Ascolta Guarda

Guerra in Ucraina, la preoccupazione di parenti e amici in Italia: “Non riusciamo a parlare con i nostri cari”

Sono migliaia gli ucraini in Italia. a Milano stanno facendo la fila fuori al conoslato generale dell’Ucraina per sbrigare questioni burocratiche. Sono abbattuti, silenziosi, hanno paura per le loro famiglie. “Certo che siamo preoccupati –
ha spiegato una donna – nessuno si aspettava questa situazione. Io vivo a Milano da tanti anni ma mia madre è rimasta là e ha 80 anni e non so cosa le succederà. Abbiamo tutti paura”.
Andrea si trova in Italia soltanto da un anno. “La guerra non va mai bene – ha commentato- io ho tanti amici in Ucraina, anche a Kiev, che hanno deciso di andare a combattere. Noi siamo in Italia da quasi un anno e non sappiamo se quando riusciremo a tornare nel nostro Paese sarà diventata Russia. Io sono molto preoccupato per i miei amici che sono in guerra, non funzionano i telefoni e le comunicazioni sono complicate e non riesco a sapere come stanno”.
“I miei genitori sono al sicuro ma mia sorella vive a Kiev e abbiamo tentato di portarla via, di farla fuggire in macchina ma non ci siamo riusciti perché la città era bloccata – ha spiegato invece Anna – la sua casa è stata bombardata e distrutta ma lei per fortuna è riuscita a salvarsi e si è rifugiata nella metropolitana. C’è chi si sta organizzando per fuggire dalla città ma i giovani non vogliono andare via e vanno a combattere, io sono orgogliosa del mio popolo che non scappa e lotta. Questo conflitto è terribile, nessuno si aspettava quello che è successo”.
La sorella di Anna le ha raccontato che molte persone a Kiev si stanno organizzando anche con un tam-tam sui social per cercare almeno di far lasciare la città alle donne, ai bambini e agli anziani.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Ron in diretta su Radio Norba

In collegamento con i nostri studi martedì, 17maggio, alle 11

Sport

Leggerissime

Gucci, su Castel del Monte fa splendere le costellazioni

La sfilata della collezione di Alessandro Michele in Puglia incanta tutto il mondo. Guarda le foto

Maneskin, bagno nel mare pugliese

Victoria provoca nuda tra i fiori 

Il viaggio della musica 300x250

 
  Diretta

Top News

Mariupol, tregua per l’acciaieria Azovstal: nella notte evacuati 264 militari ucraini

La Svezia pronta a chiedere l’ingresso nella Nato. Putin: risponderemo all’espansione Nella notte sono stati evacuati i primi 264 militari ucraini dall’acciaieria Azovstal di Mariupol.“Stiamo…

Trova la convivente in casa con un altro uomo e l’accoltella: la ragazza è gravissima. L’uomo piantonato in ospedale

Torna a casa e accoltella la convivente, in camera da letto con un altro uomo. E’ successo nella notte tra sabato e domenica in un…

Covid, in Italia si conferma la tendenza in discesa dei contagi

 In Italia, sono 13.668 i casi di Covid su 104.793 tamponi analizzati. Il tasso di positività scende dal 14% al 13%. Si conferma il trend…

Mosca: “Insopportabile l’entrata di Svezia e Finlandia nella Nato, conseguenze di vasta portata”. La Renault in Russia diventa di proprietà dello Stato

L’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato “è un errore con conseguenze di vasta portata” dice il viceministro degli Esteri russo, Sergei Ryabkov, dopo che…

Locali

Porto Cesareo, molestata 22enne all’uscita di un ristorante. Il fidanzato e gli amici picchiano l’uomo che le si è avvicinato

Un uomo avrebbe molestato all’uscita da un ristorante una ragazza di 22 anni. Per tutta risposta il fidanzato di lei, insieme ad altri tre amici,…

Appalti truccati, torna libero ex vicesindaco di Polignano a Mare. Sei le gare su cui sarebbero state accertate irregolarità

Torna libero l’ex vicesindaco dimissionario di Polignano a Mare, Salvatore Colella, agli arresti domiciliari dal 21 aprile scorso nell’ambito di un’indagine su presunti appalti truccati…

Mafia, chieste 135 condanne per estorsioni e droga nel Barese. Pene richieste anche per boss e capi clan: esercitavano illecito controllo sui territori

Sono 135 le condanne, a pene comprese tra i 20 anni e i 22 mesi, chieste dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari nei confronti di…

Ex Ilva di Taranto, Procura contraria a dissequestro dell’area a caldo. Gli impianti furono sequestrati nel 2012, in seguito fu concessa facoltà d’uso

La Procura di Taranto ha espresso parere negativo in merito all’istanza di dissequestro degli impianti dell’area a caldo dello stabilimento siderurgico presentata il 30 marzo…

Made with 💖 by Xdevel