Fedez: "Il mio anticipo sui prossimi concerti tutto per i lavoratori dello spettacolo" - Radionorba
  • Scarica l'app

Fedez: “Il mio anticipo sui prossimi concerti tutto per i lavoratori dello spettacolo”

Fedez: “Il mio anticipo sui prossimi concerti tutto per i lavoratori dello spettacolo”

Il rapper in aiuto del settore in difficoltà

Il rapper e influencer Fedez ha deciso di intervenire a fianco dei lavoratori dello spettacolo, il cui lavoro, a causa delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria, e’ fortemente a rischio.

Dal suo profilo Instagram, Fedez ha detto: “Io non sono per gli appelli politici, ho una visione abbastanza disincantata del mondo e credo che non servano a nulla fondamentalmente, cosi’ utilizzo i miei spazi social per proporre una soluzione pragmatica che noi artisti possiamo fare e le stesse agenzie di booking possono mettere in atto: gli artisti di un certo calibro che fanno palazzetti hanno nel loro contratto una certa cosa che viene chiamata ‘anticipo minimo garantito’, quindi tutti gli artisti che hanno rimandato i loro
tour in qualche modo hanno percepito delle somme di denaro importanti. Io metto a disposizione il 100% del mio anticipo; se tutti gli artisti mettessero una parte del loro anticipo per istituire un fondo porteremmo avanti un po’ meno parole e un po’ piu’ di concretezza”.

E’ questa dunque la proposta pensata da Fedez, che nel proporre la propria idea, non la prima per quanto riguarda iniziative di beneficenza in periodo Covid, non tralascia di lanciare una frecciatina alle stesse agenzie di booking: “mi sento di dire alle agenzie di booking, che non hanno rimborsato i biglietti
dei tour che sono stati rimandati, che i soldini ce li hanno in cassa, quindi siccome l’evento che e’ stato fatto all’Arena di Verona purtroppo non ha portato i risultati che ci si aspettava, potremmo unire le forze tutti insieme, secondo me e’ una bella cosa, vediamo”. E, riassumendo, conclude: “A me non me ne frega di mettere il cappello su questa cosa, ci sono stati grandissimi artisti italiani che hanno portato avanti
questa causa, hanno lungamente dibattuto in televisione dicendo che c’era bisogno; se questi artisti vogliono prendere in mano le redini di questa cosa a me non interessa prendermi i meriti di nulla, e’ solo un’idea ed io sono qua. Per quanto riguarda le agenzie di booking, sarebbe bello che partecipassero anche
loro..perche’ mi sto un po’ mordendo la lingua”. Ora non resta che aspettare come risponderanno all’appello artisti e agenzie.

Angela Tangorra