Ascolta Guarda

Tragedia del Mottarone, direttore e gestore: “Decisioni prese dal caposervizio”

Attesa la decisione del gip sulla convalida dei tre fermi

Si sono conclusi da poco gli interrogatori di garanzia dei tre indagati per la tragedia del Mottarone (Piemonte), avvenuta domenica scorsa e costata la vita a 14 persone. Unico sopravvissuto: il piccolo Eitan di cinque anni rimasto orfano. Ora si attende la decisione del giudice per le indagini preliminari sulla convalida dei fermi.

Nelle scorse ore sono stati interrogati nel carcere di Verbania, il caposervizio della funivia del Mottarone, Gabriele Tadini, il quale ha ammesso davanti al gip di aver messo il ceppo blocca freno -il cosiddetto “forchettone”- e di averlo fatto altre volte.

Difeso dall’avvocato Marcello Perillo, l’uomo ha spiegato che le anomalie manifestate dall’impianto non erano collegabili alla fune ed ha escluso collegamenti tra i problemi ai freni e quelli alla fune. “Non sono un delinquente – ha detto al magistrato – non avrei mai fatto salire persone se avessi pensato che la fune si spezzasse”. Inoltre, la difesa ha fatto sapere di aver contestato il falso, l’omissione dolosa aggravata dal disastro e l’omicidio e le lesioni colpose: tutte imputate a Gabriele Tadini.

Gli interrogatori di garanzia di sono svolti anche nei confronti dell’ingegnere Enrico Perocchi, direttore della funivia, “inebetito” –secondo quanto riferito dal suo legale Andrea Da Prato- quando ha saputo dell’uso delle ganasce. Inoltre Perocchi avrebbe chiesto di essere ascoltato nei giorni scorsi “ma di essere stato fermato”. Al centro dell’interrogatorio, una telefonata che Gabriele Tadini ha fatto all’ingegnere alle 12.09 di domenica, poco prima della tragedia, in cui lo informava di avere “una fune a terra”. Prima di allora, secondo la versione di Perocchi, lui non sapeva che erano stati disattivati coi forchettoni i freni di emergenza.

L’ultimo ad essere ascoltato è stato il gestore della funivia, Luigi Nerini, che secondo il suo avvocato “sapeva che non funzionava il sistema dei freni ma non era lui che ppteva fermare la funivia: potevano farlo solo il direttore del servizio e il direttore tecnico”. Non era lui, infatti, stando alla versione di Nerini, a doversi occupare dei problemi di sicurezza dell’impianto. “Smettetela di dire che ha risparmiato sulla sicurezza” ha detto l’avvocato di Nerini, Pasquale Pantano.

Intanto domani in Piemonte giornata di lutto regionale. Bandiere a mezz’asta anche a Torino, a Palazzo di Città in segno di vicinanza alle vittime della tragedia che ha scosso la comunità stresana, e con lei l’Italia intera.

Anna Piscopo

Musica & Spettacolo

Ivano Fossati compie 70 anni

La sua è un’opera che lascia il segno

Achille Lauro, la sua arte per omaggiare Marina Abramovic

L’artista ripropone le sue performance sanremesi

Leggerissime

Spazio, l’equipaggio dei SpaceX suona l’ukulele mentre è in orbita

Le prodezze degli astronauti civili raccontate in un video 

E’ a Conversano il primo parco sportivo con palestra jungle del Sud Italia

Allenarsi come nella giungla  per il benessere psicofisico. La struttura adatta a scuole e famiglie

 
  Diretta

Top News

Teatri e cinema, Costa: “Verso il 75-80% di capienza, si valutano le discoteche”

“Il governo ha preso un impegno preciso e il 30 settembre ci sarà una valutazione: credo che ci saranno le condizioni per procedere a un…

Corte Strasburgo, Russia responsabile assassinio Aleksander Litvinenko

“La Russia è responsabile dell’assassinio dell’ex spia Aleksander Litvinenko, l’ex agente del Kgb, ucciso col polonio a Londra nel 2006”. L’ha stabilito la Corte europea…

Afghanistan, i talebani completano nuovo governo senza donne, ma promettono: “Le studentesse torneranno presto a scuola”

I talebani hanno completato il governo a Kabul e tra i membri non c’è alcuna donna. La lista è stata resa nota dal portavoce, Zabihullah…

Il debutto della terza dose: 6.803 pazienti fragili hanno ricevuto il richiamo

Al via ieri le somministrazioni della terza dose di vaccino anti-covid per i soggetti più fragili, come i trapiantati e i malati oncologici: 931mila gli…

Locali

La Regione Puglia cancella il trattamento di fine mandato per i consiglieri. L’emendamento è stato approvato all’unanimità

Abrogato all’unanimità il trattamento di fine mandato per i consiglieri della Regione Puglia. Al termine di una lunga discussione, il Consiglio regionale ha approvato un…

Covid: in Puglia 110 casi e una vittima, aumentano ricoveri e decessi in Basilicata

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati registrati 110 nuovi casi positivi su 14.436 tamponi analizzati: 13 in provincia di Bari, 15nella provincia di…

Vaccini, Bari raggiunge ‘immunità di comunità’: 90% di copertura

A Bari nove cittadini su dieci hanno già fatto la prima dose di vaccino anti-Covid e otto su dieci sono vaccinati totalmente. È stato così…

Furto in appartamento nel Barese: arrestato il pluripregiudicato Giovanni Cassano, fratellastro dell’ex calciatore Antonio

Torna in carcere il pluripregiudicato barese Giovanni Cassano, 49 anni, fratellastro dell’ex calciatore Antonio Cassano. L’uomo era già sorvegliato speciale di pubblica sicurezza, con obbligo…

Made with 💖 by Xdevel