Ascolta Guarda

Elisa, oggi, 22 febbraio, in diretta su Radio Norba

Elisa, domani, 22 febbraio, in diretta su Radio Norba

Elisa sarà in collegamento con gli studi di Radio Norba martedì, 22 febbraio, alle 12.20. Presenterà il suo nuovo doppio album di inediti, uscito il 18 febbraio,dal titolo   “Ritorno al Futuro / Back to the Future”. Un lavoro importante che arriva a distanza di 3 anni da “Diari Aperti” (certificato Doppio Platino) e che racchiude le sue diverse anime, con un disco interamente in italiano ed uno in inglese.

Venticinque tracce – tutte inedite – con il meglio della scena musicale italiana del momento e la firma di Elisa, nella musica, produzione e testi, che unisce i diversi mondi sonori presenti in questo eccezionale progetto che si conferma uno dei più attesi del 2022.

Da Jovanotti a Mace, da Calcutta a Elodie, e ancora Giorgia, Rkomi, Franco126, DRD, Venerus, Michelangelo, Takagi&Ketra, Don Joe, Roshelle, Andrea Rigonat, Andy, Stevie Aiello, Sixpm, Marz&Zef: un firmamento di nomi per questo album in cui, come la stessa Elisa ha affermato “L’aspetto della collettività e della condivisione era ancora più importante e più centrale rispetto ad altre volte”.

L’album arriva dopo la sua partecipazione al Festival di Sanremo con “O forse sei tu”, che al suo debuttoha battuto ogni record femminile italiano su Spotify, con oltre un milione di streaming in 24 ore e ha conquistato il Premio Bigazzi per Migliore Composizione insieme al podio.

Paradossalmente, questo può essere definito un disco molto ‘up’ ed Elisa adesso guarda fuori e fotografa ciò che vede intorno. Quasi una reazione dell’artista a tutti gli impedimenti e le mancanze degli ultimi mesi.

Il filo conduttore del disco è infatti l’idea di reagire a questi tempi e alla situazione mondiale che si sta vivendo, pensando alla necessità di un cambiamento radicale anche, soprattutto, a favore dell’ambiente, tema centrale del disco. L’esigenza di una rivoluzione umana guidata da valori non materiali; il desiderio di un mondo un po’ più lento, più sano, senza la continua iper produzione, che lascia spesso indietro la qualità a favore della quantità.

Ed ecco il motivo del titolo “Ritorno al futuro / Back to the Future”: cercare di non rifare gli stessi errori, cambiare atteggiamento, l’essere più consapevoli del nostro peso sul mondo e di quello che possiamo fare.

Nel disco c’è così il rispetto per il pianeta (“Show’srollin’”, “I feelit in the Earth”, “Hope”), l’amore nelle varie declinazioni (“A tempo perso” per un amico, “Come sei veramente”, “O forse sei tu” per la persona cara, “Non me ne pento” e “Drink to me” per se stessi) l’amicizia al femminile (“Luglio”), la corsa spietata della società capitalista (“Letit go to waste on me”, “Fire”), la voglia di vivere (“Quando arriva la notte”, “My mission”, “Palla al centro”).

Musicalmente, invece, questo disco è un mosaico di suoni che raccoglie i più grandi produttori presenti oggi in Italia e nomi rinomati all’estero (da Stevie Aiello – al lavoro con ThirtySeconds to Mars – a Patrick Warren – già con Bob Dylan, Bruce Springsteen, Avril Lavigne -), dove il segno di Elisa arriva forte e chiaro e la sua voglia di sperimentare e mettersi in gioco corre libera, fuori dagli schemi predefiniti.

​L’impronta soul è molto forte in questo disco (ed è come se fosse collegata agli inizi della sua carriera), ma elettronica e pianoforte si succedono e si sovrappongono, mentre nella produzione si mescolano basso, batteria, chitarre e strati di moog, alcuni lisergici e psichedelici, altri più consistenti, ritmici, riffosi.

“Ritorno al Futuro / Back to the Future” è disponibile dal 18 febbraio in versione digitale e in Doppio CD, Doppio LP, 2CD+2LP, Doppio LP autografato e Doppio LP bianco: https://island.lnk.to/rafbtf. (Il doppio CD autografato è già sold out).

Mentre presto l’artista tornerà anche in concerto con un importante progetto live legato sempre al tema ambientale.

Due dischi, 25 brani inediti, inglese e italiano, “Ritorno al Futuro / Back to the Future” racchiude tante storie, fatte di momenti più spensierati e altri più concreti, molte nate nell’era di FaceTime, altre venute fuori dai cassetti della memoria. Come quella di “A tempo Perso” che racconta un momento di vita di un giovane ragazzocon i suoi sogni e le sue fragilità. Una canzone autobiografica dedicata ad un caro amico di Elisa scomparso, ma anche a tutti quelli che come lui, pur sentendosi fragili, “scalano montagne per le strade”.

Oppure il viaggio diSeta” che vede la produzione di DRD e una piena e totale libertà. Una canzone che contiene tante stanze: c’è la stanza del riff, quella delle emozioni, quella dell’house con un pianoforte un po’ anni ’90. Ma c’è anche la spinta rock di “Come sei veramente” in uno strano ibrido tra il nuovo e l’antico, dove ci si può trovare Frou Frou, ImogenHeap, i Police, un po’ di Cranberries. La melodia ha dei salti particolari che la rendono tesa e carica di energia, perfetta per i live. E poi ci si immerge totalmente nei suoni di “O forse sei tu”, portata sul palco del Teatro Ariston di Sanremo. Pianoforte e archi (scritti dalla stessa Elisa insieme a Will Medini), regalano una melodia magica su produzione di Andrea Rigonat e arrangiamenti di Patrick Warren. Il brano, scritto durante il lockdown, è uno degli esperimenti di scrittura via FaceTime più sentiti ed emotivi per l’artista.

Ironia e un gusto da cinema italiano retrò caratterizzano invece “Litoranea”, brano che nasce dalla penna di Calcutta – che torna a collaborare con Elisa dopo il successo straordinario di “Se piovesse il tuo nome”, certificato Doppio di Platino e per 9 settimane in vetta alle classifiche radiofoniche- e DavidePetrella. In “Quello che manca”, invece, l’artista di Monfalcone torna a lavorare con Rkomi dopo il Doppio Platino di “Blu”. Qui, sulla base dolce ed evocativa di Sixpm, la voce calda di Rkomi regala un mix perfetto che si arricchisce delle magiche metafore del testo. E poi arriva “Luglio”, con la sua super formazione al femminile che vede Elisa cantare con tre grandi artiste dal timbro soul, Giorgia, Elodie e Roshelle, in un brano vestito della produzione di Mace e Venerus. Una canzone che racconta un mondo di sorellanza, di complicità, amicizia e solidarietà fra donne. Qui la strofa soul un po’ ispirata a Lauryn Hill si apre in un ritornello aereo e romantico e i volutamente pochi strumenti utilizzati lasciano avanzare il ritmo. “Come te nessuno mai” nasce da un taglia e cuci emotivo durante il difficile momento del lockdown. Un brano profondo al quale l’artista ha lavorato a lungo, arrangiato da Patrick Warren e Andrea Rigonat, scritto con Davide Petrella. “Non me ne pento” racconta invece il lato ribelle di Elisa, ed è un suo piccolo manifesto. La base di Don Joe è solenne, maledetta, dark, ma allo stesso tempo elegantissima e sognante. Il brano fa pensare che la musica ha veramente possibilità infinite. “Palla al centro” battezza la collaborazione di Elisa con Jovanotti. Un brano positivo che incita all’azione, con percussioni in levare e pieno di metafore potenti, d’energia e solarità.

Metafore nel testo (firmato insieme a Franco126 e Takagi&Ketra), un sapore anni ’60, la spensieratezza del ritornello: “Chi lo sa” è un crossover che con la produzione di Andrea Rigonat riesce ad unire influenze diverse e melodie molto ampie. Chiude il disco in italiano “Quando arriva la notte” e qui un giro di accordi di moog viene arricchito da un groove di batteria con delle percussioni tribali super rallentate; Elisa attacca il wurlitzer e inizia a cantare una melodia. Il tutto in una sola notte.

Il sipario di “Back to the Future” si apre con “Show’srollin’”, qui entra pulsante il tema dell’ambiente e sulla crisi climatica. Elisa stessa l’aveva raccontata così “Vorrei tornare nel futuro ma vorrei tornarci cambiando qualcosa. Salvando quello che è prezioso e lasciando andare quel superfluo in cui si rischia di annegare, di perdersi (…) Sembra un discorso che c’entra poco con la natura, ma forse invece c’entra”. Il brano è una sorta di flusso di coscienza, un manifesto delle intenzioni, un giuramento. Incentrato molto sui cori e sulle voci, risuona come un gospel moderno. Il passaggio a “Let me”, riporta il suono soul ma in un crossover che si appoggia su una produzione resa solo con il basso, la batteria, delle chitarre e strati di moog. Con “Drink to me” si brinda alla forza interiore che ritroviamo in noi stessi, quella che ci spinge a rialzarsi ogni volta che cadiamo. Su una solida base musicale organica e suonata, Marz e Zef hanno aggiunto potenza.

In “I feelit in the Earth” ritorna centrale il tema ambientale ed Elisa canta il grido di dolore della terra. Influenze di You’ve Got the Love di Florence + The Machine e delle vecchie produzioni di Mark Ronson segnano questo brano ricco di fiati (un altro segno dell’influenza soul nell’album). “OrdinaryDay” ha invece una melodia intensa ed emozionante che si sposa perfettamente con il testo scritto da Elisa insieme a Jessica Childress, bravissima autrice sempre molto attenta alle parole.

Entra delicatamente “TearsMayRoll Down Now”, un brano struggente che unisce gli archi scritti da Elisa e Will Medini a quelli di Patrick Warren che rendendo tutto il brano molto melodico. La produzione di Andrea Rigonat regala al ritornello potente un approccio elegante, quasi rétro.

“Fuckin’ believers” è invece uno sfogo, una liberazione. E’ un brano che diverte ma allo stesso tempo possiede in sè un contenuto estremamente serio. Ha un mood fisico che esce dalla griglia del pop. È pura linfa vitale.

Il testo di “Hope” usa invece l’idea di una casa che cade a pezzi come metafora per il nostro pianeta; parla della nostra incapacità di vedere, dell’ipocrisia di comodo di chi non vuole cambiare le sue abitudini, di chi è viziato e non riesce a rinunciare al comfort. Il pezzo, composto a Los Angeles insieme a Stevie Aiello, si poggia su un potente riff di chitarra.

Poi arriva l’effetto sonoro di “Domino” dove un imponente pianoforte con l’andare del pezzo prende una dimensione più drammatica e dark. Il testo parla di qualcuno che non vuole rapporti profondi con le persone, che non vuole un confronto o un rapporto alla pari.

In “Like I wantyou”, invece, il riff ipnotico di chitarra trasmette pace, mentre il testo romantico scalda tutto il brano. Elisa suona il wurlitzer, un piano elettrico vintage che dà al pezzo un sapore americano, quasi r&b.

“My Mission” vede la collaborazione con Andy dei Bluvertigo. Un’armonia bella e insolita richiama i Depeche Mode e Martin Gore. E’ venuta fuori una canzone solare e motivazionale, un piccolo momento di magia. Ha una melodia pura, volutamente lasciata da Elisa un po’ spoglia.

Ed ecco “Fire”, una canzone autobiografica. Elisa qui descrive il suo fuoco interiore. “Fire” è l’accettazione dei suoi pregi e soprattutto dei suoi difetti. Ma è anche una falsa illusione, quella del finto divertimento, del finto benessere, le caratteristiche peggiori della società capitalista.

L’album si chiude con “Letit go to waste on me”, una canzone libera, che ha coraggio perchè fuori dal tempo ma che porta in sè un messaggio importate, quello dell’amore incondizionato per se stessi che deve essere indipendente dai successi o fallimenti.

Elisa ha deciso di chiudere il suo disco con questo messaggio “Di questi tempi mi pare importante dirlo, stiamo battagliando e abbiamo perso tante cose, ma non noi stessi. È fondamentale: il valore di una persona deve essere scollegato dal successo materiale”.

Angela Tangorra

Musica & Spettacolo

Fedez e J Ax, è pace tra i due artisti

L’annuncio: “Abbiamo imparato che per tornare a riabbracciarsi ci vuole coraggio. Non faremo una canzone insieme ma abbiamo deciso di fare del bene”. Ecco le…

Una. Nessuna. Centomila. Ecco gli ospiti del mega concerto contro la violenza sulle donne

Tommaso Paradiso, Eros Ramazzotti  e gli altri amici del grande evento musicale

Sport

Serie A, ultimo atto. Oggi si assegna lo scudetto e si decide la terza retrocessione in B

Milan e Inter in lizza per il titolo, Salernitana e Cagliari per restare nella massima serie

Giro d’Italia, Yates vince la quattordicesima tappa. Carapaz nuova maglia rosa

Quarto Vincenzo Nibali, che ha guadagnato diverse posizioni in classifica

Leggerissime

Caldo, è boom di acquisti di frutta e verdura

L’innalzamento delle temperature in Italia ha fatto aumentare l’acquisto di ciliegie, fragole e verdura di stagione

Convention di Fi, c’è anche Ridge di “Beautiful”

L’attore: “Se fossi residente in Italia voterei per Berlusconi”. Poi ha ribadito il suo amore per la Puglia 

Il viaggio della musica 300x250

 
  Diretta

Top News

Ucraina, Kiev rivuole i combattenti del reggimento Azov consegnatisi ai russi. Ipotesi scambio di prigionieri con l’oligarca Medvedchuk

L’Ucraina rivuole i combattenti del reggimento Azov che si sono arresi ai russi dopo l’assedio dell’acciaieria Azovstal, a Mariupol. Il presidente Zelensky ha legato la…

Covid, in Italia diminuiscono tasso di positività e ricoveri. Stabili i decessi

In Italia, su 231.931 tamponi molecolari e antigenici analizzati, 23.976 sono risultati positivi. 91 i decessi, mentre ieri erano stati 89. In calo il tasso…

Guerra Ucraina, stop al gas russo in Finlandia. Azovstal sotto il controllo di Mosca. Pubblicati video dei civili giustiziati a Bucha. Kiev, Donbass raso al suolo

Stop alla fornitura di gas russo alla Finlandia, dopo che Helsinki ha rifiutato di pagare Gazprom in rubli. La stessa misura era stata adottata nei…

Mosca: stop alle forniture di gas alla Finlandia da domani. Continua l’evacuazione di Azovstal

La Regione del Dondbass è un inferno: colpa di Mosca. Il senso delle dichiarazioni rilasciate da Zelensky per descrivere quanto accade in una delle zone…

Locali

Usa alcol per accendere il barbecue, giovane donna ustionata in Salento

A Nardò, nel leccese, una giovane donna di 29 anni è rimasta gravemente ustionata al volto mentre stava accendendo il fuoco di un barbecue. Non…

Playoff Serie C, il Monopoli si ferma ai quarti. Biancoverdi battuti di misura a Catanzaro

Termina ai quarti di finale il cammino del Monopoli nei playoff di Serie C. I biancoverdi di Colombo sono stati sconfitti per 1-0 a Catanzaro…

Australia, è di origini pugliesi il neo-premier Anthony Albanese. Il padre era di Barletta

È di origini pugliesi il neo-premier australiano Anthony Albanese, leader del partito laburista e vincitore delle recenti elezioni. Il padre Carlo, infatti, era di Barletta,…

Incidente in autostrada, muore un 59enne residente nel foggiano

Un 59enne residente a Panni, nel foggiano, è morto in un incidente stradale sull’autostrada Napoli-Canosa, all’altezza di Vallesaccarda, in provincia di Avellino. Secondo le prime…

Made with 💖 by Xdevel