Ascolta Guarda

Fedez – Album contrario all’ordine pubblico e al buon costume

Un poliziotto a cavallo e Fedez che vomita un arcobaleno. La copertina dell’ultimo album del rapper, Pop-Hoolista, ha suscitato perplessità nell’ufficio brevetti del ministero dello Sviluppo economico che ha chiesto spiegazioni ritenendo l’immagine di copertina “contraria all’ordine pubblico perché ritrae un poliziotto e al buon costume perché c’è la scena del vomito”. Una comunicazione che ha fatto andare su tutte le furie il cantante: “Si vede che gli uffici del Ministero hanno molto da fare, complimenti, quindi siamo ufficialmente fuorilegge?”, si è chiesto in un video pubblicato su Facebook in cui mostra la nota del Ministero assistito dal suo avvocato che dice: “Vogliono ostacolarci”. “Il ministero dello Sviluppo economico ha dichiarato fuorilegge la copertina del mio album!”, scrive Fedez che raccoglie su Facebook 50 mila like, lanciando l’hashtag #hocompratounalbumillegale che scala le classifiche di Twitter. A Fedez non è bastata neanche la precisazione del Ministero: “I contenuti – precisa una nota – ed in particolare l’immagine di un poliziotto che sembra picchiare un personaggio che sta vomitando, sono sembrati all’Ufficio italiano dei marchi e dei brevetti come non rispondenti alla normativa che regola la tutela dei brand”. Una normativa che recita: “Non possono costituire oggetto di registrazione come marchio d’impresa i segni contrari alla legge, all’ordine pubblico o al buon costume”. Fedez ha due mesi di tempo per rispondere nel frattempo l’album puo’ tranquillamente restare in circolazione ed essere venduto. Fedez però non si lascia scappare la formidabile occasione per sfruttare al massimo la situazione parlando di “censura” e mostrando in video una maglietta “Obey”, in vendita in tutto il mondo, che ritrae un maiale vestito da poliziotto: “Se è illegale un poliziotto che cavalca un pony figuriamoci un maiale col cappello da poliziotto”, dice. Poi scrive: “Un’azione che, a esser buoni, ha il sapore dell’ottusità retrograda e, a voler essere maliziosi, puzza di censura: limitare l’espressione altrui è da sempre l’ultima spiaggia di chi non ha nulla da dire. Paese delle meraviglie ma io non mi meraviglio!”. Intanto, censura o no, la pubblicità, gratuita, è assicurata.

Maurizio Angelillo

Musica & Spettacolo

Mr. Rain in diretta su Radio Norba

Appuntamento venerdì, 8 marzo, alle 16

Alfa in diretta su Radio Norba

Sarà ospite martedì 5 marzo alle 16

 
  Diretta

Top News

Scambio elettorale politica-mafia a Bari, si dimette la consigliera comunale arrestata

Si è dimessa dal consiglio comunale di Bari Maria Carmen Lorusso, agli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta su presunti scambi elettorali politica-mafia, che ha portato all’arresto,…

Derby Cosenza – Catanzaro, scontri in autostrada e 13 agenti feriti

Scontri tra la Polizia e i tifosi del Catanzaro in autostrada. Il bilancio è di 13 agenti contusi. Stando a quanto ricostruito, un gruppo di…

Spiragli di pace a Gaza. Continua la tensione nel Mar Rosso

Ci sono finalmente spiragli per una tregua duratura a Gaza che favorisca un nuovo scambio di prigionieri. Secondo Washington, Israele ha accettato «più o meno»…

Terremoto ai Campi Flegrei avvertito anche a Napoli ma senza danni

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 è stata registrata poco dopo le 10 nell’area dei Campi Flegrei, seguita da altri fenomeni di intensità minore.…

Locali

Scontri in autostrada, tifosi del Lecce lanciano bombe carta e fumogeni contro le forze dell’ordine

Scontri in autostrada tra i tifosi del Lecce, di ritorno da Frosinone, e la Polizia. I sostenitori salentini avrebbero voluto vendicare un agguato subito all’andata…

Prestiti a tassi del 400% a Taranto, arrestate 7 persone

 Operazione antiusura a Taranto. La Guardia di Finanza ha arrestato sette persone, 5 in carcere e 2 ai domiciliari. Sequestrati beni per un totale di…

“Siete arrivati in ritardo”, botte agli operatori del 118 a Foggia. Il malato trasportato in ospedale scortato dalla polizia

Calci e pugni agli operatori del 118 perché troppo lenti. E’ accaduto ieri mattina a Foggia. Stando a quanto ricostruito, i sanitari sono stati aggrediti…

Omicidio di mala nel Salento, confessa il killer

Il presunto killer di Antonio Amin Afendi, 33 anni, ucciso a colpi di pistola sabato mattina in pieno centro a Casarano, in provincia di Lecce,…

Made with 💖 by Xdevel