Ascolta Guarda

Artisti Battiti Live 2024

Banner Battiti Regone Puglia

Omicidio Giulia Cecchettin, Turetta: “Le ho dato dodici o tredici coltellate guardandola negli occhi, voleva andare avanti senza di me”

“Le ho dato, non so, una decina, dodici, tredici colpi con il coltello. Volevo colpirla al collo, alle spalle, sulla testa, sulla faccia e poi sulle braccia. Era rivolta all’insù verso di me. Si proteggeva con le braccia dove la stavo colpendo. L’ultima coltellata che le ho dato era sull’occhio. Era come se non ci fosse più. L’ho caricata sui sedili posteriori e siamo partiti”. E’ duro, diretto e macabro Filippo Turetta, il giovane accusato della morte di Giulia Cecchettin, nel verbale di interrogatorio al pm, reso noto ieri sera dalla trasmissione Quarto Grado di Rete4.

“L’ho uccisa perche’ voleva vivere senza di me”. Nella confessione nel carcere di Verona, Turetta racconta nei dettagli l’aggressione a Giulia, la ragazza di Vigononovo determinata a essere libera. Al pm di Venezia Andrea Petroni, Turetta ricostruisce la serata dell’11 novembre 2023 trascorsa a fare shopping e la cena in un centro commerciale a Marghera, poi il viaggio di ritorno con l’auto che si ferma in un parcheggio a 150 metri dalla casa di
Giulia.

“Volevo darle un regalo, una scimmietta mostriciattolo. Con me avevo uno zainetto che conteneva altri regali: un’altra
scimmietta di peluche, una lampada piccolina, un libretto d’illustrazione per bambini. Lei si e’ rifiutata di prenderlo.
Abbiamo iniziato a discutere. Mi ha detto che ero troppo dipendente, troppo appiccicoso con lei. Voleva andare avanti,
stava creando nuove relazioni, si stava ‘sentendo’ con un altro ragazzo”. “Ho urlato che non era giusto, che avevo bisogno di lei, che mi sarei suicidato – prosegue – Lei ha risposto decisa che non sarebbe tornata con me. E’ scesa dalla macchina, gridando ‘Sei matto, vaffanculo, lasciami in pace’. Ero molto arrabbiato. Prima di uscire anch’io, ho preso un coltello dalla tasca posteriore del sedile del guidatore. L’ho rincorsa, l’ho afferrata per un braccio tenendo il coltello nella destra. Lei urlava ‘aiuto’ ed e’ caduta. Mi sono abbassato su di lei, le ho dato un colpo sul braccio, mi pare di ricordare che il coltello si sia rotto subito dopo. Allora l’ho presa per le spalle mentre era per terra. Lei resisteva. Ha sbattuto la testa. L’ho caricata sul sedile posteriore”.

Nel tragitto verso la zona industriale di Fossò, Giulia prova di nuovo a convincerlo di lasciarla stare. “Mentre eravamo in macchina ha iniziato a dirmi ‘sei pazzo, lasciami andare, cosa stai facendo’. La tenevo ferma con un braccio. Ho provato a metterle lo scotch sulla bocca. Si dimenava, e’ scesa ed ha iniziato a correre. Anche io sono sceso. Avevo due coltelli nella tasca in auto dietro al sedile del guidatore. Uno l’avevo lasciato cadere a Vigonovo: ho preso l’altro e l’ho rincorsa. Continuava a chiedere aiuto, le ho dato, non so, una decina, 12 o 13 colpi col coltello, volevo colpirla al collo alle spalle sulla testa sulla faccia e poi sulle braccia. Mi ricordo che era rivolta all’insu’ verso di me. Si proteggeva con le braccia dove la stavo colpendo”. L’ultima coltellata, secondo la sua narrazione, sarebbe stata sferrata sull’occhio.

“Giulia era come se non ci fosse più, l’ho caricata sui sedili posteriori e siamo partiti. Avevo i vestiti abbastanza sporchi del suo sangue”. Turetta abbandonerà il corpo dell’ex fidanzata in una zona isolata vicino al lago di Barcis per poi fuggire in macchina fino in Germania. Il giovane confessa ma prova a convincere il magistrato che non ci fu premeditazione. “Lo scotch lo tenevo sempre in macchina, i coltelli anche perché avevo pensieri suicidi”. Viene approfondito il tema della fuga. “Questo – dice riferendosi ad Alcune immagini che gli vengono mostrate – sono io al
distributore di Cortina. I vestiti sporchi di sangue li ho cambiati con altri che avevo in macchina. In auto ho sempre un
cambio, coperte, qualcosa da mangiare o da bere. Ho imboccato la strada per Barcis, mi sono fermato in un punto in cui non c’erano case, sono rimasto un po’ li’ ho provato anche con un sacchetto a soffocarmi pero’ anche dopo averlo legato con lo scotch non ci sono riuscito. Pensavo che se avessi fumato e bevuto sambuca sarebbe stato piu’ facile suicidarmi, invece ho vomitato in macchina. Allora ho riacceso il telefono, cercavo notizie che mi facessero stare abbastanza male da avere il coraggio per suicidarmi ma ho letto che i miei genitori speravano di trovarmi ancora vivo e cio’ ha avuto l’effetto opposto: mi sono rassegnato a non suicidarmi piu’ e a essere arrestato”.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Russell Crowe a Polignano a Mare

Il gladiatore non ha resistito al mare pugliese

Sanremo 2025 slitta dall’11 al 15 febbraio

Confermato dalla Rai lo spostamento delle date

Sport

Euro 2024, la Spagna è campione. Inghilterra battuta 2-1 grazie a Williams e Oyarzabal

Quarto titolo continentale per le ‘Furie Rosse’. Per gli inglesi seconda finale persa consecutiva

Leggerissime

Estate al mare, l’Italia non è un paese per nuotatori: solo 4 su 10 sanno come muoversi correttamente in acqua

Il sondaggio in occasione della campagna nazionale "Prevenzione incidenti ed annegamenti in età pediatrica"

Stampa scocche di auto elettriche in 60 secondi: l’invenzione dell’italiano Dioni premiata in Europa

Giga Press è già usata da molti dei produttori mondiali di auto elettriche

Sidebar over sound music fest

 
  Diretta

Top News

Tajani all’evento Anuman2024: “Lo spazio al centro è di Forza Italia, arriveremo al 20%”. Scontro con la Lega su appoggio a Von der Leyen

“C’è un sondaggio fatto dopo il voto che dice che Forza Italia è l’unica forza del centrodestra che cresce. Per gli italiani abbiamo imboccato la…

Aggressione a coppia gay a Roma, individuati quattro responsabili, hanno poco più di 20 anni

Stavano attraversando la strada mano nella mano, quando un coppia di ragazzi gay è stata presa a calci, pugni e cinghiate. L’aggressione è avvenuta intorno…

Incidente sul lavoro nel pavese, imprenditore edile cade dal tetto di un capannone e muore

Incidente sul lavoro questa mattina a Codevilla, in provincia di Pavia. Un imprenditore edile di 55 anni originario di Voghera, sempre nel pavese, è morto…

Ue, Meloni spiega il voto contrario al bis di Von der Leyen. La premier al Corriere: “Ho agito da leader europeo”

“Mi sono comportata come si dovrebbe comportare un leader europeo perché mi sono chiesta se la traiettoria fosse giusta”. Con queste parole, in una lunga…

Locali

Incidenti stradali in Puglia, due vittime e sei feriti in poche ore

Incidenti stradali mortali nel pomeriggio di oggi, sabato 20 luglio. Il primo è avvenuto sulla statale 16 all’altezza di Bari Palese, in direzione Nord. A…

Taranto, 300 turisti bloccati in stazione per un guasto. Il Comune accusa Trenitalia: “Per ore senza acqua”

Circa 300 turisti sono rimasti bloccati nella stazione di Taranto a causa di un guasto che ha interrotto la circolazione sulla tratta da e per…

Bimbo bloccato sugli scogli alle isole Tremiti, la Capitaneria lo salva

Attimi di paura oggi alle isole Tremiti. Un bambino, rimasto bloccato su una scogliera a Cala Matano, è stato soccorso dalla Capitaneria di Porto di…

Scoperta passata di pomodoro senza etichetta, a Cerignola sigilli a 176mila barattoli

A Cerignola, nel foggiano, i carabinieri forestali hanno scoperto un deposito con 176mila barattoli da 400 grammi ciascuno di passata di pomodoro privi di etichettatura…

Made with 💖 by Xdevel