Ascolta Guarda

Sanremo – Parla Claudio Baglioni: “Faccio il festival perché non ho più paura”

Claudio Baglioni, direttore artistico di Sanremo 2018, parla per la prima volta ai giornalisti e racconta come e perché ha deciso di fare il festival e confessa: ” Non ho dormito a lungo, prima di essere pronto ad accettare questo incarico. Per tre volte non lo sono stato. Avevo paura: di non essere all’altezza, di avere pochissimo tempo, di dovere affrontare qualcosa più grande di me come fa il cavallerizzo che pensa di dominare il cavallo, ma intanto ha le gambe arcuate, e quello gli ha modificato la postura. Sanremo è un cavallo. Se ci sali sopra rischi di uscirne con le gambe disastrate o disarcionate”.
Con Sanremo Baglioni ha sempre avuto a che fare, pur non essendo mai stato in gara: “Per me è la chiusura di un cerchio. Nel 1969, quando ho fatto il mio primo tour internazionale non essendo forse ancora neanche nazionale, in Polonia portavamo un repertorio di canzoni popolari italiane. Quella che andava per la maggiore era: “Gobbo tu’ padre, Gobba tu madre, Gobba la figlia della sorella, era gobba pure quella, la famiglia dei Gobbon…”». Sette bis. Un successo che neanche quando facevamo Yesterday. Ne uscivamo piegati in due. In tutti i sensi. Ci presentavamo come i Sanremo Six”.
Pressioni ne ha avute per accettare qualcuno al suo festival? Con ironia Claudio risponde che: “Le chiamerei piuttosto “sollecitazioni”. Ho ricevuto la telefonata anche di un vescovo, di un ex ministro. Di Papa Francesco? Non ancora. Forse arriverà per gli ospiti internazionali.
L’ironica è diventata compagna di viaggio di Claudio strada facendo e la usa anche per raccontare che se dovesse andare male ha un piano b: Andrà tutto bene. Ma se invece dovesse andare male, ricordo a tutti che sono un architetto. Ma di quelli laureati seri, non al Cepu. Iscritto all’albo in tarda età dopo essere stato uno studente lavoratore. Quindi se a casa avete un bagnetto da spostare, io sono abilitato, e disposizione”.
Subito dopo aver reso noto l’elenco dei 20 big che saranno in gara all’ariston sono fioccate le polemiche perché non ci sono abbastanza donne: “Ce ne sono poche in gara? Bisogna fabbricarne un po’ di più. Non solo nella musica pop e rock. Nell’arte in genere”.
Tornando alla gara e alle scelte fatte ammette: “Il mio numero di cellulare è sempre lo stesso, da 15 anni. Questo significa che le insolenze me le becco tutte. E che stanotte, quando abbiamo annunciato i Big, io l’abbia passata a mandare messaggi a tutti gli altri fuori dai 20, quelli che non ce l’hanno fatta, con su scritto il mio “Mi dispiace”. Sarò stato anche paraculo, ma almeno me la sono cavata con me stesso, con le crisi di coscienza».
Claudio ha già compiuto la sua prima rivoluzione: “Nella gara che ci sarà, ho “eliminato il concetto di eliminazione”. Anche qui, l’ho fatto per evitarmi l’imbarazzo di dovere dire: “Ti ho voluto, convinto, ora vai in albergo e fai le valigie”. Non esiste in nessun concorso. Arrivo proprio in questa edizione, la numero 68. Il Sessantotto fu l’ultimo anno in cui tutto il mondo sognò che il futuro sarebbe potuto essere diverso, migliore. Fu un sogno ingenuo e utopistico. Il ’68 è curiosamente un numero guida. Il mio pass qui – coincidenza – non è il numero 1, come quelli che conservo di tutti i concerti. Ma ’68. Magari è un segnale. Ci attacchiamo a tutto!”

Angela Tangorra

Musica & Spettacolo

Bruce Springsteen in Italia nel 2023

“Ansioso di rivedere i lealissimi fan italiani”. Il boss sarà a Ferrara, Roma e Monza

Biagio Antonacci, “Seria” è il suo nuovo singolo

Cambiamenti in atto per Biagio che torna dopo due anni di silenzio

Leggerissime

La scienza contro la dipendenza da smartphone

Stimoli e incoraggiamento per aiutare chi usa il telefono più di 5 ore al giorno

Il viaggio della musica 300x250

 
  Diretta

Top News

Guida contromano a Trieste e la Polizia lo insegue per 20 km

 Guida per venti chilometri contromano inseguito dalla Polizia. Si è fermato solo dopo essersi scontrato frontalmente con un’auto che procedeva nel regolare senso di marcia.…

Covid, in Italia l’incidenza è all’11%

In Italia, sono 29.875 i positivi su 269.871 tamponi analizzati. Incidenza all’11%. Sono 95 i morti registrati nelle ultime 24 ore, quindici in meno di…

Guasto ai freni, lo scuolabus finisce in una scarpata in provincia di Frosinone. Studenti illesi per miracolo

Un guasto ai freni ha causato l’incidente in cui è rimasto coinvolto uno scuolabus tra Pontecorvo e Pico, nel Frusinate. Il mezzo è finito in…

Rifiuta due proposte di lavoro, Cassazione revoca assegno di mantenimento alla figlia svogliata

La Cassazione revoca l’assegno mensile del papà perché rifiuta due lavori. Lo ha deciso la Cassazione, respingendo il ricorso di Adele, figlia 22enne di una…

Locali

Brindisi, convincono una coppia di essere vittima del malocchio e si fanno consegnare 75mila euro: truffatori condannati a risarcire i danni

Avrebbero convinto una coppia di Carovigno, nel Brindisino, di essere stata colpita dal malocchio e per toglierlo, hanno chiesto 75mila euro, costringendo le vittime a…

Covid, giù ricoveri e contagi in Puglia ma decessi ancora alti. In Basilicata due vittime

Calano i contagi e i ricoveri in Puglia ma è alto il numero dei decessi, 14 nelle ultime 24 ore. Sono 2.407 i nuovi casi…

Lecce, fiamme nel Parco naturale del Rauccio

Da questa mattina i Vigili del Fuoco sono impegnati a contrastare un vasto incendio a ridosso del Parco naturale del Rauccio. La suscettibilità agli incendi…

Truffato un anziano di 100 anni: otto arresti tra Taranto e Bari. Sigilli per 650mila euro ai beni degli indagati

Avrebbe truffato per 650mila euro un anziano di 100 anni residente in Calabria falsificando la sua firma su conti correnti e polizze assicurative. Arrestate dalla…

Made with 💖 by Xdevel