Ascolta Guarda

Decreto Caivano, il rapporto Antigone: “Dall’inizio dell’anno già 500 ragazzi detenuti, effetti distruttivi”

 “Passi indietro”, per effetto del cosiddetto decreto Caivano, nel delicato e drammatico settore della giustizia minorile che registra già dall’inizio dell’anno circa 500 ragazzi detenuti, un numero record negli ultimi quindici anni, e il decreto – nato dopo gli stupri choc nel napoletano – sta avendo “effetti distruttivi” sui “percorsi di recupero” dei giovani che delinquono. Lo sottolinea il settimo Rapporto che Antigone ogni anno dedica alla situazione dei giovanissimi che finiscono nel circuito della detenzione e delle comunità di accoglienza.

Tra i dati evidenziati, ci sono quelli sulla disparità nell’accesso ai trattamenti meno severi. Ad esempio, alla fine del 2023, tre ragazzi stranieri su quattro presenti negli Istituti penitenziari minorili erano in custodia cautelare, mentre su oltre 6.500 provvedimenti di messa alla prova solo il 20% del totale ha riguardato ragazzi non italiani. Dei 496 minori detenuti – 13 sono ragazze – in più della metà dei casi si tratta di ragazzi stranieri.
“Sono i ragazzi più difficili da trattare”, spiega il Rapporto, “spesso sono minori stranieri non accompagnati con disturbi comportamentali, problemi di dipendenze da sostanze, psicofarmaci e/alcool, solitudine, violenze subite durante i percorsi migratori”.

“Vengono trasferiti di continuo rendendo impossibile una loro adeguata presa in carico, e al compimento del diciottesimo anno d’età alcuni direttori – evidenzia il Rapporto – se ne liberano definitivamente, mandandoli nel sistema degli adulti, quello che nei primi 45 giorni del 2024 ha già cumulato 20 suicidi”. È nelle regioni del Nord Ovest che si registra il maggior numero di denunce nei confronti dei minori, forse, ipotizza il Rapporto, perché qui pesa di più la condizione di chi vive ai margini del welfare. In generale, il grosso dei reati messi a segno dai minorenni riguarda i danni contro il patrimonio, i furti sono il ‘crimine’ più commesso, e sono aumentate del 37,4% le violazioni alla legge contro gli stupefacenti, quasi il 23% dei reati avviene contro le persone. La presenza negli Ipm è costituita soprattutto da ragazzi e ragazze minorenni e “la fascia anagrafica più rappresentata è quella dei 16 e 17 anni, ed in totale i minorenni sono in larga maggioranza, quasi il 60% dei presenti.

Due anni fa la situazione era esattamente contraria. “L’aumentata possibilità introdotta dal Decreto Caivano di trasferire i ragazzi maggiorenni dagli Ipm alle carceri per adulti sta facendo vedere i propri effetti, con danni enormi sul futuro dei ragazzi”, segnala il rapporto. “L’aumento delle pene e la possibilità di disporre la custodia cautelare in particolare per i fatti di lieve entità legati alle sostanze stupefacenti” continuerà “a determinare un grande afflusso di giovani in carcere anche in fase cautelare”. “Invece di intervenire sui servizi per la tossicodipendenza e sull’educazione nelle scuole – rileva Antigone – si va a inasprire una figura di reato che porterà a maggiori arresti di minori che consumano sostanze psicotrope anche leggere e sono spesso coinvolti solo occasionalmente con lo spaccio”.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Domenico Modugno, un nuovo disco a trent’anni dalla sua scomparsa

Si intitola “Come in un sogno di mezza estate” e sarà disponibile dal 24 maggio

Amadeus: “Mai fatto richieste per familiari o contro altri”

Il conduttore parla in un messaggio sui social dopo il suo addio alla Rai

Leggerissime

Il cibo è la prima ricchezza dell’Italia

Il dato in occasione della prima Giornata del Made in Italy. Il vino è la voce principale dell’export

 
  Diretta

Top News

Continua la corsa del prezzo della benzina, quasi 2 euro al litro al self. Stabile il diesel

In continuo aumento il prezzo della benzina, mentre resta stabile il diesel. Dai dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi del Mimit, aggiornati alle 8 del 16…

Copenaghen, incendio distrugge il palazzo della Borsa, crollata la celebre guglia

Un grosso incendio è divampato nell’edificio della Borsa nel centro storico di Copenaghen, risalente al XVII secolo, facendone crollare la famosa guglia alta 54 metri.…

Israele risponderà all’Iran, Teheran: “La replica sarà ancora più forte”. Ma Netanyahu rassicura: “Nessun pericolo per i Paesi arabi”

Netanyahu afferma che “Israele risponderà all’attacco dell’Iran” e Teheran dovrà aspettare “nervosamente senza sapere quando” accadrà. “Qualsiasi aggressione incontrerà una risposta ancora più forte”, minacciano…

Ponte sullo Stretto, arriva un esposto di tecnici messinesi che potrebbe bloccare l’opera

Dubbi sulla regolarità di pareri e documenti presentati per la costruzione del ponte sullo Stretto. Un esposto alla Procura di Messina e alla Corte dei…

Locali

Rifiuti nel bosco urbano di Capurso, denunciato un imprenditore leccese

Rifiuti sversati illegalmente nell’area del bosco urbano a Capurso, nel Barese. Il Comune aveva previsto di adibire l’intera a spazi per cittadini, con strutture per…

Comunali Bari, Leccese e Laforgia restano entrambi in campo. Il comunicato congiunto: divisi al primo turno, ma dalla stessa parte

Vito Leccese e Michele Laforgia, in un comunicato congiunto, hanno spiegato che resteranno entrambi in campo come candidati sindaco di Bari. Nonostante questa divisione, si…

Secondo assalto in due giorni a un Postamat nel Salento, danni ingenti

Un nuovo assalto al Postamat nel Salento, questa volta a Tricase, a 24 ore da quello a Castrignano del Capo. Anche in questo caso i…

Giovane ferito in agguato a Bari, cinque arresti, due sono minorenni

Ci sono anche due minorenni tra le cinque persone di età compresa tra i 16 e i 23 anni, tutte di Bari, arrestate dai carabinieri…

Made with 💖 by Xdevel