Capitol Hill - Umberto Tozzi: la sua "Gloria" usata durante azioni di violenza dello staff di Trump - Radionorba
  • Scarica l'app

Capitol Hill – Umberto Tozzi: la sua “Gloria” usata durante azioni di violenza dello staff di Trump

Capitol Hill – Umberto Tozzi: la sua “Gloria” usata durante azioni di violenza dello staff di Trump

Il cantante su twitter si dissocia e ribadisce: “Ho sempre preferito l’amore alla violenza, il dialogo alla forza. Nelle mie canzoni canto la bellezza della vita”

Umberto Tozzi su Twitter racconta che la versione inglese del suo successo “Gloria” sarebbe stata utilizzata in alcuni video in cui compaiono scene di violenza fisica e verbale  che hanno a che fare con i fatti e le rivolte di Capitol Hill.

Ha detto Umberto Tozzi: “Mi e’ stato mostrato un video in cui una delle mie canzoni piu’ famose e alle quali tengo di piu’ e’ stata usata durante azioni di inaudita violenza fisica e verbale da Donald Trump e dal suo staff”. Tozzi  sottolinea questo in un video postato su twitter Umberto Tozzi in riferimento alla versione in inglese di ‘Gloria’ che si è ascoltata  in alcuni video postati sui social prima dell’assalto a Capitol Hill. “Ho sempre preferito – evidenzia Tozzi – l’amore alla violenza, il dialogo alla forza. Nelle mie canzoni canto la bellezza della vita. Per questo mi dissocio e sono pronto in qualita’ di autore a difendere le origini e i principi di questa canzone”.

Il singolo “Gloria” fu pubblicato nel 1979 ed è tratto dall’omonimo album. Il testo e la musica furono scritti da Tozzi insieme a Giancarlo Bigazzi. Il brano ottenne un grandissimo successo in Italia e in Europa, conquistando in totale sette dischi di platino per circa 700mila copie vendute. Della canzone furono fatte molte cover e rivisitazioni. Nel 1982 fu cantata da Laura Branigan che raggiunse la seconda posizione nella Billboard Hot 100. Il brano ottenne anche il primo posto nella classifica dei singoli americani nel 1983, cosa che in precedenza era riuscita solo a Domenico Modugno con “Nel blu dipinto di blu”.

Angela Tangorra