Ascolta Guarda

Addio ad Andreas Brehme. L’ex terzino di Inter e Nazionale tedesca aveva 63 anni

Vinse lo scudetto dei record e una Coppa Uefa con i nerazzurri e decise la finale mondiale di Italia ’90

Il calcio piange la scomparsa di Andreas Brehme. L’ex terzino dell’Inter e della Nazionale tedesca è morto all’età di 63 anni a Monaco di Baviera in seguito a un arresto cardiaco nella notte. Tra fine anni ’80 e inizio anni ’90 è stato un perno della formazione nerazzurra, con cui ha vinto lo “scudetto dei record” nel 1989 e la Coppa Uefa nel 1991, sempre con Giovanni Trapattoni in panchina, e nel 1990 ha deciso la finale mondiale a Roma tra Argentina e Germania Ovest trasformando un calcio di rigore.

IL CORDOGLIO DELL’INTER E DELL’EX COMPAGNO ZENGA – “Un giocatore magnifico, un grande interista. Ciao Andy, per sempre leggenda”, ha scritto sui suoi profili social l’Inter. Il club nerazzurro ha anche annunciato che stasera, nella sfida di Champions League contro l’Atletico Madrid, la squadra scenderà in campo con il lutto al braccio. Con la maglia nerazzurra, tra il 1988 e il 1992, Brehme è sceso in campo in 154 occasioni, segnando 12 gol e vincendo scudetto, Supercoppa Italiana e Coppa Uefa. “Ciao Amico mio, o come ti chiamavo io “shazzy”, non dovevi farmi questo, non dovevi farci a tutti noi questo”, ha invece scritto su Instagram l’ex portiere dell’Inter, Walter Zenga, compagno di squadra di Brehme negli anni nerazzurri. “Te ne sei andato troppo presto”, si legge, “ma so che da lassù ci proteggerai e come al solito ti metterai lì e tirerai i rigori uno col destro e uno col sinistro”.

LA CARRIERA – Nato ad Amburgo il 9 novembre 1960, Andreas Brehme è cresciuto calcisticamente nella squadra tedesca del Barmbek-Uhlenhorst, allenata dal padre Bernd. Nel 1981 è passato al Kaiserslautern, dove ha militato per cinque anni prima di passare al Bayern Monaco nel 1986. Con la maglia della squadra bavarese ha vinto un campionato tedesco e una Supercoppa di Germania nel 1987, perdendo nello stesso anno la finale di Coppa dei Campioni contro il Porto. Nel 1988 è passato all’Inter insieme al compagno di squadra Lothar Matthaeus, e in quattro stagioni ha conquistato uno scudetto, una Supercoppa Italiana e una Coppa Uefa. Dopo una stagione in Spagna, con la maglia del Real Saragozza, ha chiuso la carriera di nuovo al Kaiserslautern, vincendo il campionato di Seconda divisione nel 1997 e la Bundesliga l’anno successivo. Con la Nazionale, tra Germania Ovest e Germania, ha totalizzato 86 presenze e 8 gol vincendo il Mondiale nel 1990 in Italia, a cavallo tra il secondo posto mondiale nel 1986 e quello europeo nel 1992. A inizio anni 2000 ha intrapreso la carriera da allenatore, guidando il Kaiserslautern dal 2000 al 2002, l’Unterhaching dal 2004 al 2005 e ricoprendo il ruolo di vice-allenatore dello Stoccarda tra il 2005 e il 2006.

Vincenzo Murgolo

Musica & Spettacolo

Steven Tyler è guarito, gli Aerosmith riprendono la tournée

Il frontman aveva subito danni alle corde vocali

Piero Pelù: “Grazie alla Dea musica ho combattuto la depressione”

Il rocker si era allontanato dalla musica dieci mesi fa per un forte shock acustico. Ora sta meglio ed è pronto a tornare …

 
  Diretta

Top News

Il procuratore Rossi sull’ondata di arresti: “La zona grigia esiste a Bari come in tanti altri posti”

La zona grigia esiste a Bari come in tanti altri posti. Lo ha dichiarato il procuratore di bari, Roberto Rossi, a margine dell’incontro “Potere mafioso…

Cade, urta la testa e muore dopo un litigio durante il concerto dei Subsonica a Firenze

Morto a Firenze uno spettatore del concerto dei Subsonica che si teneva ieri sera al Mandela Forum. Secondo una ricostruzione della polizia c’è stato un…

Strage nel Bolognese, si cerca la settima vittima dell’esplosione. Lo strazio dei familiari

Bilancio sempre più nero dell’esplosione alla centrale idroelettrica sul lago di Suviana, nel Bolognese. Dopo quarantotto ore di ricerche sale a sei il conto delle…

Bufera in Puglia: 5 Stelle fuori dalla giunta Emiliano. Conte: “Facciamo tabula rasa”. Gasparri sul governatore: “Lui e Decaro sono all’epilogo”

Quali deleghe lascia il Movimento Il Movimento Cinque Stelle lascia la giunta Emiliano in Puglia e Sinistra italiana chiede di azzerare o resettare. La nuova…

Locali

Omicidio a Marina di Lesina, arrestato un uomo di San Severo. Sarebbe stato l’autista del killer, tuttora sconosciuto

Un uomo di 44 anni, residente a San Severo nel foggiano, è stato arrestato nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Maurizio Cologno, 52 anni, ucciso con…

Arsenale in casa a San Pietro Vernotico, arrestato un incensurato di 39 anni

Un piccolo arsenale è stato a San Pietro Vernotico, nel brindisino, in casa di un incensurato di 39 anni. Nel corso della perquisizione domiciliare, sono…

Rompe il braccialetto elettronico ed evade dai domiciliari, latitante rintracciato da Modugno

Era agli arresti domiciliari a Modugno, nel barese, con braccialetto elettronico, ma è riuscito a fuggire liberandosi del dispositivo. A Valencia, rintracciato Daci Vullnet, 37…

Fuori il M5S dalla giunta regionale pugliese. E Schlein chiede a Emiliano “un netto cambio di fase”

Il M5s è uscito dalla giunta regionale della Puglia. “Rinunciamo al nostro ruolo di governo, rimettiamo tutte le deleghe” e in questo modo “ci assumiamo…

Made with 💖 by Xdevel