Ascolta Guarda

Sanremo – Parla Claudio Baglioni: “Faccio il festival perché non ho più paura”

Claudio Baglioni, direttore artistico di Sanremo 2018, parla per la prima volta ai giornalisti e racconta come e perché ha deciso di fare il festival e confessa: ” Non ho dormito a lungo, prima di essere pronto ad accettare questo incarico. Per tre volte non lo sono stato. Avevo paura: di non essere all’altezza, di avere pochissimo tempo, di dovere affrontare qualcosa più grande di me come fa il cavallerizzo che pensa di dominare il cavallo, ma intanto ha le gambe arcuate, e quello gli ha modificato la postura. Sanremo è un cavallo. Se ci sali sopra rischi di uscirne con le gambe disastrate o disarcionate”.
Con Sanremo Baglioni ha sempre avuto a che fare, pur non essendo mai stato in gara: “Per me è la chiusura di un cerchio. Nel 1969, quando ho fatto il mio primo tour internazionale non essendo forse ancora neanche nazionale, in Polonia portavamo un repertorio di canzoni popolari italiane. Quella che andava per la maggiore era: “Gobbo tu’ padre, Gobba tu madre, Gobba la figlia della sorella, era gobba pure quella, la famiglia dei Gobbon…”». Sette bis. Un successo che neanche quando facevamo Yesterday. Ne uscivamo piegati in due. In tutti i sensi. Ci presentavamo come i Sanremo Six”.
Pressioni ne ha avute per accettare qualcuno al suo festival? Con ironia Claudio risponde che: “Le chiamerei piuttosto “sollecitazioni”. Ho ricevuto la telefonata anche di un vescovo, di un ex ministro. Di Papa Francesco? Non ancora. Forse arriverà per gli ospiti internazionali.
L’ironica è diventata compagna di viaggio di Claudio strada facendo e la usa anche per raccontare che se dovesse andare male ha un piano b: Andrà tutto bene. Ma se invece dovesse andare male, ricordo a tutti che sono un architetto. Ma di quelli laureati seri, non al Cepu. Iscritto all’albo in tarda età dopo essere stato uno studente lavoratore. Quindi se a casa avete un bagnetto da spostare, io sono abilitato, e disposizione”.
Subito dopo aver reso noto l’elenco dei 20 big che saranno in gara all’ariston sono fioccate le polemiche perché non ci sono abbastanza donne: “Ce ne sono poche in gara? Bisogna fabbricarne un po’ di più. Non solo nella musica pop e rock. Nell’arte in genere”.
Tornando alla gara e alle scelte fatte ammette: “Il mio numero di cellulare è sempre lo stesso, da 15 anni. Questo significa che le insolenze me le becco tutte. E che stanotte, quando abbiamo annunciato i Big, io l’abbia passata a mandare messaggi a tutti gli altri fuori dai 20, quelli che non ce l’hanno fatta, con su scritto il mio “Mi dispiace”. Sarò stato anche paraculo, ma almeno me la sono cavata con me stesso, con le crisi di coscienza».
Claudio ha già compiuto la sua prima rivoluzione: “Nella gara che ci sarà, ho “eliminato il concetto di eliminazione”. Anche qui, l’ho fatto per evitarmi l’imbarazzo di dovere dire: “Ti ho voluto, convinto, ora vai in albergo e fai le valigie”. Non esiste in nessun concorso. Arrivo proprio in questa edizione, la numero 68. Il Sessantotto fu l’ultimo anno in cui tutto il mondo sognò che il futuro sarebbe potuto essere diverso, migliore. Fu un sogno ingenuo e utopistico. Il ’68 è curiosamente un numero guida. Il mio pass qui – coincidenza – non è il numero 1, come quelli che conservo di tutti i concerti. Ma ’68. Magari è un segnale. Ci attacchiamo a tutto!”

Angela Tangorra

Musica & Spettacolo

Federico Zampaglione dei Tiromancino in diretta su Radio Norba

Lunedì 18 ottobre nei nostri studi alle 12.20

Red Hot Chili Peppers, il nuovo album è quasi pronto

A rivelarlo è Chad Smith. La band in concerto in Italia a giugno 2022

Sport

Serie A, la Lazio batte l’Inter in rimonta. Primo stop in campionato per Inzaghi

Nell'anticipo delle 15 vittoria dello Spezia contro la Salernitana per 2-1

Leggerissime

Guè Pequeno diventerà papà

Il rapper e la compagna aspettano una bambina

 
  Diretta

Top News

Manifestazione No Green pass a Milano, sfilano in migliaia. Proteste dinanzi alla sede della Rai

Momenti di tensione si sono registrati durante la manifestazione ‘no Green Pass’ organizzata a Milano. A prendervi parte almeno 3000 persone, sostiene la Questura del…

I sindacati in piazza a Roma dopo l’assalto alla sede della Cgil di sabato scorso: “Manifestazione non di parte”

“Questa bellissima piazza parla a tutto il Paese”. Lo ha dichiarato il segretario della Cgil, Maurizio Landini, in piazza San Giovanni a Roma durante la…

Covid, in Italia tasso di positività stabile. Calo rilevante dei decessi

Sono 2983 i nuovi casi di Covid registrati in Italia nelle ultime 24 ore su 472.535 tamponi molecolari e antigenici analizzati. Calo rilevante dei decessi,…

Papa Francesco: “Salario universale e riduzione dell’orario di lavoro per cambiare il modello economico”

Il salario universale e la riduzione della giornata lavorativa come strumenti per cambiare il modello economico attuale. È quanto sostenuto da Papa Francesco nel suo…

Locali

Presunta corruzione a Sigonella, arrestati due ufficiali baresi dell’Aeronautica

La Guardia di Finanza di Catania ha arrestato due ufficiali baresi dell’Aeronautica Militare, Matteo Mazzamurro e Giuseppe Laera, per istigazione alla corruzione nell’ambito della procedura…

Covid, in Puglia nessun decesso e indice di positività allo 0,6%. In Basilicata 16 nuovi casi

In Puglia, su 21.315 test analizzati, 134 sono risultati positivi senza nuovi decessi. Tasso di positività allo 0,6%. La provincia più colpita è Lecce con…

Ceramiche corinzie a 780 metri di profondità nel Canale d’Otranto, una scoperta sensazionale

Ceramiche corinzie a 780 metri di profondità nel Canale d’Otranto, una scoperta sensazionale Una nuova luce sui rapporti commerciali tra Corinto e la Magna Grecia…

Vandalizzano ogni giorno i bus dell’Ataf a Foggia, la denuncia dei sindacati contro un gruppo di studenti

Un gruppo di studenti all’uscita da scuola, a Foggia, quotidianamente vandalizzerebbero il bus della linea 2 dell’Ataf, l’azienda di trasporto pubblico locale. La denuncia arriva…

Made with 💖 by Xdevel