Ascolta Guarda

Meeting di Rimini, Giorgetti: “Legge di bilancio complicata, non si potrà fare tutto”. Sul Pnrr: “Fare in fretta ma bene”

Entra nel vivo della politica, a Rimini, la quarantaquattresima edizione del Meeting dell’Amicizia tra i Popoli, la tradizionale manifestazione di Comunione e Liberazione. Ieri l’apertura della settimana di incontri con il cardinale Matteo Zuppi, presidente della Conferenza episcopale italiana (Cei). La chiusura della kermesse è affidata al capo dello Stato, Sergio Mattarella. Oggi l’ospite più atteso, che ha segnato le tappe dell’agenda politica degli ultimi cinque mesi del 2023, è stato il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti. Subito è entrato nel tema della legge di bilancio, spiegando che si stratta di una manovra “complicata”, e che “siamo chiamati – poiché facciamo politica – a decidere
delle priorità: non si potrà fare tutto, certamente dovremo intervenire a favore dei redditi medio bassi, ma dovremo anche usare le risorse a disposizione per promuovere la crescita.
Questo è l’indirizzo”, ha commentato in videocollegamento con il Meeting. Il ministro ha fatto poi riferimento al Patto di stabilità e ai tempi ristretti. “La Commissione europea rispetto a qualche anno fa ha completamente cambiato paradigma rispetto alla clausola generale che non si è applicata in questi anni per il Patto di stabilità e crescita che forse, spero di no, partirà dal primo gennaio 2024”, ha detto. Subito, dal Mef, arriva la precisazione: “In relazione alla parole pronunciate dal ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti al Meeting di Rimini sulla clausola generale del patto di Stabilità, il Mef precisa che il ministro non chiede la proroga della sospensione della clausola del Patto di stabilità in vigore fino al 31/12/23 ma ha espresso l’auspicio che entro la fine dell’anno sia approvata la riforma del patto di stabilità in modo da poter entrare in vigore al posto delle vecchie regole dal 1 gennaio 24”. “I prossimi mesi li vedo con un governo responsabile, l’abbiamo sempre ribadito, responsabile anche in termini finanziari, ma anche che chiede all’Europa di capire il senso della storia e del momento che stiamo vivendo, altrimenti diventa tutto molto più complicato e magari anche autolesionista”, sono state le partole pronunciate da Giorgetti durante il discorso sul rapporto Italia-Europa.

Il ministro ha affrontato anche il tema della natalità, contro cui, spiega “non c’è nessuna riforma o misura previdenziale che tiene nel medio e lungo periodo”. E’ un tema fondamentale che riproporrò come ho già fatto, ha chiarito ancora.

Poi, inevitabilmente, il titolare del Mef si è espresso sul Piano nazionale di ripresa e resilienza, invocando la necessità di fare le cose perbene. “Oggi più che mai siamo chiamati, e la responsabilità del governo in questo senso è massima e
l’impegno pure, per quanto riguarda questo benedetto Pnrr, abbiamo queste risorse, che non possono essere sprecate e che devono essere usate nel modo migliore possibile – ha spiegato alla platea del Meeting – non c’è semplicemente il puntuale rispetto, il fare in fretta, ma fare bene. Se fare in fretta significa fare male, è meglio fare bene ma valutare attentamente le situazioni, perché è un’occasione unica”.

Nei giorni del dibattito sul lavoro e sul salario minimo, Giorgetti non si esime dal manifestare il suo punto di vista. “La riflessione mia sullo sviluppo e sulla crescita è che essa passa inevitabilmente attraverso la dimensione dell’impresa, ma non solo dell’impresa: dell’imprenditore, una qualificazione superiore. Abituarci a ragionare in modo diverso rispetto a quanto fatto dagli anni Settanta ad oggi: innescare crescita e quindi sviluppo alimentando soprattutto la domanda. Penso che invece ci si debba concentrare moltissimo sul lato dell’offerta, della dimensione delle imprese e anche del lavoro. Il tema dell’offerta del lavoro, della qualità e della giusta ed equa remunerazione del medesimo è un tema fondamentale”.
“Se riflettiamo sulla crescita economica o sullo sviluppo è estremamente opportuna – anche se scontata, inflazionata e quali banale – l’aggiunta del tema sostenibile. Lo sviluppo sostenibile è oggi declinato sotto l’aspetto più ambientale, che è fondamentale, ma se uno affronta la questione a tutto tondo non può negare che il sistema si tiene se le generazioni hanno una continuità e se c’è una solidarietà intergenerazionale”. “Il tema dello sviluppo sostenibile è un concetto a tutto tondo”, ha aggiunto.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Steven Tyler è guarito, gli Aerosmith riprendono la tournée

Il frontman aveva subito danni alle corde vocali

Piero Pelù: “Grazie alla Dea musica ho combattuto la depressione”

Il rocker si era allontanato dalla musica dieci mesi fa per un forte shock acustico. Ora sta meglio ed è pronto a tornare …

 
  Diretta

Top News

Il procuratore Rossi sull’ondata di arresti: “La zona grigia esiste a Bari come in tanti altri posti”

La zona grigia esiste a Bari come in tanti altri posti. Lo ha dichiarato il procuratore di bari, Roberto Rossi, a margine dell’incontro “Potere mafioso…

Cade, urta la testa e muore dopo un litigio durante il concerto dei Subsonica a Firenze

Morto a Firenze uno spettatore del concerto dei Subsonica che si teneva ieri sera al Mandela Forum. Secondo una ricostruzione della polizia c’è stato un…

Strage nel Bolognese, si cerca la settima vittima dell’esplosione. Lo strazio dei familiari

Bilancio sempre più nero dell’esplosione alla centrale idroelettrica sul lago di Suviana, nel Bolognese. Dopo quarantotto ore di ricerche sale a sei il conto delle…

Bufera in Puglia: 5 Stelle fuori dalla giunta Emiliano. Conte: “Facciamo tabula rasa”. Gasparri sul governatore: “Lui e Decaro sono all’epilogo”

Quali deleghe lascia il Movimento Il Movimento Cinque Stelle lascia la giunta Emiliano in Puglia e Sinistra italiana chiede di azzerare o resettare. La nuova…

Locali

Omicidio a Marina di Lesina, arrestato un uomo di San Severo. Sarebbe stato l’autista del killer, tuttora sconosciuto

Un uomo di 44 anni, residente a San Severo nel foggiano, è stato arrestato nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Maurizio Cologno, 52 anni, ucciso con…

Arsenale in casa a San Pietro Vernotico, arrestato un incensurato di 39 anni

Un piccolo arsenale è stato a San Pietro Vernotico, nel brindisino, in casa di un incensurato di 39 anni. Nel corso della perquisizione domiciliare, sono…

Rompe il braccialetto elettronico ed evade dai domiciliari, latitante rintracciato da Modugno

Era agli arresti domiciliari a Modugno, nel barese, con braccialetto elettronico, ma è riuscito a fuggire liberandosi del dispositivo. A Valencia, rintracciato Daci Vullnet, 37…

Fuori il M5S dalla giunta regionale pugliese. E Schlein chiede a Emiliano “un netto cambio di fase”

Il M5s è uscito dalla giunta regionale della Puglia. “Rinunciamo al nostro ruolo di governo, rimettiamo tutte le deleghe” e in questo modo “ci assumiamo…

Made with 💖 by Xdevel