Ascolta Guarda
Achille Lauro Unplugged

Manovra, ok della premier alla cabina di regia. Opzione donna, salari, pensioni, tetto al pos e flat tax “sono modificabili”. Cgil: “Sciopero confermato”

La premier Giorgia Meloni ha dato il via libera ad una cabina di regia, come richiesto dalle forze di maggioranza, per sciogliere i nodi che riguardano la manovra economica. Lo hanno riferito diversi partecipanti alla riunione a Palazzo Chigi. Oggi la scadenza per gli emendamenti, ben oltre i 400 concordati. Dovrebbero essere circa 500, a cui si aggiungera’ una quota dell’opposizione. Forza Italia ne dovrebbe presentare circa 100; 140 della Lega; piu’ o meno 180 di Fratelli d’Italia e circa 15-20 il gruppo di Noi Moderati.
Successivamente pero’ i gruppi parlamentari individueranno le proposte di modifica cossiddette “segnalate”, dunque quelle considerate prioritarie. Gli emendamenti della maggioranza si ridurrebbero a quel punto a “40 per FI; circa 80 per Fratelli d’Italia; 50 per la Lega ed una decina dei moderati”: sono in tutto 180 quelli che avrebbero la precedenza.

Nel mirino la norma sul Pos, il tetto al contante, le pensioni e la flat tax. Meloni in mattinata ha incontrato i capigruppo di maggioranza, poi i sindacati. “Bisogna fare velocemente e senza perdere tempo”, avrebbe detto Giorgia Meloni nel corso dell’incontro con i capigruppo.

Una delle ipotesi sul tavolo della maggioranza è una minor indicizzazione delle pensioni piu’ alte per portare qualche ulteriore ritocco alle pensioni minime per gli over 75. “Uno dei temi su cui stiamo ragionando e’ quello delle pensioni minime”, ha sottolineato il capogruppo della Lega alla Camera Molinari. “Sulle pensioni Forza Italia e’ soddisfatta per l’accoglimento delle proposte fatte. Sulle pensioni minime abbiamo bisogno ancora di qualche giorno per trovare delle migliorie, ma soprattuto anche per la decontribuzione delle nuove assunzioni dei giovani under 35 che probabilmente sara’ spostata da 6mila a 8mila”, ha osservato il capogruppo di FI al Senato Ronzulli.

Intanto è terminato l’incontro tra Meloni ed i sindacati. Presenti i segretari generali Maurizio Landini (Cgil), Luigi Sbarra (Cisl), Pierpaolo Bombardieri (Uil) e Paolo Capone (Ugl). Per il governo partecipano i ministri Giancarlo Giorgetti (Economia), Marina Calderone (Lavoro), Adolfo Urso (Imprese e Made in Italy) e Paolo Zangrillo (Pa) ed i sottosegretari alla presidenza del Consiglio, Giovanbattista Fazzolari e Alfredo Mantovano.

Lasciando Palazzo Chigi il leader della Uil, Pierpaolo Bombardieri, ha chiarito: “Abbiamo ribadito le nostre critiche ed il nostro giudizio negativo sulla manovra, critiche e giudizio negativo che ci stanno portando in questi giorni in piazza”, a partire dal fatto che “non c’e’ risposta all’emergenza dei salari e delle pensioni”, spiega. “La premier ha detto che condivide alcune riflessioni, in particolare sui voucher e opzione donne. Sulla questione fiscale non le condivide. E’ stata data disponibilita’ ad aprire una serie di tavoli e di confronti ma con i i tavoli non si pagano le bollette e non si mangia”.

Il segretario della Cgil Landini non fa passi indietro sulle proteste. “Abbiamo confermato il giudizio negativo sulla manovra, in particolare sui redditi. Abbiamo posto il tema della precarieta’ e il problema sul fisco e l’evasione. La logica della flat tax e’ sbagliata. Le risposte del governo hanno confermato profonde distanze sul fisco e sulla precarieta’”. Cosi’ il segretario generale al termine dell’incontro a Palazzo Chigi. “E’ necessario proseguire la mobilitazione e richiedere modifiche profonde ad una manovra che rischia di impoverire ulteriormente le persone”, ha detto ricordando che dal 12 al 16 dicembre sono già proclamati diversi scioperi regionali. 

Più speranzoso e aperto al dialogo il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra. “Il governo ci ha assicurato la
disponibilita’ a programmare incontri con il sindacato: il 12 gennaio ci sara’ un tavolo al ministero del Lavoro per discutere di salute e sicurezza, il 19 gennaio partira’ il confronto politico per discutere di come cambiamo il sistema della previdenza e delle pensioni”, ha detto all’uscita da Palazzo Chigi.

Opzione donna, cuneo fiscale, indicizzazione delle pensioni piu’ alte, congedo da estendere anche ai papa’: sono i punti che possono essere modificati nella legge di bilancio elencati dal premier Giorgia Meloni sia nel vertice di maggioranza che nell’incontro con i sindacati.

Nel corso dell’incontro da parte dei sindacati sono state avanzate molte proposte “sensate” ma “spetta al governo la responsabilita’ di fare delle scelte e se mettessimo in fila tutte le richieste non ci sarebbero le risorse per fare tutto” . Lo ha detto, secondo quanto si apprende, la presidente del Consiglio Giorgia Meloni nel corso dell’incontro con i sindacati a Palazzo Chigi sulla manovra. La premier ha pero’ assicurato che si tentera’ “di fare qualcosa di piu’ adesso, se non sara’ possibile lavoreremo in Cdm per farlo in tempi piu’ brevi possibili”. 


Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Sanremo 2023, i Coma_Cose tornano dopo il successo di “Fiamme negli occhi”

I due hanno avuto un momento complicato nella vita di coppia e lo raccontano nella loro canzone del festival

Paola Egonu: “A Sanremo la vera me”

La pallavolista affiancherà Amadeus e Morandi giovedì 9 febbraio

Leggerissime

Polignano a Mare è la “Città più accogliente” del mondo

Il comune pugliese che ha dato i natali a Domenico Modugno ha ricevuto il riconoscimento

Gina Lollobrigida, aperto il testamento

Metà del patrimonio al figlio e metà al suo factotum

 
  Diretta

Top News

Guerra Ucraina, missile russo su un condominio a Kharkiv. Segretario Nato in Corea del Sud e Giappone: “Più aiuti a Kiev”

Un missile russo è caduto ieri sera su un condominio di Kharkiv, provocando almeno un morto e 3 feriti.  Secondo le testimonianze riportate, il quarto…

Carcere duro per l’anarchico Cospito, sale la tensione. Il governo conferma il 41bis. Si temono ritorsioni

Sale la tensione intorno al Governo che non arretra sul carcere duro per Alfredo Cospito, l’anarchico sottoposto al regime del 41 bis nel carcere di…

Giustizia, Meloni: “Nordio al lavoro per una riforma ampia”

Il ministro della Giustizia, Carlo Nordio, è impegnato su una riforma “molto seria e ampia”. Lo ha dichiarato la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nella…

Bollette del gas, Nomisma Energia: “Atteso calo del 33%”. Giorgetti: “Diminuzione significativa”

Si va verso un calo del 33% delle bollette del gas in seguito al crollo subìto a gennaio dal prezzo del gas. La stima è…

Locali

Droga, blitz dei carabinieri tra Puglia e Basilicata. La rete aveva base logistica a Brindisi, con ramificazioni in altre province

Smantellata una rete di spaccio di droga dai carabinieri di Brindisi: arrestate 16 persone tra Brindisi (BR), Melfi (PZ), Aulla (MS), Conversano (BA), Trani (BAT).…

Tragedia sulla statale 96, auto si schianta contro il guard-rail all’altezza di Modugno: muore sul colpo un giovane rutiglianese

Un ventisettenne di Rutigliano, nel Barese, è morto sul colpo ieri sera in un incidente sulla statale 96 Palo-Modugno. L’auto del ragazzo, per cause ancora…

Brindisi, blitz contro la Sacra Corona Unita: 13 arresti per mafia, droga ed estorsioni

Sono state eseguite dalla polizia di Brindisi, 14 ordinanze di misura cautelare nei confronti degli appartenenti a un gruppo malavitoso organico alla frangia brindisina della…

Rubano un’auto a Trani e la smontano a Minervino Murge: due persone sorprese e arrestate dai carabinieri

Durante un’operazione di controllo e prevenzione dei reati sul territorio della sesta provincia, a Minervino Murge i carabinieri hanno udito rumori sospetti provenienti da un…

Made with 💖 by Xdevel