell’aggressione sarebbe stato il pregiudicato 39enne Vittorio Bruno Faccilongo (condannato a 4 anni e 8 mesi di reclusione), cugino della vittima e fratello del boss Saverio. Del commando avrebbero invece fatto parte il 22enne Tommaso Piscopo e il 34enne Giuseppe Franco (5 anni e 8 mesi di reclusione), presunti esecutori materiali, il 39enne Massimo Lorenzani, il 41enne Luca Pisani e il 38enne Emanuele Sebastiano (4 anni di reclusione) in supporto ai due, il 20enne Raffaele Stella e il 30enne Luigi Bartoli (3 anni e 4 mesi) come ‘palo’. Dopo l’aggressione, con l’ultimatum di 15 giorni perché l’ex sodale traditore e i suoi parenti lasciassero il quartiere, la suocera di Faccilongo, la 57enne Laura Loiacono (condannata alla pena di 2 anni) avrebbe iniziato a minacciare altri familiari.
I reati contestati dalla Dda di Bari, a vario titolo e in concorso, tutti aggravati dal metodo mafioso, sono di lesioni aggravate, violenza privata, atti persecutori, violazione di domicilio e violenza sessuale. La vittima della brutale aggressione, oggi collaboratore di giustizia, il pregiudicato 23enne Samuele Iacobbe, aveva un debito di droga da 230 euro ed era stato accusato di avere iniziato a spacciare in proprio nel quartiere Palese, senza il permesso del clan. Quando il commando fece irruzione in casa sua, a volto scoperto, il 23enne fu pestato con calci e un tirapugni, mentre sua madre, che tentava di frapporsi tra lui e gli aggressori per difenderlo, sarebbe stata strattonata e palpeggiata. Tutto davanti agli occhi del padre disabile, un tempo referente di spicco del clan, e di un nipote 13enne.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Vegas Jones ospite di Radio Norba

Appuntamento venerdì 24 maggio alle 16

Cinema, Tom Cruise batte Doctor Strange

Botteghino magro anche per la concorrenza di calcio, Formula1 e mare

Leggerissime

La scienza contro la dipendenza da smartphone

Stimoli e incoraggiamento per aiutare chi usa il telefono più di 5 ore al giorno

Il viaggio della musica 300x250

 
  Diretta

Top News

Commemorazioni per la strage di Capaci, Mattarella: “Impegno contro la mafia non consente né pause né distrazioni”

“L’impegno contro la mafia non consente pause né distrazioni”. Lo ha dichiarato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al Foro Italico di Palermo durante la…

Tragedia del Mottarone, il giorno del ricordo. I familiari delle vittime: “Abbandonati da tutti”

Si è svolta oggi, nel bosco del Comune di Stresa, la cerimonia di commemorazione della tragedia della funivia del Mottarone, avvenuta il 23 maggio di…

Biden presenta un piano di investimenti nel Pacifico e offre aiuto a Taiwan in caso di invasione cinese. Pechino: “Strategia che fallirà”

Il presidente americano, Joe Biden, ha presentato in Giappone l’Indo-Pacific Economic Framework (Ipef), un piano di investimenti e rafforzamento dei rapporti commerciali che ha l’obiettivo…

Milan campione d’Italia, i festeggiamenti fino a notte fonda. Oltre 50mila per le strade della città

Sono durati fino a notte fonda i festeggiamenti per il diciannovesimo scudetto del Milan. Oltre 50mila, secondo la Questura, le persone che hanno preso parte…

Locali

Calcio, Quarto lascia la presidenza del Cerignola. Torna la famiglia Grieco

Danilo Quarto non è più il presidente del Cerignola, neopromosso in Serie C dopo la vittoria nel girone H di Serie D. Ad annunciare il…

Casarano, squarciati i pneumatici dell’auto di una consigliera comunale

A Casarano, nel leccese, ignoti hanno squarciato i pneumatici dell’automobile della consigliera comunale Antonella Barlabà. È stata lei stessa ad accorgersi dell’accaduto e ad avvertire…

Giovane cade da una scogliera a Melendugno, salvato dai vigili del fuoco

Paura a Melendugno, nel leccese, dove un giovane di 22 anni è caduto la notte scorsa da una scogliera alta circa sei metri in località…

Scontro tra veicoli nel materano, un morto e cinque feriti

È di un morto e cinque feriti il bilancio di un incidente stradale avvenuto questa mattina sulla statale 96bis nei pressi di Irsina, nel materano.…

Made with 💖 by Xdevel