Ascolta Guarda

Omicidio di Giulia Tramontano, trovati il coltello utilizzato e i documenti della vittima

Il pubblico ministero di Milano e i carabinieri sono tornati a Senago, in via Novella, nell’abitazione in cui Giulia Tramontano, 29 anni, incinta di 7 mesi, sarebbe stata uccisa dal compagno Alessandro Impagnatiello nella notte
tra il 27 e il 28 maggio. Dopo aver tolto i sigilli all’appartamento, a mezzogiorno è arrivato il furgone della sezione scientifica che ha imboccato la rampa dei box. Quindi sono entrati nella casa il procuratore aggiunto Letizia Mannella
e la pm Alessia Menegazzo. Poco prima era arrivato in via Novella anche l’avvocato della famiglia Tramontano, Giovanni Cacciapuoti, secondo cui il sopralluogo “sarà utile per verificare effettivamente ogni elemento dell’azione relativa anche alla giusta contestazione delle aggravanti già riconosciute” nei confronti di Impagnatiello “e anche delle altre per le quali la procura giustamente al pari della famiglia vuole vederci chiaro”. “Dalla condotta di Impagnatiello”, reo confesso, i familiari “hanno avuto subito l’impressione che non raccontasse tutta la verità”.

Intanto i militari hanno rinvenuto stamani la patente, il bancomat e la carta di credito di Giulia in un tombino nel parcheggio della metropolitana Comasina a Milano, dove alle sette della mattina successiva all’omicidio, ha preso la metro per andare al lavoro. E’ stato Impagnatiello, ora in carcere, a spiegare agli inquirenti e agli investigatori, come si legge nel verbale della sua confessione, di aver gettato le “carte (…) nello stesso tombino dove ho buttato il cellulare, mentre il passaporto l’ho bruciato la sera in cui ho ucciso Giulia”. Proseguono quindi le ricerche dei militari, con la collaborazione dei vigili del Fuoco di Milano, per trovare anche il telefonino della 29enne. Il barman, subito dopo il delitto, si è impossessato del telefono della fidanzata per inviare messaggi “simulando di essere Giulia” e per far credere che si fosse allontanata da casa.

Intanto nell’abitazione è stato trovato e sequestrato il coltello usato per l’omicidio e che l’uomo, che ha un nuovo difensore, Giulia Gerardini, ha detto di aver lavato e riposto nel ceppo portacoltelli sopra il frigorifero in cucina. “L’arma è stata indicata, è stata repertata ,sapremo tutto quanto all’esito”, ha spiegato Cacciapuoti. Poco prima avevano lasciato la casa senza rilasciare dichiarazioni anche le magistrate milanesi.

L’abitazione si trova a poche centinaia di metri di distanza da via Monte Rosa, dove è stato trovato il corpo di Giulia. Il punto è diventato in questi giorni un luogo di pellegrinaggio e proprio ieri il sindaco Magda Beretta ha invitato i cittadini – ‘in accordo con la famiglia Tramontano’ – a portare i loro omaggi e i loro messaggi attorno alla panchina rossa contro la violenza sulle donne, nel parco Falcone e Borsellino.

A proposito del nuovo legale di Impagnatiello, egli è subentrato dopo la rinuncia al mandato di Sebastiano Sartori, il difensore nominato dall’imputato. Sartori, ieri, ha fatto l’ultima visita al 30enne in carcere e ha riferito che l’uomo ha indicato al gip dov’è il coltello usato per l’omicidio e che, secondo quanto riferito da Impagnatiello, avrebbe fatto tutto da solo, senza complici. Poi il legale ha depositato l’atto di rinuncia al mandato “per motivi connessi al rapporto fiduciario coperti da segreto professionale. Sartori, all’uscita da San Vittore, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul detenuto, che ora sarebbe sempre più angosciato.  

Venerdì sarà eseguita l’autopsia.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Fedez resta in ospedale: nuovo sanguinamento e ritorno in sala operatoria

Nuova trasfusione per il rapper che è molto debole

Tiziano Ferro: “Sognavo uno scenario diverso per la nascita del mio romanzo”

Il cantautore torna a parlare del suo stato d’animo nel periodo del divorzio dal marito Victor e alla vigilia dell’uscita del suo libro …

Leggerissime

Gli italiani usano il web sempre più

Giovanissimi e donne hanno aumentato l’uso di internet per la ricerca. Tra le tematiche preferite arte, musica, sport, fitness e benessere personale …

Festa dei nonni, in quasi due famiglie su tre salvano il bilancio familiare

Accudiscono i nipoti, preparano i pasti, aiutano i figli nelle attività

 
  Diretta

Top News

Sospesi i due studenti 17enni del “Romanazzi”: avevano sparato pallini di plastica contro il prof con pistola giocattolo

Il ministro Valditara: “Aiutare i bulli a capire gli errori” Una sospensione compresa tra i 7 e i 14 giorni. È la decisione presa dal…

La Russia pronta a testare un missile nucleare. Il ministro degli Interni Tajani a Zelensky: “Italia lavora a ottavo pacchetto di armi”

La Russia potrebbe essere pronta a testare un missile a propulsione nucleare. È quanto mostrano le immagini satellitari di una remota base di Mosca pubblicate…

Nasce in volo, neonato di 3 kg accolto a Malpensa. Mamma e figlio stanno bene

È nato in volo, tra Dubai e Malpensa, un bimbo atterrato nello scalo lombardo poche ore dopo essere venuto al mondo. È accaduto sabato sera ma la…

Nobel per la medicina a Karikò e Weissman per le ricerche sui vaccini anti covid

Il Nobel per la Medicina 2023 è stato assegnato Katalin Karikó e Drew Weissman per avere gettato le basi per i vaccini a mRna messaggero…

Locali

Incidenti, 17enne perde la vita in uno scontro in moto: lutto cittadino a Mola di Bari

Drammatico incidente a Conversano, nel Barese, in pieno centro cittadino, poco prima della mezzanotte. Una moto, con a bordo due giovani di Mola di Bari,…

Operazione antidroga a Foggia: 16 arresti, si tratta di indagati vicini alla Società

Droga e armi, 16 arresti dei finanzieri a Foggia. Si tratta di componenti della cosiddetta “società foggiana”, la mafia del capoluogo dauno. nelle stesse indagini…

Andria, 12 misure cautelari per spaccio ed estorsione: sono tutti giovanissimi

Un gruppo di giovanissimi tra i 18 e i 22 anni ad Andria avrebbe gestito le piazze dello spaccio e se qualcuno dei clienti non…

Caporalato, dieci arresti nel Materano

Dalle prime ore di questa mattina, nel Materano, tra Policoro, Scanzano Jonico, Pisticci e Bernalda, i carabinieri di Policoro e del Nucleo ispettorato del lavoro…

Made with 💖 by Xdevel