Ascolta Guarda

Rihanna fa arrabbiare gli induisti italiani

“Serve piu’ rispetto per i simboli religiosi, qualunque sia il “credo” che rappresentano”. Cosi’ Svamini Shuddhananda Ghiri, rappresentante dell’Unione Induista italiana, commenta la foto pubblicata dalla cantante Rihanna sui social, che la ritrae mentre posa seminuda con al collo un ciondolo raffigurante Ganesh, tra i piu’ importanti simboli religiosi induisti. “Oggi, purtroppo, questa attenzione manca, anzi, spesso c’e’ troppa leggerezza, – spiega Shuddanhanda – e tutto cio’ nasce dalla superficialita’ dei nostri giorni, che porta ad ignorare l’importanza ed il significato di quei simboli.”
La rappresentante dell’Unione Induisti Italiana, riprendendo la saggezza e la forza della fede indicata da Ganesh, ribadisce inoltre che “non c’e’ mai un buon motivo per reagire con atti di
violenza, ma e’ fondamentale mostrarsi consapevoli dei propri gesti, senza offendere la sensibilita’ altrui.”
Le polemiche in India sono nate dopo la pubblicazione di una foto della cantante Rihanna che si copre il topless con la mano e indossa un ciondolo con l’effige del dio Ganesh. La cantante,
che ha 100 milioni di follower su Twitter e 91,4 milioni su Instagram, era sul set di una pubblicita’ di lingerie, la sua linea Savage X Fenty. La polemica arriva poche settimane dopo
che la cantante aveva provocato l’irritazione delle autorita’ per aver difeso gli agricoltori che manifestavano contro le riforme agrarie.

Angela Tangorra

Musica & Spettacolo

Gli artisti italiani: per i concerti capienza al 100% con green pass

Il manifesto: “Presidente Draghi aiuto”. Laura Pausini: “Il nostro lavoro è sottovalutato. La musica è speranza”

Carmen Consoli, esce “Volevo fare la rockstar”

La cantantessa è tornata con il nuovo album e dice: “I sogni possono diventare realtà”

Leggerissime

Il cane è l’animale preferito dagli italiani

In casa degli italiani anche pesci, roditori e animali esotici

“Azzurri d’Europa 2020”, un libro per celebrare la vittoria dell’Italia a Euro 2020

Gli autori sono Stefano Ferrio e Gianni Grazioli, direttore generale dell’Assocalciatori

 
  Diretta

Top News

Dal 15 ottobre i dipendenti pubblici tornano in ufficio. Brunetta: “Regoleremo lo smart working”

Dal 15 ottobre i dipendenti della pubblica amministrazione tornano in presenza. Il presidente del Consiglio, Mario Draghi ha firmato il Dpcm per il ritorno negli uffici pubblici.…

Arresto Puigdemont, resterà libero fino all’udienza di estradizione

Per la giudice della Corte d’Appello di Sassari, Plinia Azzena, l’arresto di Carles Puigdemont non è illegale ma non ci sono ragioni per le quali…

Alitalia, la protesta dei lavoratori. Bloccata l’autostrada e tensioni con la polizia

Tensione con la polizia per i 500 manifestanti di Alitalia, che hanno protestato bloccando per tre ore la circolazione verso l’autostrada Roma- Fiumicino dopo essere passati…

L’Ordine al merito della Germania alla senatrice Liliana Segre: “E’ un’occasione di riconciliazione con il Paese tedesco”

La Repubblica Federale di Germania ha conferito l’Ordine al merito alla senatrice Liliana Segre, sopravvissuta all’Olocausto. E’ il più alto riconoscimento istituzionale tedesco. A consegnare l’onorificenza nella…

Locali

Guerra di mala al quartiere Japigia di Bari: 23 condanne e due assoluzioni

Pene comprese tra i 30 anni e i 2 anni e 8 mesi di reclusione sono state inflitte in primo grado a 23 imputati al…

Covid, in Puglia incidenza stabile e ricoveri in calo. In Basilicata 32 nuovi casi

In Puglia, su 13.030 test analizzati, 157 sono risultati positivi con 3 decessi. Stabile l’incidenza, all’1,2% dopo l’1,1% registrato ieri. Le province più colpite sono…

Operaio morto nel leccese, quattro persone indagate. Autopsia fissata per lunedì

Sono quattro le persone indagate dalla Procura di Lecce nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di Fabio Sicuro, l’operaio salentino di 39 anni morto martedì a Palmariggi…

Guerra agli sporcaccioni a Taranto, il totale delle multe è di 40mila euro. Presto nuove foto trappole

E’ guerra agli sporcaccioni a Taranto. Dalla metà di giugno, sono state comminate oltre 300 multe per l’abbandono di rifiuti, con conferimento irregolare o fuori…

Made with 💖 by Xdevel