Ascolta Guarda

Concertoni: Roma, 300mila in piazza San Giovanni. Taranto chiude prima per maltempo, Riondino: “Sosteneteci”

ROMA – Cinquanta artisti e 300mila spettatori in piazza San Giovanni a Roma per il Concertone del Primo maggio che, come ogni anno, lascia una scia di polemica sulle frasi dette e i gesti portati sul palco. La maratona musicale condotta da Ambra e Biggio, è partita con il ricordo di Lorenzo Parelli, 18enne morto sul posto di lavoro durante uno stage. La conduttrice lancia l’hashtag #ildirittochemimanca con un appello: Tenetevi le vocali di sindaca e avvocata ma ridateci il 20% delle retribuzioni che date agli uomini in più rispetto alle donne”. Ma i conduttori, poi, sono stati costretti a chiedere scusa in particolare per due momenti: dopo uno dei messaggi letti da Ambra nel pomeriggio sul tema #ildirittochemimanca: “Il diritto che mi manca è quello di tifare Lazio a Roma centro senza essere ‘corcato'”. Ambra: “Non c’era nessuna volontà di offendere, non da questa piazza”. E sulle parole del professor Rovelli che ha attaccato “i piazzisti di strumenti di guerra” e tirato in ballo, pur senza nominarlo, un ministro dell’attuale governo, Guido Crosetto. “Qua non c’è censura – dice ancora Ambra – Dispiace che non essendo un dibattito politico, quando si attacca qualcuno, come nell’intervento del professor Rovelli, dovrebbe esserci un contraddittorio che non c’è stato”. Il divulgatore scientifico e fisico ha toccato i temi dell’ambiente e ha attaccato le spese militari e i “piazzisti di strumenti di guerra” che costruiscono strumenti di morte “per ammazzarci l’un l’altro”. Poi, senza nominarlo, ha puntato il dito contro il ministro della Difesa Guido Crosetto, che in passato è stato presidente della Federazione aziende italiane per l’aerospazio, la difesa e la sicurezza.

Johnson Righeira, artista simbolo degli anni 80, canta  L’estate sta finendo e Vamos a la playa, ma sfoggiato la bandiera antifascista ‘toute la vie unioniste antifasciste’, vietata negli stadi in Belgio. Piero Pelù, dopo l’esibizione con Alborosie, mostra la sua t-shirt che ritrae il presidente della Repubblica con la cresta punk: “La Costituzione dice che il lavoro è un diritto che viene tutelato, ma ci piacerebbe che comparissero anche le parole sicurezza e lavoro. Il garante è Mattarella, è rock, esorcizza tutto il male e ci unisce.

Due ore prima, il concertone di Roma aveva ricordato sul palco, con Mr. Rain, Barbara Capovani, la psichiatra uccisa nei giorni scorsi a Pisa da un paziente. La foto è comparsa sui maxischermi. “L’anno scorso da questo palco ho parlato di salute mentale – dice Mr. Rain – Ma in un anno non è cambiato niente. Farsi aiutare è una scelta che fa paura e non tutti non se lo possono permettere. E non è giusto. La salute mentale è un nostro diritto. Siamo tutti Supereroi”.

Già Ligabue aveva fatto il suo intervento trionfale, profondo, esperto, nel ritorno al Concertone romano dopo 17 anni: “Dieci anni fa ho scritto un pezzo sugli effetti della droga più vecchia del mondo. La droga più vecchia del mondo non è chimica, è mentale ed è la smania di potere”. E aggiunte: “ Però di fronte alle overdose di un certo potere, agli abusi di cui è capace, serve un altro potere, quello di far sentire la tua voce e non permettere a nessuno, per esempio, di provare a cancellare la tua storia e riscriverla come gli pare, di non permettere a nessuno di provare a toglierti il diritto di amare, certo, sempre in modo consenziente, ma di amare chi ti pare, come ti pare, quanto ti pare e mettere su la famiglia che ti pare e magari riuscire a mantenerla con un salario decente. Come dicevo questo è un pezzo sulla tossicità di quel potere che logora anche chi ce l’ha e fa così”.

TARANTO – “Abbiamo provato ad andare avanti per quanto ci è stato possibile. Erano condizioni molto proibitive, ma la macchina di Uno Maggio Taranto ha dimostrato anche quest’anno di essere una macchina altamente professionale. Tutte le maestranze hanno lavorato per metterci nelle condizioni di essere in sicurezza e la sicurezza per noi è fondamentale e sarebbe una barzelletta se mancassimo in questo”. Così Michele Riondino, che cura insieme ad Antonio Diodato e Roy Paci la direzione artistica del concertone dell’Uno Maggio Libero e Pensante di Taranto, spiegando la chiusura anticipata dell’evento rispetto alla scaletta a causa del maltempo. “Ringrazio – ha aggiunto – tutte le maestranze, tutti i service, tutti coloro – ha aggiunto – che ci hanno permesso di andare avanti fin quando è stato possibile. Non abbiamo potuto finire perchè ormai la pioggia era diventata insostenibile e anche il vento. Era un problema non di sicurezza in senso stretto perchè nessuno sarebbe morto sul palco ma sarebbe saltata la luce, ci saremmo dovuti fermare. Avremmo potuto avere problemi tecnici, per la scaletta, per l’esibizione degli artisti. Adesso dobbiamo gestire in qualche modo le prossime ore”. Riondino ha sottolineato che l’Uno Maggio Taranto “è un evento importante e Taranto ha bisogno di questo evento, così come l’Italia. Ma essendo una manifestazione totalmente autoprodotta perchè siamo noi che paghiamo di tasca nostra tutti i lavoratori e l’attrezzatura, dovremo trovare un modo per sostenere l’Uno Maggio Taranto non solo in modo passionale ma anche economico. Quindi nelle prossime ore ci attiveremo per organizzare degli eventi e raccolte fondi in città e in rete. C’è un crowdfunding unomaggiotaranto2023 con un link per invitare le persone a sostenere i costi di questo grandissimo evento”. L’ ultimo ad esibirsi è stato Gemitaiz. Sul palco avrebbero dovuto salire ancora, tra gli altri, Samuele Bersani, Vinicio Capossela, Tonino Carotone, Niccolò Fabi, Nino Frassica e la Los Plaggers Band, Marlene Kuntz, Ron e La Rappresentante di Lista.

Sul palco del parco archeologico però sono saliti i diritti di molti, come voleva il comitato organizzatore. “Se c’è un malato di cancro che non è attaccato a una macchina lui non ha diritto, lei non ha diritto. Lo Stato li inchioda a una tortura contro la loro volontà, minacciando di carcere chi li aiuta a morire, i medici non possono fare quello che possono fare in Spagna, in Olanda, in Belgio, in Lussemburgo. Se lo facessero a Taranto sarebbero arrestati”, ha sottolineato Marco Cappato, tesoriere della Fondazione Luca Coscioni, parlando del suicidio assistito nel suo intervento.

Al concertone dell’Uno Maggio Libero e Pensante di Taranto è intervenuto il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce, ricordando la tragedia del naufragio di Steccato di Cutro del 26 febbraio scorso con il ritrovamento sulla battigia del piccolo Alì, morto a seguito dell’affondamento di un barcone. “L’umanità va recuperata, l’umanità – ha chiarito – non ha colore politico”. 

Stefania Losito

(@credits: foto in copertina dalla pagina ufficiale Facebook Primo Maggio Roma)

Musica & Spettacolo

Chiara Ferragni e Fedez si sono lasciati

Lui le avrebbe rinfacciato di essere danneggiato dalle inchieste giudiziarie seguite al pandoro gate. Secondo il Corriere della Sera il rapper è andato via di…

Clara in diretta su Radio Norba

Sarà nei nostri studi giovedì, 22 febbraio, alle 12

Leggerissime

 
  Diretta

Top News

Stop cellulari e tablet nelle scuole elementari e medie anche per scopi didattici: la nuova stretta del ministro Valditara

Stretta su telefonini e tablet alle scuole elementari e medie anche per scopi didattici. Sono le nuove linee guida ministra dell’Istruzione, Giuseppe Valditara. La decisione,…

Terzo mandato, nulla da fare per i sindaci delle grandi città

Nulla da fare per il terzo mandato dei sindaci nei grandi comuni più volte chiesto anche dal sindaco di Bari e presidente dell’Anci, Antonio Decaro.…

Dani Alves condannato a 4 anni e mezzo di carcere per stupro. L’ex calciatore della Juve dovrà anche risarcire la vittima

Dani Alves è stato condannato a 4 anni e mezzo di carcere per stupro. L’ex calciatore del Barcellona e della Juventus è accusato di aver…

Navalny ucciso con un pugno al cuore. La Farnesina incontra l’ambasciatore russo. Biden insulta Putin

Un pugno al cuore. Sarebbe stato ucciso con una tecnica propria del Kgb lo storico oppositore di Vladimir Putin Alexei Navalny, in Russia, non dopo…

Locali

Xylella, individuata nuova variante nel Barese. Oggi l’ordinanza per abbattere sei alberi di mandorlo

È stato ribattezzato con il nome di “xylella fastidiosa fastidiosa” il nuovo ceppo della Xylella individuato A Triggiano, in provincia di Bari. Lo ha confermato…

Furti nei negozi in centro a Bari: preso il ladro delle “spaccate”. Sette gli episodi in un mese

L’emergenza “spaccate” a Bari. sono almeno sette i furti e tentati furti, in tutto, che la stessa persona avrebbe compiuto nel giro di un mese,…

Collaudatore 36enne muore sul circuito Porsche di Nardò: la moto si è scontrata in pista con un’auto

Stava collaudando una moto sul circuito Porsche di Nardò, nel Salento, quando si è scontrato con un’auto, con a bordo un altro collaudatore al lavoro,…

Latitante tarantino arrestato in aeroporto a Napoli, stava per volare in Spagna

Un latitante 35enne di Taranto, Giuseppe Palumbo, è stato arrestato dai carabinieri in aeroporto, a Napoli, mentre stava per imbarcarsi su un volo per la…

Made with 💖 by Xdevel