Ascolta Guarda

MARCO MENGONI

È Materia (Prisma) il nuovo album di Marco Mengoni, disponibile da venerdì 26 maggio per Epic Records Italy / Sony Music Italy e già in pre-order e pre-save. Il terzo progetto discografico conclude la trilogia multiplatino MATERIA, un percorso in tre album che presenta tre anime differenti e complementari, inaugurato a dicembre 2021 con Materia (Terra) e proseguito ad ottobre 2022 con Materia (Pelle).

L’ultimo album di Marco Mengoni Materia (Prisma) arriva a pochi giorni dalla partecipazione del cantautore all’Eurovision Song Contest 2023, l’evento non sportivo più seguito al mondo, che lo ha visto classificarsi alla quarta posizione con Due Vite, aggiudicandosi inoltre il Marcel Bezençon Composer Award, il premio assegnato per la miglior composizione da tutti gli autori dei brani in gara.

Materia (Prisma) suggella un percorso unico di oltre due anni e uscirà questo venerdì insieme al nuovo singolo Pazza musica – e al videoclip ufficiale – che vede Marco Mengoni ed Elodie per la prima volta insieme in un progetto discografico. Il brano, scritto da Paolo Antonacci, Davide Petrella, Davide Simonetta e Stefano Tognini (Zef) e prodotto da E.D.D., Simonetta e Zef, è un inno alla libertà che ci accompagnerà per tutta la prossima estate, un invito ad assaporare il piacere di lasciarsi andare, abbandonando le preoccupazioni quotidiane.

Il videoclip, girato a Milano con la regia di Roberto Ortu – già dietro la macchina da presa di tutti i video che hanno accompagnato il progetto Materia, regala al brano un immaginario anche visivo di libertà e spensieratezza, richiamando l’’attitudine tipica del block party che, attraverso la musica e il divertimento, crea un momento di forte aggregazione e comunione.

Con questo nuovo ed ultimo capitolo Materia (Prisma), il cantautore esplora nel profondo ogni singola sfaccettatura che caratterizza l’essere umano, traducendo in musica le esperienze e gli insegnamenti che ha fatto propri grazie al suo spirito d’osservazione che da sempre lo accompagna, come lui stesso racconta: “Ho pensato, vissuto e scritto questo album analizzando stati d’animo e comportamenti, da quelli più carnali o poco razionali, ma anche quelli abituali e conosciuti, cercando di mostrare una visione filtrata di quel che la natura umana mi ha mostrato”.

“Il prisma ha la capacità di scomporre la luce e mostrare i colori che la compongono. Dicono sia fisica, per me è pura magia. L’uomo è un prisma: ha la capacità di assorbire esperienze, filtrarle e scomporle per analizzarne ogni possibilità e ogni significato…

Esiste solo una differenza: l’uomo ha una coscienza, il prisma no.”, così questo album, a chiusura della trilogia, ci permette di avere uno sguardo sulla realtà attraverso diversi punti di vista e prospettive, svelando e abbracciando un mondo di sfumature nascoste ed uniche. Ogni oggetto, ogni persona, ogni storia e ogni viaggio assumono molteplici significati e chiavi di lettura a seconda del punto di vista attraverso cui si guardano. Questo rappresenta una enorme ricchezza per chi è in grado di approcciarla senza il metro del giudizio.

Materia (Prisma) chiude, anche musicalmente, il percorso iniziato con Materia (Terra), l’album che ha aperto il capitolo MATERIA (triplo platino): un disco che parte dalle radici di Marco Mengoni e dalle sonorità soul, blues, gospel e funk, che sono la sua “terra”, generi che lo accompagnano da sempre, una sorta di imprinting musicale. Il viaggio del cantautore è proseguito con Materia (Pelle), disco che racchiude quanto ha segnato la “pelle” di Mengoni, quanto la sua epidermide ha assorbito nel corso della sua vita: trovano quindi spazio espressioni musicali diverse, come anche l’elettronica o il clubbing, mettendo al centro la ricerca, la curiosità verso i suoni del mondo che popolano le tracce di questo disco che include idiomi lontani e strumenti sconosciuti ai più. Un album di ricerca, collaborazione e unione di sonorità provenienti da tutto il mondo.


Materia (Prisma) si sviluppa in 10 tracce e apre con il brano vincitore della 73esima edizione del Festival di Sanremo e quarto classificato all’Eurovision Song Contest,  Due vite. Il brano è già certificato triplo disco di platino, ha totalizzato oltre 135 milioni di stream audio/video, è tornato, post finale all’ESC, nella top 200 della classifica global di Spotify. Il video ufficiale ha superato i 60 milioni di views su YouTube ed è il videoclip più visto tra i brani presentati ad Eurovision 2023. Anche la performance di Due Vite sul palco della Liverpool Arena  è tra le più viste su tutti i social di Eurovision, incluso il profilo YouTube ufficiale della manifestazione.

La tracklist prosegue con Fiori d’orgoglio (feat. Ernia): un ritmo travolgente racconta le difficoltà che si presentano quando si sente il bisogno di tornare sui propri passi dopo gli errori commessi in un rapporto. L’orgoglio è un sentimento complesso, che crea una distanza imposta, negando l’espressione del proprio io più onesto per proteggersi. “Mi manca ma non te lo dico mai, quando chiedevi tutto senza dare mai”. Il terzo brano di Materia (Prisma) è Pazza musica (con Elodie), nuovo singolo in uscita venerdì 26 maggio (insieme al videoclip ufficiale), che ha visto per la prima volta i due artisti lavorare in studio insieme: un inno alla libertà che ci accompagnerà per tutta l’estate, un invito ad assaporare il piacere di lasciarsi andare abbandonando le preoccupazioni quotidiane (“Corriamo forte sopra le paure e il panico, per mandare tutto al diavolo senza nessun perché”). Si prosegue con Incenso: una ballad classica sporcata con elementi come synth, vocoder, per darle un carattere più spinto. Un rapporto arrivato al capitolo finale, l’idea di lasciarsi senza giudicare ma anche l’umano dolore e la voglia di continuare a sognare: con i ricordi che si mischiano alla realtà. La quinta traccia è Un’altra storia, una canzone – tra gli autori Franco 126 – che è come una fotografia piena di ricordi, alcuni vissuti intensamente e altri che non si ha avuto il coraggio di vivere e che, quindi, si possono solo idealizzare, viscerale e carica di sentimenti, questa canzone è una presa di coscienza che custodisce con cura tutte le emozioni e i bei momenti passati che riaffiorano alla mente, “guardo la tua ombra farsi piccola, fino a scomparire”. L’album prosegue con In tempo, un brano dalle sonorità elettroniche minimali unite agli archi di Rob Moose, ci porta in una dimensione inaspettata. Il testo è il riflesso delle contraddizioni che abitano ogni persona, in cui sogno e realtà si contrappongono, “vieni adesso a risvegliarmi in tempo, è un sogno così vivido”. Ritmato ed in sintonia con la produzione curata da Crookers, In tempoè espressione delle influenze elettroniche di Marco Mengoni, che donano al brano delle sfumature inedite ed uniche. Si passa poi a The damned of the Earth: una canzone con un testo profondo e intenso: il riferimento chiaro è alla piaga del caporalato, alla violenza e alla disumanità che si porta dietro. Sono le strofe serrate il perno del brano, seguite dalla parte strumentale, ricca di contaminazioni africane appoggiate su una ritmica rap anni ‘90 e cori. A chiudere il pezzo la registrazione della voce di Nelson Mandela, figura simbolo della battaglia e della lotta per la pace e l’uguaglianza: “Our march to freedom is irreversible, we must not allow fear to stand in our way”, è la frase pronunciata dal Premio Nobel per la pace nel 1990 in occasione del suo rilascio dalla prigione in Sudafrica e che arricchisce questo inno. La tracklist prosegue con Lasciami indietro (feat. Jeson) che rappresenta la visione più attuale del gospel per Marco. Nella canzone anche Jeson, giovane cantautore romano che firma anche il brano e che con il suo sound rap e R&B, allarga lo spettro del pezzo: un elogio ai propri errori, alle proprie debolezze e limiti, per imparare a vederli come trampolino di lancio, e una spinta ad andare oltre e “vivere il brivido di un salto”. Il brano che chiude l’album è Due Nuvole, che vede Calcutta tra gli autori alla prima collaborazione con Mengoni. Il brano è la fotografia di un incontro tra due persone che si ritrovano dopo tanto tempo e che, con timore, cercano un modo per rimettere insieme i pezzi (“Io per paura non ti chiedo che fai, se sei felice, se hai cambiato città”). Un brano decisamente cantautorale che trova il suo vestito perfetto con l’elettronica francese che lo veste.

Come in Materia (Terra) e in Materia (Pelle), anche nella tracklist di  Materia (Prisma) compare un appunto, un intermezzo inserito per esplicitare al meglio il senso e la traiettoria dell’album. L’Appunto 5: Non sono questo è stato il punto di partenza di questo disco e racconta dell’uso della voce anche come strumento, è infatti solo la voce di Marco protagonista di questo interludio, che – a differenza dei precedenti – ha più le fattezze del brano compiuto.

Anche in questo ultimo album, Marco Mengoni ha scelto di collaborare con diversi produttori, molti già coinvolti in Materia, che hanno contribuito alla creazione del progetto portando la propria visione artistica e riflettendo il significato più profondo di prisma anche sotto questa dimensione. Presente anche in questo album E.D.D. (Giovanni Pallotti), bassista e produttore da tempo a fianco di Marco Mengoni, che firma la produzione della maggior parte dei brani dell’album in collaborazione con altri producer. A partire da Due vite prodotta con Davide Simonetta, insieme conferiscono a questa ballad una struttura non classica; sempre con  Simonetta e, questa volta, con Zef, cura anche la produzione di Pazza musica, donando al singolo una veste pop con un’impronta fresca e leggera.

E.D.D. insieme a Zef e Marz tornano nuovamente dopo la collaborazione in Materia (Pelle) e firmano la produzione di Fiori d’orgoglio. Per Incenso la produzione è affidata, insieme a Pallotti, ad Estremo, F. Fugazza e P. Pasini, mentre per Un’altra storia è stata seguita da E.D.D. con  Katoo (nome d’arte di Francesco Catitti) e B. Ventura, che uniscono perfettamente il mondo dell’orchestra e quello più elettronico. In tempo è prodotto da Crookers – che dona al brano delle sfumature inedite ed uniche grazie alle sue influenze elettroniche, e FLIM – formazione composta da musicisti collaboratori di lunga data di Mengoni (Davide Sollazzi, Massimo Colagiovanni e Giovanni Pallotti), che hanno prodotto insieme a Clap! Clap! (nome d’arte di Cristiano Crisci) anche The damned of the Earth, esaltando con il brano sonorità e ritmi africani. Massimo Colagiovanni e MDM partecipano a Lasciami indietro, mentre F. Nardelli producecon E.D.D., Due nuvole sfruttando le sonorità drum-based per donare al brano uno spirito contemporaneo.

La direzione musicale di Materia (Prisma) è di Marco Mengoni con Giovanni Pallotti. Marco Mengoni inoltre ha curato personalmente le produzioni e gli arrangiamenti vocali.Continua anche la collaborazione con Andrea Suriani, uno dei più affermati fonici di studio e live, che ha curato i mix e i master della trilogia MATERIA.

Materia (Prisma) sarà disponibile in digitale, in formato CD, in versione vinile LP Bianco 140gr e in versione cofanetto CD con Materia (Terra) e Materia (Pelle) Greenbox 100% Plastic Free 100%. Con il progetto Materia (Prisma) prosegue l’impegno di Marco Mengoni per sensibilizzare contro l’uso di plastica monouso tanto da scegliere come packaging nuovamente un greenbox 100% plastic free, con carta proveniente da una filiera di approvvigionamento gestita in modo responsabile (con certificazione FSC).

Marco Mengoni quest’estate sarà live negli stadi a Bibione (17 giugno), Padova (20 giugno)  Salerno (24 giugno), Bari (28 giugno – SOLD OUT), Bologna (1 luglio – SOLD OUT), Torino (5 luglio), Milano (8 luglio – SOLD OUT) e il 15 luglio al Circo Massimo per il gran finale.

I live in italia anticipano il primo tour di Marco Mengoni nei grandi spazi europei in programma il prossimo autunno a Barcellona (18 ottobre al Sant Jordi Club), Bruxelles (21 ottobre al Forest National), Amsterdam (23 ottobre all’AFAS Live), Parigi (25 ottobre allo Zénith Paris), Francoforte (27 ottobre presso Jahrhunderthalle), Vienna (29 ottobre al Gasometer), Zurigo (31 ottobre presso Hallenstadion) e Monaco (2 novembre all’Olympiahalle).

Musica & Spettacolo

Aaron in diretta su Radio Norba

Venerdì 24 maggio alle 16 con Alan Palmieri

Ermal Meta in diretta su Radio Norba

Appuntamento mercoledì 22 maggio alle 12 con Marco e Claudia

Yes We Work

 
  Diretta

Top News

Fondazione con il Sud, sei meridionali su 10 bocciano la sanità pubblica. E non si fidano della politica

Più di sei meridionali su 10 si ritengono del tutto insoddisfatti dai servizi sanitari pubblici, al contrario dei cittadini del Nord, che al 70% promuovono…

Kate per ora non torna agli impegni pubblici

Un comunicato ufficiale di Kensington Palace rivela che la principessa è sottoposta a chemioterapia e  seguirà comunque a distanza le attività della sua fondazione Kensington…

Sciame sismico nei Campi Flegrei, da ieri sera oltre 150 scosse. La più forte di magnitudo 4.4

Paura nella zona dei Campi Flegrei, nel napoletano, per uno sciame sismico, che dalle 19.51 di ieri ha fatto registrare oltre 150 scosse. La più…

Morte Raisi, domani i funerali. Proclamati cinque giorni di lutto nazionale

Saranno celebrati domani a Tabriz i funerali del presidente iraniano, Ebrahim Raisi, morto in un incidente in elicottero insieme ad altre otto persone. Il leader…

Locali

Pediatri di libera scelta: nessuna carenza in Puglia ma entro il 2026 sono previsti 145 pensionamenti

La Puglia è tra le regioni italiane a non registrare carenze di pediatri ma è la quinta regione che vedrà andare in pensione più professionisti.…

Investì il figlio mentre guidava ubriaca, Ginetta la perdona: “L’unica via contro la follia del dolore”

Il perdono, alle volte, può salvare dalla follia del dolore. Anche di quello di una madre che perde suo figlio. “Ho perdonato chi ha investito…

Rapinarono una donna mentre rincasava, due arresti a Bari

Avrebbero rapinato una donna nel centro di Bari, strappandole la borsa mentre stava rincasando e facendola cadere. È l’accusa che ha portato agli arresti domiciliari…

Xylella, l’Unione europea aggiunge sei Comuni pugliesi all’elenco delle aree infette

Fasano, Alberobello, Castellana Grotte, Monopoli, Polignano a Mare e Putignano. Sono i sei Comuni pugliesi che la Commissione europea ha aggiunto all’elenco delle zone infette…

Made with 💖 by Xdevel