Ascolta Guarda

Nucleare, Cingolani: “Non sono contrario ma neanche un fan. La priorità è decarbonizzare”

Aperture verso l’impiego dell’energia nucleare in Italia arrivano stamani dalla Puglia, dove il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, sta partecipando alla terza giornata di Digithon, la maratona digitale. “Non sono un fan del nucleare – ha detto il ministro – però non sono nemmeno uno che lo condanna il nucleare, e non sono fan di nessuna tecnologia. Però, essendo uno scienziato, secondo me la soluzione ancora non l’abbiamo ma se smettiamo di studiare, di fare ricerca e innovazione, certamente la soluzione non viene da sola”. “Secondo me questo è il momento dello studio”, ha aggiunto il ministro.
“La chiusura delle centrali nucleari è avvenuta per via dell’incidente di Fukushima, sull’onda anche un po’ emotiva, però la cosa più urgente in questo momento è chiudere le centrali a carbone entro il 2025”, ha proseguito Cingolani, rispondendo ad una domanda sul dibattito in Germania relativo al dare priorità alla chiusura delle centrali nucleari rispetto a quelle a carbone. “C’è un documento di intellettuali e scienziati tedeschi – ha continuato il ministro – che chiede di allungare un po’ l’utilizzo del nucleare proprio per favorire la crescita delle rinnovabili, perché comunque le rinnovabili chiedono tempo. Se devo supportarle con qualcosa che produce energia in maniera continua, adesso, avendo già una centrale nucleare, meglio tenere quella che tenere in funzione quelle a carbone. Diverso sarebbe costruirla”.
E qui entra in gioco il ruolo del gas. “Per eliminare il carbone e passare alle energie rinnovabili, per la transizione, ci vogliono decine di anni durante i quali il gas è oggettivamente il vettore energetico della transizione: è vero che è fossile ma produce meno CO2 del carbone e garantisce in combinazione con le rinnovabili la continuità della rete”. Sui rincari delle bollette di gas e luce, il ministro ha chiarito la situazione. “Oggi affrontiamo l’inverno con riserve di gas al minimo: non l’Italia, per fortuna, che ha riserve fino all’80%, però altri paesi del nord Europa hanno problemi. E in parte l’aumento dei prezzi del gas dipende da questo, da un problema di domanda e di offerta”. Poi ha svelato la strategia di mercato dei fornitori di gas. “Aver esasperato a parole – ha spiegato – il fatto che il gas va eliminato il prima possibile, ha creato il cosiddetto nervosismo di mercato: i provider del gas hanno detto ‘se demonizzate il gas vi facciamo vedere che chiudendo i rubinetti avete dei problemi'”. Senza tralasciare il “problema geopolitico importante: deve partire il Nord Stream e la Russia vuole essere sicura che non ci siano retromarce”. “Quindi – ha concluso Cingolani – una serie di fatti tengono il prezzo del gas alto, che pesa per l’80% sulla bolletta, il restante 20% dipende dall’aumento del costo della CO2, quindi la transizione ecologica pesa per il 20% sulla bolletta”.
Cingolani ha poi parlato del ruolo della Puglia, nel Mezzogiorno, di capofila della transizione ecologica. “Bisogna creare degli ecosistemi. A mio parere la Puglia nel Sud è una regione molto più avanzata della media. Ha delle caratteristiche forti. Anche economiche, di dinamicità – ha osservato Cingolani – vedo la Puglia un po’ come la locomotiva di quella parte dell’Italia che è un po’ più lenta. Quindi se non ci riesce la Puglia al Sud, difficile che ci riescano altri. Credo che da questo punto di vista si possa essere ottimisti”.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

LP su Radio Norba giovedì 2 dicembre

Sarà in collegamento con i nostri studi alle 17:30

Britney Spears compie 40 anni

Per la pop star un compleanno memorabile finalmente da donna libera

Sport

Serie A, rimonta dell’Empoli in casa del Torino

Granata avanti con Pobega e Pjaca, ma ripresi da Romagnoli e La Mantia

Sempre più donne scelgono di giocare a calcio

Il dato della Figc: negli ultimi dieci anni +66%  di tesserate

Leggerissime

Le feste saranno salate per gli italiani

Secondo il Codacons il Natale 2021 sarà il più caro  degli ultimi anni

Baglioni e Masini autori per “Lo Zecchino d’Oro”

Torna il concorso canoro per i più piccoli

 
  Diretta

Top News

Covid, cala l’incidenza ma aumentano i ricoveri in Italia. Il Veneto è la regione con più contagi

In Italia, su 679.462 tamponi eseguiti, 16806 sono risultati positivi. Indice di contagiosità al 2,5% ( – 0,2%). Sono 72 i morti registrati nelle ultime…

Figliuolo: vaccino ai bambini dal 16 dicembre, in arrivo un milione e mezzo di dosi

Al via dal 16 dicembre, in Italia, la somministrazione dei vaccini anti-Covid ai bambini dai 5 agli 11 anni dopo l’ok dell’Aifa. Lo ha annunciato…

Vaccini, forse trovata la causa scatenante dei rarissimi coaguli di sangue con AstraZeneca

Scoperta, forse, la causa scatenante dei rarissimi coaguli di sangue dopo la somministrazione del vaccino anti-Covid di AstraZeneca. Un team di scienziati del Galles e…

Omicron, Sileri: forse non elude totalmente i vaccini, ma serve studiarla ancora

Pfizer prepara aggiornamento al siero: richiami per molti anni a venire La variante Omicron del Covid-19 potrebbe non eludere del tutto i vaccini, anche se…

Locali

Estorsioni a Corato, nuova ordinanza di custodia cautelare per tre persone già arrestate

A Corato, nel barese, nuova ordinanza di custodia cautelare per Luca Balducci, 27 anni, Michele Patruno, 23 anni, e Raffaele Damato, 22 anni. I tre…

Prestazioni sessuali e denaro per superare gli esami: al via il processo a carico di un docente universitario di Bari

È iniziato davanti al tribunale di Bari il processo a carico di Fabrizio Volpe, 47enne docente di Diritto privato del dipartimento di Giurisprudenza dell’università del…

Abusi su pazienti, nuove denunce per il ginecologo Miniello. Oggi l’interrogatorio di garanzia

Nuove denunce sono state depositate in Procura a Bari da parte di ex pazienti del ginecologo Giovanni Miniello, accusato di aver abusato di loro durante…

Covid, Gimbe e bollettino: in Puglia aumento del contagio più lento, in Basilicata terapie intensive vuote

Nuovi contagi da Covid stabili, in Puglia, nelle ultime 24 ore. Sono 305 su 22.688 tamponi analizzati, per un tasso di positività dell’1,3%. Registrati anche…

Made with 💖 by Xdevel