Ascolta Guarda

Riforma della giustizia, sì del Consiglio dei ministri dopo la mediazione di Draghi

Risolta la battaglia sulla prescrizione, ma alla Camera la partita sarà ancora da giocare

Dopo ore di tensione e una lunga mediazione da parte del Presidente del Consiglio Mario Draghi, il Consiglio dei ministri ha votato all’unanimità la riforma Cartabia del processo penale. Si tratta di una delle riforme cruciali per attuare in Italia il Recovery Plan.

I ministri pentastellati erano arrivati a Palazzo Chigi con l’intenzione di astenersi per non rischiare la spaccatura interna. È stato, però, il premier Draghi a convincerli, riunendoli nel suo ufficio per cercare una soluzione. Alla fine i Cinque Stelle hanno ottenuto che nel testo vengano citati espressamente i reati contro la Pubblica amministrazione, tra cui corruzione e concussione, tra quelli più gravi e per i quali i tempi della prescrizione processuale sono più lunghi.

In sostanza viene confermata l’attuale disciplina: stop alla prescrizione dopo la sentenza di primo grado, che sia di condanna o di assoluzione. Inoltre, è stata stabilita una durata massima di due anni per i processi d’appello e di un anno per quelli di Cassazione, con la possibilità di un’ulteriore proroga di un anno in appello e di sei mesi in Cassazione per processi complessi relativi a reati gravi.

Draghi, in Consiglio, ha chiesto la massima lealtà per far approvare il testo in Parlamento. Nessuno si è opposto, nonostante qualche malumore nel centrodestra. Adesso la parola passa alla Camera, probabilmente entro il 23 luglio, dove la battaglia resta aperta. Sembra che all’interno dello stesso M5s ci siano ancora dei mal di pancia. La partita non è finita.

Gianvito Magistà

Musica & Spettacolo

Fedez torna sul palco

Ospite a sorpresa al concerto di Tananai. La prima volta dopo l’operazione per la rimozione del tumore

Leggerissime

Temperature alte ed estate in anticipo. Ecco Hannibal

Nei prossimi giorni in Italia, e non solo, le temperature saliranno notevolmente. Ecco le regole per combattere il caldo improvviso

Gucci, su Castel del Monte fa splendere le costellazioni

La sfilata della collezione di Alessandro Michele in Puglia incanta tutto il mondo. Guarda le foto

Il viaggio della musica 300x250

 
  Diretta

Top News

Disastro aereo in Cina, il Boeing 737 è precipitato per volontà dell’uomo e non per un guasto

E’ stata la mano dell’uomo e non una tragica fatalità a causare il disastro aereo del 21 marzo in Cina, quando un boeing 737 precipitò…

Putin all’Occidente, il vostro è un suicidio energetico. Svezia e Finlandia sempre più vicine all’ingresso nella Nato

Il gas si paga in rubli. L’obbligo imposto da Mosca scatena il caos in Europa. Bruxelles chiarisce che tale previsione viola gli accordi e minaccia…

Adolescente accoltellato in aula da compagno, non è grave

Violenza a scuola. Un ragazzo di 13 anni della provincia di Napoli è stato accoltellato in aula da un compagno. Il giovane è stato accompagnato…

Covid, incidenza stabile al 13% in Italia. Cala il numero dei ricoverati

In Italia, su 335.217 tamponi processati, 44.489 sono risultati positivi. Incidenza al 13,2%, stabile rispetto a lunedì. Sono 148 i morti delle ultime 24 ore.…

Locali

Stava rientrando in carcere a Foggia, ucciso nel parcheggio un detenuto di 32 anni in semilibertà

Un uomo, Alessandro Scrocco, di 32 anni, detenuto in semilibertà è stato ucciso ieri sera in via delle Casermette, nelle vicinanze del carcere di Foggia.…

Covid, in Puglia cala l’occupazione posti letto ma resta sopra la media nazionale. Quattordici decessi nelle ultime 24 ore

L’incidenza del Covid in Puglia nelle ultime 24 ore è del 15,8%. Si registrano 3.355 nuovi casi su 21.229 test e 14 decessi. I nuovi…

Clan Moccia, resta ai domiciliari il consigliere comunale leccese Andrea Guido

Resta agli arresti domiciliari Andrea Guido, il consigliere comunale di Lecce agli arrestato dal 20 aprile scorso nell’ambito del maxi blitz anti-camorra della Procura di…

Appalti truccati, l’ex sindaco di Polignano per ora resta ai domiciliari nonostante le dimissioni. Torna libero il vicesindaco

Resta agli arresti domiciliari (per il momento) l’ex sindaco di Polignano a Mare Domenico Vitto, arrestato il 21 aprile scorso nell’ambito di una indagine su…

Made with 💖 by Xdevel