Ascolta Guarda
Achille Lauro Unplugged

Bari, aggressione al professore del Majorana: arrestato il padre dell’alunna che aveva ricevuto la nota

E’ stato arrestato ed è finito ai domiciliari, stamani, a Bari, un 34enne pregiudicato, accusato di aver aggredito un professore dell’Istituto Majorana, nel quartiere San Paolo, lo scorso 23 settembre. L’aggressione sarebbe scaturita dopo che l’insegnante aveva messo una nota sul registro alla figlia 14enne.

L’uomo, in compagnia di un’altra persona, avrebbe vendicato il provvedimento dell’insegnante arrivando in classe, poco dopo, e schiaffeggiandolo ripetutamente durante le ore di lezione. Il professore era stato accusato dall’alunna di avere avuto atteggiamenti morbosi nei suoi confronti, quella mattina. Dopo l’aggressione è arrivata a scuola anche la mamma della ragazzina alla quale la figlia avrebbe detto che quel giorno aveva allontanato il professore perché la stava guardando con atteggiamento morboso, e per questo aveva ricevuto la nota. Questa versione è stata confermata anche da un’altra studentessa mentre è stata smentita da alcune insegnanti di sostegno presenti in aula: queste ultime, evidenziando che la ragazzina avrebbe un disturbo da iperattività, avrebbero invece fatto notare che al termine della lezione la 14enne stava capeggiando un gruppo di compagne istigandole a confermare la sua versione. Ma, come fa
notare il gip nell’ordinanza, qualora le dichiarazioni delle alunne, “che sembrano strumentali”, fossero veritiere non
giustificherebbero comunque l’aggressione. Su queste ipotesi, in ogni caso sono in corso indagini da parte degli inquirenti.

Il caso ha suscitato molto clamore anche per le dichiarazioni della preside, Paola Petruzzelli, che, in alcune interviste, aveva accusato il professore di avere atteggiamenti ‘non consoni’ con gli alunni. E il docente, che da pochi giorni insegnava a Bari dove si era trasferito dal Nord, ha respinto le accuse parlando di comportamenti mafiosi degli studenti.

Il 34enne è accusato di lesioni personali aggravate e violenza a pubblico ufficiale, ed è indagato a piede libero
anche per violazione di domicilio e interruzione di pubblico servizio.

LA RICOSTRUZIONE – Secondo quanto ricostruito dalle indagini, il 23 settembre scorso la ragazzina sarebbe arrivata a
scuola alla seconda ora, senza giustificazione. Dopo essere stata redarguita dal docente avrebbe iniziato a disturbare la
lezione, invitando anche altri compagni di classe a non seguire più il professore. A quel punto il docente ha deciso di metterle una nota. Poco dopo, probabilmente avvisato dalla stessa ragazzina, suo padre è arrivato a scuola con un altro uomo non ancora identificato. Sarebbe entrato di prepotenza nell’istituto e, individuato il docente che si era spostato in un’altra aula, gli avrebbe intimato di uscire: “Vieni qua, dobbiamo parlare”. Quando il docente lo ha raggiunto, il 34enne, incurante della presenza di altri alunni, lo avrebbe afferrato per le spalle scuotendolo e poi lo avrebbe ripetutamente schiaffeggiato, facendolo sanguinare. Dopo averlo picchiato gli avrebbe detto, in dialetto: “Non ti permettere di fare ancora quello che hai fatto oggi”. L’aggressione sarebbe terminata solo quando altri docenti hanno minacciato di chiamare la Polizia. I due uomini, allora, sarebbero andati via. E la madre della ragazzina, raggiunta la scuola, avrebbe detto alla figlia: “Io gli avrei staccato la testa per giocare a pallone in cortile”.

Gianvito Magistà (aggiornamenti di Stefania Losito)

Musica & Spettacolo

Fabio Rovazzi in missione per l’Unicef

Sarà in Libia fra bambini e giovani

Ron lunedì 30 gennaio ospite di Radio Norba

Sarà in diretta nei nostri studi alle 13

Leggerissime

Polignano a Mare è la “Città più accogliente” del mondo

Il comune pugliese che ha dato i natali a Domenico Modugno ha ricevuto il riconoscimento

Gina Lollobrigida, aperto il testamento

Metà del patrimonio al figlio e metà al suo factotum

 
  Diretta

Top News

Carcere duro per l’anarchico Cospito, sale la tensione. Il governo conferma il 41bis. Si temono ritorsioni

Sale la tensione intorno al Governo che non arretra sul carcere duro per Alfredo Cospito, l’anarchico sottoposto al regime del 41 bis nel carcere di…

Giustizia, Meloni: “Nordio al lavoro per una riforma ampia”

Il ministro della Giustizia, Carlo Nordio, è impegnato su una riforma “molto seria e ampia”. Lo ha dichiarato la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nella…

Bollette del gas, Nomisma Energia: “Atteso calo del 33%”. Giorgetti: “Diminuzione significativa”

Si va verso un calo del 33% delle bollette del gas in seguito al crollo subìto a gennaio dal prezzo del gas. La stima è…

Molotov contro distretto di polizia a Roma. Si ipotizza la pista anarchica

Una bottiglia molotov è stata lanciata la notte scorsa contro il distretto di polizia Prenestino, a Roma. Il piantone di guardia ha subito dato l’allarme,…

Locali

Serie C, il Foggia sbanca Pescara; bene le lucane

Nel Girone C della Serie C, ampia vittoria del Foggia a Pescara: 4 – 0. Punto pesante per il Potenza, a Crotone: 0 – 0.…

Colto da malore, muore negli spogliatoi ex attaccante barese Vito Chimenti

L’ex attaccante barese Vito Chimenti, 69 anni, è stato stroncato da un malore mentre si trovava negli spogliatoi del campo sportivo di Pomarico, nel Materano,…

Insospettabili arrestati con 5 chili di cocaina, in manette imprenditore leccese e dipendente

 Un noto imprenditore di Squinzano, Fernando Giovane, 53 anni, e un suo dipendente di nazionalità rumena, sono stati arrestati mentre trasportavano cinque chili di cocaina.…

Ferito a colpi d’arma da fuoco nel bosco a Carpino. Per gli inquirenti è stato un incidente di caccia

A Carpino, in provincia di Foggia, un uomo di 30 anni è stato ferito all’addome da un colpo d’arma da fuoco. E’ stato trasportato in…

Made with 💖 by Xdevel