Ascolta Guarda

Chiara Ferragni: “Faccio fatica a mostrare le mie fragilità. Ora la mia priorità è difendere la famiglia”

L’influencer parla per la prima volta in una intervista al Corriere della Sera dopo le inchieste che la riguardano e dopo le voci della presunta fine del matrimonio con Fedez

Chiara Ferrani ha rilasciato una intervista esclusiva al Corriere della Sera in cui racconta il suo stato d’animo dopo le inchieste che l’hanno colpita e i fatti successi negli ultimi due mesi. Nell’intervista solo un cenno alla presunta fine della storia con Fedez ed è relativo alle sue assenze in alcuni weekend in cui lei era sola con i figli. Dice Chiara: “Lui in tanti weekend non c’è stato. In altri, c’è stato. Comunque è mio marito. E secondo me, in certe situazioni di caos esterno, le altre cose è meglio tenerle dentro la coppia”. Poi aggiunge: “La priorità è proteggere la famiglia e i figli. Poi,  naturalmente, qualunque cosa io faccia, se ne parla: se la faccio con lui o se la faccio senza di lui e chiunque nel mondo può dire la sua e avere le sue opinioni, ma per me, piuttosto che dare spiegazioni, è più importante fare quello che reputo più giusto: tenere i problemi tra le mura familiari”.

Nel corso dell’intervista aveva detto: “Io, a volte, faccio fatica a mostrare le mie fragilità nel momento in cui le sto vivendo. Faccio fatica perché, se raccontassi quanto mi sento fragile, mi percepirei ancora più debole, ancora più attaccabile”.L’intervista è l’occasione per parlare ci quel che è successo il 15 dicembre, quando è esploso il pandoro gate. Ecco come Chiara ha raccontato quel giorno: “erano le otto del mattino, ero in piedi, stavo andando su un set fotografico e né io né i miei collaboratori ci aspettavamo nulla del genere. Sono rimasta completamente scioccata. Anche perché ho saputo la notizia dalle agenzie, contemporaneamente a tutti gli italiani. Era venerdì, ho passato anche sabato e domenica chiusa in casa, con addosso la stessa tuta, a leggere i tweet terribili su di me e dire: cosa cavolo sta succedendo?”

Dopo tre giorni Chiara fece un video indossando una tuta grigia del costo di 600euro e che poi andò sold out:n”Ero vestita ancora così quando ho pensato che dovevo fare un video e dimostrare la buona fede mia e delle persone che lavorano con me. Da tre giorni, leggevo cose completamente false, tipo che avevo truffato i consumatori e perfino i bambini malati. Ero veramente scossa e dopo varie prove ho postato il video e  facevo del mio meglio per trattenere le lacrime perché non volevo fare la vittima. Mi sono detta: la gente si aspetta qualcosa da me. Dovevo scusarmi, perché, se ci sono stati dei fraintendimenti, vuol dire che qualcosa poteva essere fatto meglio. Ho detto anche che non avrei fatto mai più operazioni che mischiassero pubblicità e beneficenza. Poi ho pensato: faccio un gesto concreto. Le persone credono che mi sia arricchita cercando di imbrogliarle? Bene, il milione di euro ricevuto dalle mie società io dono al Regina Margherita di Torino  e farò ricorso al Tar contro una sanzione che ritengo ingiusta e sproporzionata, ovviamente la pago e, se qualcosa otterrò indietro, donerò anche quello”.

Il video non interruppe l’ondata di odio nei suoi confronti, fatto che la Ferragni al Corriere spiega così: “Probabilmente perché non era il momento giusto, continuavano a uscire notizie contro di me. Forse avrei dovuto pensarci di più, aspettare, ma si stava mettendo in gioco tutto, si andava molto oltre i giudizi sull’operazione in sé, la strumentalizzazione era completa. E, quando sei dentro una gogna mediatica, ti sembra che tutte le persone ti stiano accusando, invece, basta uscire un attimo di casa per accorgerti che non è così. Da quando ho ripreso a uscire, non ho mai incontrato qualcuno che mi dicesse “sei una criminale”, ma solo persone che mi dicono: tutto questo è ingiusto, ne uscirai a testa alta. Ci siamo resi conto che alcuni processi di analisi interna avrebbero potuto essere gestiti meglio. E stiamo lavorando per migliorare alcuni profili organizzativi. Ho sempre pensato che, se hai trenta milioni di follower, se fai beneficenza e ne parli, crei un effetto emulativo. Durante il Covid, io e Federico abbiamo donato 50 mila euro a testa, ma comunicandolo, il crowdfunding è risultato il più sostanzioso d’Europa raccogliendo quattro milioni e mezzo, grazie ai quali siamo riusciti a creare una terapia intensiva in un mese e mezzo. Ma non solo: seguendo il nostro esempio, altri hanno attivato operazioni simili per altri ospedali. Per questo, quando possibile, la mia ratio è stata che, nell’ambito di operazioni commerciali tra le mie società e un partner, fosse semplicemente una buona idea provare ad aggiungere una parte di beneficenza anche piccola rispetto al contratto. Ho sempre pensato che, fra niente e poco, era comunque del bene che veniva fatto”.

Angela Tangorra

Immagine dal profilo Instagram di Chiara Ferragni

Musica & Spettacolo

Steven Tyler è guarito, gli Aerosmith riprendono la tournée

Il frontman aveva subito danni alle corde vocali

Piero Pelù: “Grazie alla Dea musica ho combattuto la depressione”

Il rocker si era allontanato dalla musica dieci mesi fa per un forte shock acustico. Ora sta meglio ed è pronto a tornare …

 
  Diretta

Top News

Il procuratore Rossi sull’ondata di arresti: “La zona grigia esiste a Bari come in tanti altri posti”

La zona grigia esiste a Bari come in tanti altri posti. Lo ha dichiarato il procuratore di bari, Roberto Rossi, a margine dell’incontro “Potere mafioso…

Cade, urta la testa e muore dopo un litigio durante il concerto dei Subsonica a Firenze

Morto a Firenze uno spettatore del concerto dei Subsonica che si teneva ieri sera al Mandela Forum. Secondo una ricostruzione della polizia c’è stato un…

Strage nel Bolognese, si cerca la settima vittima dell’esplosione. Lo strazio dei familiari

Bilancio sempre più nero dell’esplosione alla centrale idroelettrica sul lago di Suviana, nel Bolognese. Dopo quarantotto ore di ricerche sale a sei il conto delle…

Bufera in Puglia: 5 Stelle fuori dalla giunta Emiliano. Conte: “Facciamo tabula rasa”. Gasparri sul governatore: “Lui e Decaro sono all’epilogo”

Quali deleghe lascia il Movimento Il Movimento Cinque Stelle lascia la giunta Emiliano in Puglia e Sinistra italiana chiede di azzerare o resettare. La nuova…

Locali

Omicidio a Marina di Lesina, arrestato un uomo di San Severo. Sarebbe stato l’autista del killer, tuttora sconosciuto

Un uomo di 44 anni, residente a San Severo nel foggiano, è stato arrestato nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Maurizio Cologno, 52 anni, ucciso con…

Arsenale in casa a San Pietro Vernotico, arrestato un incensurato di 39 anni

Un piccolo arsenale è stato a San Pietro Vernotico, nel brindisino, in casa di un incensurato di 39 anni. Nel corso della perquisizione domiciliare, sono…

Rompe il braccialetto elettronico ed evade dai domiciliari, latitante rintracciato da Modugno

Era agli arresti domiciliari a Modugno, nel barese, con braccialetto elettronico, ma è riuscito a fuggire liberandosi del dispositivo. A Valencia, rintracciato Daci Vullnet, 37…

Fuori il M5S dalla giunta regionale pugliese. E Schlein chiede a Emiliano “un netto cambio di fase”

Il M5s è uscito dalla giunta regionale della Puglia. “Rinunciamo al nostro ruolo di governo, rimettiamo tutte le deleghe” e in questo modo “ci assumiamo…

Made with 💖 by Xdevel