Ascolta Guarda
Regione Puglia - Battiti Live 2022

Funivia, il pm: capo servizio sentì dei rumori, ma annotò il falso

Lo avrebbe ammesso Tadini, che non immaginava la rottura del cavo

Il 22 e il 23 maggio, quindi il giorno della tragedia della funivia del Mottarone, il capo servizio dell’impianto, Gabriele Tadini, avrebbe annotato il falso nel “Registro Giornale”, dove vanno segnalati quotidianamente gli eventuali problemi tecnici, parlando di “esito positivo dei controlli” in particolare sul funzionamento dei freni.

Secondo la Procura di Verbania mentì nonostante avesse sentito provenire dalla cabina un rumore-suono caratteristico riconducibile alla presumibile perdita di pressione del sistema frenante che si ripeteva ogni due-tre minuti e da diverso tempo.

Lo si legge nella richiesta di custodia cautelare in carcere firmata dal procuratore Olimpia Bossi e dal pm Laura Carrera per Tadini, per il titolare delle Ferrovie del Mottarone, Luigi Nerini, e per il direttore di esercizio Enrico Perocchi, tutti accusati di omicidio e lesioni colpose per la morte di 14 persone e il grave ferimento del piccolo Eitan e di omissione dolosa di cautele aggravata dal disastro, per i forchettoni rossi inseriti in modo da disattivare i freni malfunzionanti.

Tadini sarebbe pronto a confermare le proprie ammissioni anche davanti al gip durante gli interrogatori in carcere. Il suo avvocato dice che è “distrutto, pentito e solo nelle mani di Dio”. Tadini avrebbe raccontato di aver corso il rischio di inserire i forchettoni perché il problema ai freni continuava a bloccare la cabina, ma l’ultima cosa al mondo che pensava era che si potesse rompere il cavo traente. Se il sistema frenante fosse stato attivo, però, la cabina sarebbe stata retta dal cavo portante.

Per capire se c’è un collegamento tra il malfunzionamento dei freni e la fune traente che si è spezzata, bisognerà attendere maggiori verifiche da parte del consulente esperto della Procura. L’ipotesi, al momento, è che il cavo fosse danneggiato. Si sarebbe staccato dalla testa fusa, cioè la parte attaccata alla cabina. Sarebbe questo il motivo delle anomalie che facevano scattare il freno di emergenza, poi inibito dall’utilizzo del forchettone.
Secondo gli esperti, la testa fusa è la parte più delicata, ma proprio per questo i controlli sono rigorosi e al Mottarone sarebbero stati svolti di recente. Almeno stando ai documenti.

Gianvito Magistà

Musica & Spettacolo

Francesca Michielin, ecco “Bonsoir”

Il nuovo singolo e la partenza del tour per festeggiare i primi dieci anni di carriera

Irama, ecco il nuovo singolo

Si intitola “ PamPamPamPamPamPamPamPam” ed esce il 1 luglio

Leggerissime

Brad Pitt: “La gioia è una scoperta recente. Ho sofferto di depressione”

L’attore di Hollywood si confessa in una intervista e racconta i mali della sua anima

Il segreto per una buona frittura lo spiega la fisica

La scienza spiega quando si raggiunge la giusta temperatura dell’olio

 
  Diretta

Top News

Finlandia e Svezia nella NATO, cade il veto della Turchia. La Russia minaccia nuove azioni militari

Il vertice NATO a Madrid si chiude con il definitivo via libera all’ingresso di Finlandia e Svezia nell’Alleanza Atlantica. La Turchia ha eliminato il veto,…

Cade il veto turco, oggi via libera all’ingresso nella Nato di Svezia e Finlandia. Gli Usa inseriscono aziende cinesi in lista nera per aiuti alla Russia, tensioni Washington-Pechino

Oggi dovrebbe essere il giorno dell’invito ufficiale nella Nato per Svezia e Finlandia dopo che ieri la Turchia ha tolto il veto all’ingresso nell’alleanza dei…

Draghi esclude Mosca dal G20. La replica: non decide lui

Guerra fredda Draghi-Cremlino. Il premier italiano annunciano al G7: “Putin non sarà al G20”. Dura la replica di Mosca: “Non decide lui”. Intanto, i leader…

Covid, crescita costante della curva epidemiologica

In Italia, su 717.400 tamponi analizzati, 83.555 sono risultati positivi. Incidenza all’11,6%. Sono 69 i morti nelle ultime 24 ore ( + 6 ). Aumentano…

Locali

Potenza, 9 indagati per presunti incarichi pilotati: c’è anche un magistrato di Lecce

Il presidente della sezione fallimentare del Tribunale Civile di Lecce, Pietro Errede, in qualita’ di giudice delegato, e come tale componente del collegio assegnatario della…

Caldo record, Puglia in fiamme: incendi da nord a sud, un centinaio gli ettari bruciati

Almeno altri quattro incendi, oltre quello di Lecce (https://radionorba.it/lecce-vivaio-complletammente-distrutto-da-un-incendio-evacuate-dieci-abitazioni-vicine-case-danneggiate/), sono scoppiati in Puglia nella tarda mattinata di oggi, alimentati dal vento e dalle alte temperature.…

Lecce, maxi-incendio distrugge un vivaio. Evacuate dieci abitazioni. Anziani soccorsi per il caldo. Oltre 30 ettari in fumo. Arif: “Situazione da codice rosso”

Un vivaio è andato completamente distrutto, e una decina di abitazioni e un centinaio di persone sono state evacuate fino a questo momento a causa…

Niente cravatta e aria condizionata più bassa: le regole anti-caldo dell’ospedale Miulli di Acquaviva delle fonti per i dipendenti

Niente cravatta e un grado di temperatura in più in tutti gli ambienti per combattere il caldo (e per contenere i costi per l’energia). E’…

Made with 💖 by Xdevel