Ascolta Guarda

Navalny ucciso con un pugno al cuore. La Farnesina incontra l’ambasciatore russo. Biden insulta Putin

Un pugno al cuore. Sarebbe stato ucciso con una tecnica propria del Kgb lo storico oppositore di Vladimir Putin Alexei Navalny, in Russia, non dopo aver trascorso almeno due ore all’esterno della cella del carcere siberiano, al freddo, con meno 25 gradi. La notizia è stata diffusa dal Times. Intanto la Farnesina convoca l’ambasciatore russo Paramonov: “Serve chiarezza, basta con l’inaccettabile persecuzione del dissenso politico”. La madre del dissidente fa ricorso contro il rifiuto di rilasciare la salma del figlio. Il governo britannico sanziona sei presunti responsabili della morte dell’oppositore.

La principale avvocatessa di Navalny, Olga Mikhailova, ha affermato che nella vita o nella morte il leader dell’opposizione russa “influenzerà la storia”. Mikhailova ha lasciato la Russia nell’ottobre dello scorso anno e sta chiedendo asilo in Francia, dopo essere diventata bersaglio di un’indagine criminale. “Alexei Navalny è stato un politico straordinario, coraggioso e carismatico – ha ricordato Mikhailova – Le autorità affermano che è morto, e anche se fosse così o se invece è stato ucciso, sono sicura che non solo passerà alla storia ma influenzerà anche il corso futuro della storia”.

Intanto l’Italia si aspetta che la Russia faccia “chiarezza” sulla morte di Alexei Navalny, una questione che va oltre la figura dell’oppositore del Cremlino perché inerisce ai “valori irrinunciabili di libertà e democrazia”. E’ questo il messaggio che il governo ha comunicato direttamente all’ambasciatore Alexey Paramonov, convocandolo alla Farnesina. Una linea netta, condivisa con i partner europei, che Mosca tuttavia ha respinto con durezza: quello di Navalny è “un
affare interno” su cui si stanno conducendo le indagini necessarie, è la posizione espressa dell’ambasciata russa, che
ha rinnovato le accuse agli occidentali di fare “valutazioni politicamente faziose” per “strumentalizzare” il caso.
Paramonov è stato ricevuto ieri pomeriggio dal direttore degli affari politici della Farnesina Pasquale Ferrara, su indicazione del ministro Antonio Tajani. Al diplomatico russo “è stata esposta l’aspettativa dell’Italia che sia fatta piena chiarezza sulle circostanze della scomparsa di Navalny”, ha riferito in una nota il ministero degli Esteri al termine del colloquio, ricordando la “condanna alla detenzione” dell’oppositore “in condizioni durissime per la sua attività politica e per la sua lotta contro la corruzione”. Il tema che pone Roma è ancora più ampio. “L’Italia, che difende i valori irrinunciabili di libertà e democrazia, continuerà a invitare la Federazione Russa a porre fine all’inaccettabile persecuzione del dissenso politico e a garantire il diritto alla piena libertà di espressione, senza alcuna limitazione dei diritti civili e politici”, ha sottolineato la Farnesina.

La convocazione del diplomatico russo alla Farnesina è arrivata nel giorno in cui gli ambasciatori dell’Ue hanno dato
il via libera al 13esimo pacchetto di sanzioni contro Mosca, in risposta all’invasione dell’Ucraina. E proprio il caso Russia, tra le mire neoimperialiste di Putin e la difficilissima situazione interna sul fronte dei diritti umani, è uno dei
principali dossier del G7 a guida italiana. La prima riunione dei ministri degli Esteri presieduta da Tajani, la scorsa
settimana a Monaco, si è conclusa con due punti fermi: da una parte “l’indignazione” per la morte in carcere di Navalny, con la denuncia della “persecuzione del dissenso politico” da parte del regime di Putin; e dall’altra, il rinnovato sostegno senza riserve a Kiev nella difesa del suo territorio.
Sabato prossimo, poi, nel secondo anniversario dell’inizio della guerra, la premier Giorgia Meloni presiederà un vertice
con i leader in video-conferenza, a cui parteciperà anche Volodymyr Zelensky a Kiev. Un confronto che, hanno fatto sapere fonti diplomatiche, verterà anche sulla morte di Navalny e si chiuderà con una dichiarazione congiunta mirata a contrastare la “falsa narrativa dell’Occidente stanco” per il protrarsi della guerra. Il governo italiano, inoltre, sta definendo un accordo con Kiev sulle garanzie di sicurezza, in linea con quelli siglati da Francia e Germania, e che in precedenza era stato sottoscritto anche dalla Gran Bretagna. 

Durante un evento di raccolta fondi in California, il presidente Usa Joe Biden ha definito il suo omologo russo Vladimir Putin un “folle figlio di put…” (“a crazy Sob”), e altri, e dobbiamo sempre preoccuparci di un conflitto nucleare, ma la minaccia esistenziale per l’umanita’ e’ il clima”, ha detto Biden in un breve discorso all’evento di San Francisco.
Il linguaggio forte di Biden segue altre occasioni in cui ha definito il presidente russo, che ha ordinato l’invasione
dell’Ucraina nel 2022, un “macellaio” e un “criminale di guerra”. Biden ha dichiarato che domani anche gli Stati Uniti annunceranno un pacchetto di nuove sanzioni severe contro la Russia per la morte in carcere del leader dell’opposizione Navalny.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Steven Tyler è guarito, gli Aerosmith riprendono la tournée

Il frontman aveva subito danni alle corde vocali

Piero Pelù: “Grazie alla Dea musica ho combattuto la depressione”

Il rocker si era allontanato dalla musica dieci mesi fa per un forte shock acustico. Ora sta meglio ed è pronto a tornare …

 
  Diretta

Top News

Il procuratore Rossi sull’ondata di arresti: “La zona grigia esiste a Bari come in tanti altri posti”

La zona grigia esiste a Bari come in tanti altri posti. Lo ha dichiarato il procuratore di bari, Roberto Rossi, a margine dell’incontro “Potere mafioso…

Cade, urta la testa e muore dopo un litigio durante il concerto dei Subsonica a Firenze

Morto a Firenze uno spettatore del concerto dei Subsonica che si teneva ieri sera al Mandela Forum. Secondo una ricostruzione della polizia c’è stato un…

Strage nel Bolognese, si cerca la settima vittima dell’esplosione. Lo strazio dei familiari

Bilancio sempre più nero dell’esplosione alla centrale idroelettrica sul lago di Suviana, nel Bolognese. Dopo quarantotto ore di ricerche sale a sei il conto delle…

Bufera in Puglia: 5 Stelle fuori dalla giunta Emiliano. Conte: “Facciamo tabula rasa”. Gasparri sul governatore: “Lui e Decaro sono all’epilogo”

Quali deleghe lascia il Movimento Il Movimento Cinque Stelle lascia la giunta Emiliano in Puglia e Sinistra italiana chiede di azzerare o resettare. La nuova…

Locali

Omicidio a Marina di Lesina, arrestato un uomo di San Severo. Sarebbe stato l’autista del killer, tuttora sconosciuto

Un uomo di 44 anni, residente a San Severo nel foggiano, è stato arrestato nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Maurizio Cologno, 52 anni, ucciso con…

Arsenale in casa a San Pietro Vernotico, arrestato un incensurato di 39 anni

Un piccolo arsenale è stato a San Pietro Vernotico, nel brindisino, in casa di un incensurato di 39 anni. Nel corso della perquisizione domiciliare, sono…

Rompe il braccialetto elettronico ed evade dai domiciliari, latitante rintracciato da Modugno

Era agli arresti domiciliari a Modugno, nel barese, con braccialetto elettronico, ma è riuscito a fuggire liberandosi del dispositivo. A Valencia, rintracciato Daci Vullnet, 37…

Fuori il M5S dalla giunta regionale pugliese. E Schlein chiede a Emiliano “un netto cambio di fase”

Il M5s è uscito dalla giunta regionale della Puglia. “Rinunciamo al nostro ruolo di governo, rimettiamo tutte le deleghe” e in questo modo “ci assumiamo…

Made with 💖 by Xdevel