Ascolta Guarda
Canali

Bangladesh – Ecco come sono morti gli italiani: lentamente, mutilati e senza colpo di grazia

Non hanno ucciso gli infedeli. Li hanno torturati, mutilati, li hanno fatti soffrire sino all’ultimo negandogli anche il colpo di grazia. E’ un film dell’orrore quello che emerge dalle autopsie sui nove corpi degli italiani vittime dei terroristi in Bangladesh, effettuate dai medici legali Vincenzo Pascali e Antonio Oliva nel Policlinico Gemelli a Roma. Con coltelli e machete li hanno mutilati in più parti del corpo facendoli morire lentamente. Una morte atroce, una lunga e cosciente agonia. Su alcune salme sono state trovate tracce di proiettili ed esplosivo. Quei sette fanatici jihadisti, dipinti dalla cronaca come ragazzi istruiti e figli di papà, che venerdì hanno fatto irruzione nel bar-ristorante Holey Artisan Bakery a Dacca, si sono comportati come i peggiori serial killer, dimostrandosi degni delle procedure di morte applicate dallo Stato Islamico agli infedeli. In più ci hanno aggiunto del sadismo: le decapitazioni dell’Isis, al netto di eventuali torture durante la prigionia, sono più “umane” della morte lenta, che pure i fanatici dell’Islam non disdegnano quando la condanna a morte prevede la cremazione delle vittime vive o la lapidazione.

Le salme di Adele Puglisi, Marco Tondat, Claudia Maria D’Antona, Nadia Benedetti, Vincenzo D’Allestro, Maria Rivoli, Cristian Rossi, Claudio Cappelli e Simona Monti sono state restituite alle famiglie.

 

Maurizio Angelillo

Musica & Spettacolo

Emma: “Ecco il mio racconto tra vita, palco e imperfezioni”

Da domani disponibile il docufilm in cui si racconta

Alex in diretta su Radio Norba

Sarà ospite nei nostri studi domani, 29 novembre, alle 12

Leggerissime

Società, il rango e relazioni sociali aiutano a invecchiare meglio

L’ambiente sociale positivo aiuta quanto le relazioni a star bene

Camilla dai bambini con gli orsetti della regina Elisabetta

Gli oltre mille Paddington lasciati come tributo per la morte della sovrana sono stati donati a un asilo di Londra

 
  Diretta

Top News

Svimez, al Sud mezzo milione di nuovi poveri per caro energia

L’inflazione e il caro energia colpiranno il Sud e ci saranno effetti senza precedenti. Secondo i dati contenuti nel report della Svimez, l’aumento delle bollette…

Saman, la procura di Reggio Emilia: “Corpo integro e con gli stessi abiti”. Per la certezza manca la ‘prova regina’ del Dna

Mancherebbe soltanto l’esame del Dna, ma sembrerebbe possibile già identificare il corpo ritrovato sotto terra vicino Novellara, in Emilia Romagna, con quello di Saman Abbas,…

Musei, il sottosegretario Sgarbi: “Gratis per i cittadini ma non per i turisti”. Sulla proposta di istituire un albo dei critici musicali: “Contrario, abolirei ogni ordine”

Non la gratuità assoluta dei musei per tutti, ma la suddivisione “tra cittadini e turisti”. Lo ha proposto il sottosegretario alla cultura Vittorio Sgarbi, stamani,…

Frana a Ischia, il fango continua a restituire i corpi delle vittime. Il ministro dell’Ambiente Pichetto: contro l’abusivismo sindaci in carcere

L’ottava vittima accertata è quella di un uomo, restano quattro dispersi Sono otto finora i corpi delle vittime della frana che ha devastato Casamicciola Terme…

Locali

Covid, tornano i focolai nelle rsa. A Scorrano positivi 29 ospiti su 30 e 3 morti. La Asl: vaccinatevi

Nella rsa Villa Santa Lucia di Scorrano, in provincia di Lecce, 29 anziani ospiti su 30 sono positivi al Covid e tre di loro sono…

Nodo ferroviario di Bari, Salvini: “Adoro mandorli e carrubi ma non si può fermare lo sviluppo dell’Italia”

Matteo Salvini torna a parlare della Puglia e della decisione del Tar sullo stop al nodo ferroviario di Bari Sud. “Provo sconcerto che il Tar…

Spaccio nel Tarantino, su whatsapp le richieste di droga venivano indicate come “panzerotti” o “un caffè”: 4 indagati

Chiedevano un caffè, cinque panzerotti, qualcosa di fresco come un vino o un amaro, oppure ancora un paio di scarpe. Era il linguaggio criptico utilizzato…

Omicidio Di Rienzo a Foggia, il 17enne reo confesso: voleva che rubassi per lui

Avrebbe ucciso, ieri, a Foggia Nicola Di Rienzo, 21 anni, con cinque colpi di pistola a schiena e torace perché la vittima voleva che rubasse…

Made with 💖 by Xdevel