A TORINO UN PARTO ECCEZIONALE: UN ESERCITO DI CHIRURGHI PER FAR NASCERE UNA BAMBINA - Radionorba
  • Scarica l'app

A TORINO UN PARTO ECCEZIONALE: UN ESERCITO DI CHIRURGHI PER FAR NASCERE UNA BAMBINA

A TORINO UN PARTO ECCEZIONALE: UN ESERCITO DI CHIRURGHI PER FAR NASCERE UNA BAMBINA

La piccola è figlia di un indiano e una italiana

Parto eccezionale alla Città della Salute di Torino. Una bambina con il cuore fuori dal torace, affetta da Ectopia cordis una anomalia congenita, è stata operata durante il parto, avvenuto alla 38ma settimana. Una sala operatoria affollatissima di chirurghi e specialisti. Hanno prima estratto la testa fuori dall’utero per ricevere ossigeno dal circolo placentare, quindi si è proceduto alla protezione del cuore e parte del fegato, cresciuti fuori dal torace privo di sterno. Con un altro intervento è stato rimosso un tumore dalla bocca, una massa che le avrebbe impedito di respirare. L’anomalia era stata riscontrata in India. Il papà è indiano e la mamma italiana. Una condizione difficile che hanno indotto i genitori a rivolgersi agli specialisti dell’ospedale Infantile Regina Margherita di Torino. Il parto è avvenuto una settimana fa e la piccola adesso è ricoverata in rianimazione prima di sottoporsi ad altri interventi. Per lei si è mobilitata una equipe eccezionale coordinata da Simona Quaglia, composta dall’equipe ostetrico ginecologica ed anestesiologica guidata dal responsabile dei Ostetricia e Ginecologia dottor Saverio Danese, dal neonatologo dottor Mauro Vivalda della Terapia Intensiva Neonatale ospedaliera diretta dal dottor Daniele Farina, dal gruppo chirurgico ed anestesiologico pediatrico, composto dal
responsabile della Otorinolaringoiatria dottor Paolo Tavormina, dal Direttore della Chirurgia pediatrica dottor Fabrizio Gennari, dal dottor Sergio Grassitelli e dalla dottoressa Valeria Mossetti della Anestesia e Rianimazione pediatrica del
Dipartimento di Patologia e Cura del bambino Regina Margherita diretto dalla professoressa Franca Fagioli, dal dottor Ernesto Pepe, responsabile della Chirurgia Plastica pediatrica, e dal dottor Fabrizio Gennari.