Ascolta Guarda
Regione Puglia - Battiti Live 2022

Doppio cognome, da oggi la sentenza della Consulta cambia il diritto all’identità dei nuovi nati

Da oggi scatta l’ora X per la regola destinata a cambiare i rapporti uomo-donna dentro e fuori la famiglia e il diritto all’identità dei figli: il doppio cognome per i nuovi nati o anche solo quello della mamma o del papà. E’ il frutto della pronuncia storica con la quale la Corte costituzionale il 27 aprile scorso ha dichiarato illegittima l’automatica assegnazione del cognome paterno. L’efficacia scatta con la pubblicazione, oggi, della sentenza sulla Gazzetta ufficiale e investe tutti i bimbi che ancora non sono stati dichiarati all’anagrafe. I neonati prenderanno il doppio cognome, nell’ordine stabilito dai genitori, o anche solo quello di uno di loro di comune accordo.
Se non ci sara’ l’intesa sull’ordine dei due cognomi la questione sarà risolta dal giudice, il cui intervento è già previsto
dall’ordinamento giuridico in tutti i casi di disaccordo su scelte riguardanti i figli. Almeno fino a quando sarà il Parlamento a intervenire con una legge, dettando eventualmente, altri criteri, come sottolineano le motivazioni della sentenza depositate ieri.
“Ora tocca al Parlamento, andiamo avanti”, commenta la ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti. La
sentenza chiarisce le ragioni per le quali l’attribuzione automatica del cognome paterno, che era prevista dall’articolo
262 del Codice civile e da svariate altre norme, è in contrasto con i principi costituzionali e con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Quell’automatismo “si traduce nell’invisibilità della madre” ed è il segno di una diseguaglianza fra i genitori, che “si riverbera e si imprime sull’identità del figlio”. Il cognome “collega l’individuo alla formazione sociale che lo accoglie ” e “si radica nella sua identità familiare”, perciò deve “rispecchiare e rispettare l’eguaglianza e la pari dignita’ dei genitori”. Lo stesso, eventuale, accordo fra i genitori per attribuire un solo cognome presuppone una regola che ripristini la parità, poiché senza eguaglianza, spiegano i giudici, mancano le condizioni per un autentico accordo.
Il legislatore ora dovrà “impedire che l’attribuzione del cognome di entrambi i genitori comporti, nel succedersi delle
generazioni, un meccanismo moltiplicatore che sarebbe lesivo della funzione identitaria del cognome””, ma anche per tutelare “l’interesse del figlio a non vedersi attribuito un cognome diverso rispetto a quello di fratelli e sorelle”. I giudici
indicano anche le possibili soluzioni alle due questioni aperte. L’ultimo nodo si potrebbe sciogliere rendendo la scelta del cognome attribuito al primo figlio vincolante anche per i suoi fratelli e sorelle.

La decisione della Consulta è arrivata sul ricorso di una famiglia lucana contro la decisione degli uffici comunali di Potenza di iscrivere nel registro un figlio della coppia, il terzo, con lo stesso cognome dei primi due fratelli. I primi due, infatti, sono stati registrati col cognome della madre perché la coppia non era sposata. Dopo il matrimonio, il padre, che ha riconosciuto i due figli, ha deciso di lasciare a entrambi soltanto il cognome di lei. Per non creare differenze tra fratelli avrebbero voluto fare lo stesso anche col terzo figlio, nato due anni dopo. Ma gli uffici comunali si sono opposti, concedendo soltanto l’iscrizione col doppio cognome.

A sottoporre la vicenda alla Consulta, a novembre dell’anno scorso, è stata la Corte d’appello di Potenza dichiarando «rilevante e non manifestamente infondata» la questione di legittimità costituzionale delle norme in materia, sollevata dall’avvocato Domenico Pittella che ha assistito i due coniugi.


Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Chiara Ferragni, la prima volta a Gallipoli

L’influencer ha accompagnato il marito Fedez in Puglia per Battiti Live. Ha cucinato le orecchiette e scoperto il mare di Gallipoli …

Musica in lutto, è morta Irene Fargo

Fu due volte a Sanremo dove arrivò seconda. Renato Zero: "Io ti penserò e farò in modo che la mia musica ti arrivi e ti…

Leggerissime

Pellè sposa a Ostuni la modella ungherese Viktoria Varga

Matrimonio pugliese per l'ex attaccante della nazionale 

Paola Turci e Francesca Pascale si sposano

Il matrimonio tra la cantautrice  e la ex fidanzata di Silvio Berlusconi sarà officiato domani a Montalcino

 
  Diretta

Top News

Svezia, uccisa una donna durante un evento politico: secondo i media l’attentatore è legato a un gruppo neonazista

Tragedia in Svezia, dove una donna di 60 anni è stata accoltellata e uccisa da un uomo sulla trentina mentre assisteva a una convention di…

Estradato il boss Rocco Morabito, tra i più pericolosi narcotrafficanti al mondo

Rocco Morabito, uno dei più potenti boss al mondo, capace di spostare ingenti quantitativi di droga, è stato estradato dal Brasile, al termine di un…

Covid, in Italia incidenza stabile al 28%

In Italia, su 380.035 tamponi analizzati – molecolari e antigenici – 107.786 sono risultati positivi. Incidenza al 28,4%, stessa percentuale di martedì. Sono 72 i…

Johnson assediato per lo scandalo Pincher, il suo governo perde pezzi. Decine di dimissioni

Boris Johnson in una tempesta con pochi precedenti in Inghilterra. Il primo ministro inglese è stato travolto dallo scandalo Pincher e il suo esecutivo perde…

Locali

Aggressione omofoba nel parco Rossani, la Procura di Bari apre un’inchiesta

La Procura di Bari ha avviato un’inchiesta sulla presunta aggressione omofoba avvenuta domenica sera nel parco Rossani, contro una ragazza di 23 anni di Foggia…

Incendi, brucia ancora Minervino Murge. Le fiamme lambiscono Ascoli Satriano, evacuate alcune abitazioni. Roghi anche nel Materano

Il sindaco del Foggiano: “Non è esclusa una taglia sui piromani” Paura per i cittadini di Ascoli Satriano, nel Foggiano, dove le fiamme di un…

Covid, in Puglia salgono i ricoveri nelle ultime 48 ore. Tre i decessi. Bari e Lecce le province con più contagi

Sono 8.559 i nuovi casi di Covid in Puglia su 26.646 test registrati nelle ultime 24 ore, con un’incidenza del 32,1%. Le vittime sono state…

Aggrediscono carabiniere fuori servizio che filmava un pregiudicato con obbligo di dimora, sei misure cautelari nel Foggiano

Smantellata dai carabinieri, nel Foggiano, una banda di giovani violenti. Sei le misure cautelari eseguite, quattro gli arresti domiciliari e due gli obblighi di firma.…

Made with 💖 by Xdevel