Ascolta Guarda

La fame non fa sentire il dolore

Una ricerca dimostra che di fronte all’istinto della fame, il dolore si arresta



La scienza ci aiuta a capire che il dolore è un meccanismo di difesa che ci aiuta ad evitare rischi e pericoli  e a sopravvivere. Di fronte all’istinto primario della fame, il dolore, però, si attenua. La scoperta è firmata da  un gruppo di ricercatori dell’Università della Pennsylvania, premiata oggi e pubblicata sul numero di novembre di Science. “La fame cambia la nostra percezione del mondo”, ha dichiarato all’agenzia di stampa AGI la neuro scienziata Amber Alhadeff, a capo della ricerca e vincitrice dell’Eppendorf & Science Prize for Neurobiology 2021. Per arrivare a questo risultato, gli  esperti hanno esaminato l’interazione tra fame e dolore, due sensazioni che abbiamo potenzialmente allo stesso tempo.


“Abbiamo scoperto che la fame – commenta l’esperta – attraverso l’attivazione di una piccola popolazione di neuroni ipotalamici nel cervello, sopprime fortemente il dolore. Abbiamo anche determinato che questo circuito rilascia un peptide, il Neuropeptide Y nel romboencefalo, esercitando questi effetti. Questi neuroni consentono agli individui, anche di fronte al dolore, di andare a trovare il cibo di cui hanno bisogno per sopravvivere”.


La fame cambia la nostra percezione del mondo che ci circonda e come comunicano i segnali dall’intestino con i centri della fame nel cervello. “Eravamo anche interessati ai segnali  che disattivano l’attività nei neuroni della fame – prosegue la neuroscienziata dell’Università della Pennsylvania – in questo lavoro, abbiamo scoperto che i nutrienti nell’intestino sono i principali regolatori dei neuroni ipotalamici della fame. Abbiamo anche scoperto che diversi nutrienti, ad esempio grassi e zuccheri, coinvolgono diversi percorsi neurali del cervello intestinale per spegnere i neuroni della fame nel cervello. Quindi, nel complesso, questi esperimenti caratterizzano davvero il modo in cui il rilevamento dei nutrienti nell’intestino coinvolge i percorsi neurali che comunicano con il cervello e, in definitiva, con i neuroni della fame, spegnendoli quando mangiamo cibo”.

Questo lavoro, secondo l’esperta, “può avere implicazioni per lo sviluppo di terapie, in particolare legate all’obesità e potenzialmente ad altri disturbi alimentari. La nostra scoperta di percorsi paralleli per l’inibizione dei neuroni della fame può essere sfruttata come bersagli per migliori terapie per la perdita di peso. A nessuno piace essere affamato e in effetti, credo che questo sia uno dei motivi principali per cui la dieta per dimagrire è generalmente così difficile. I nostri dati forniscono una migliore comprensione di come inibire i neuroni della fame nel cervello, magari attivando
questi percorsi nell’intestino, così da progettare strategie di perdita di peso più efficaci”.

Angela Tangorra

Musica & Spettacolo

Amadeus a Sanremo con Fiorello? “Per lui le porte sono aperte. I Maneskin? Chissà….”

“Dopo di  me? Solo donne". Antonella Clerici: “Mi piacerebbe chiudere la carriera con un altro festival”

Bryan Adams positivo al covid dopo il controllo a Malpensa

È la seconda volta in un mese. La positività dopo il volo da New York

Sport

Maradona ispira il Napoli: finisce 4-0 con la Lazio. In campo sfila la statua a grandezza naturale salutata da 35mila tifosi

Nel turno infrasettimanale il Napoli gioca in casa del Sassuolo, che ieri ha fatto lo sgambetto al Milan di Pioli

Leggerissime

Gli italiani usano il black Friday 2021 per comprare i regali di Natale

Sono quattro italiani su dieci a spendere in questa giornata dedicata alle offerte.  Solo il 12% non farà acquisti

L’olio extravergine italiano nello spazio con Samantha Cristoforetti

Sarà lanciato nel 2022. Gli astronauti lo useranno nella loro dieta

 
  Diretta

Top News

Maltempo in arrivo al Sud, allerta arancione in Calabria e Campania

Allerta meteo nelle regioni del Sud dove si attendono già da stasera temporali e venti forti. Allerta arancione per la Calabria e la Campania, nevicate…

Variante Omicron, il paziente zero: “Sono contento di essere vaccinato”

“Sono contento di essermi vaccinato perché  nel nostro caso il vaccino ha funzionato in maniera egregia”. Lo ha detto il “paziente zero” della variante covid.…

Giornalista molestata in diretta: “A quante donne succede nel silenzio”

Solidarietà anche dal sindacato dei giornalisti delle Marche per Greta Beccaglia, giornalista vittima di una molestia mentre parlava in diretta tv da parte di un…

Covid, in Italia quasi 13mila nuovi positivi e 47 vittime. Indice di positività al 2,1%

Sono 12.932 i positivi al covid su 512.592 test individuati in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano…

Locali

Il Foggia annienta la Vibonese: pokerissimo allo Zaccheria. Vincono anche Picerno e Andria, a Messina

Il Foggia allontana lo spettro della crisi, ritrova la vittoria e soprattutto il gioco zemaniano, davanti a propri tifosi, contro la Vibonese, avversario non irresistibile.…

Incidenti stradali, morti due fratelli sulla Turi-Castellana Grotte. Gravi i due amici. Nel Barese 7 feriti in altri due scontri

Sono tre in tutto gli incidenti stradali avvenuti questa notte nel Barese, a pochi chilometri di distanza gli uni dagli altri. Nel primo hanno perso…

Covid, in Puglia 129 nuovi casi e nessun decesso. In Basilicata 49 positivi e una vittima

Oggi in Puglia si registrano 129 nuovi casi di coronavirus su 19.468 tamponi analizzati. Non ci sono decessi. I nuovi casi sono così distribuiti: 45…

Molestie per strada, arrestato un 24enne a Lecce

La polizia ha arrestato a Lecce un 24enne con l’accusa di atti persecutori e violazione di domicilio continuata. L’uomo era ritenuto responsabile di molestie nei…

Made with 💖 by Xdevel