Ascolta Guarda
Regione Puglia - Battiti Live 2022

Ex Ilva, il futuro del siderurgico in bilico tra due sentenze

Dopo il processo, si attende la pronuncia del Consiglio di Stato sugli impianti a caldo

Il giorno dopo la sentenza di primo grado del processo Ambiente Svenduto sul presunto disastro ambientale causato dall’ex Ilva di Taranto durante la gestione dei Riva, dal 1995 al 2012, si cerca di capire quale sarà il futuro dello stabilimento, oggi in mano alla società franco-indiana Arcelor Mittal, al quale dovrebbe affiancarsi lo Stato italiano tramite Invitalia. E qui il condizionale è d’obbligo.

Infatti la Corte d’Assise di Taranto, insieme alla condanna di 26 imputati, ha confiscato gli impianti a caldo del siderurgico. La confisca non diventerà esecutiva fino al terzo grado di giudizio, ma di certo aumenta le incognite che erano già parecchie prima.

Questo perché gli impianti a caldo potrebbero essere fermati per un’altra sentenza, ancor prima del processo sul disastro ambientale. Si attende, a breve, la pronuncia del Consiglio di Stato sulla sentenza del Tar di Lecce che il 13 febbraio scorso ha disposto la fermata dell’area a caldo in ottemperanza all’ordinanza sulle emissioni del sindaco di Taranto Rinaldo Melucci.

Le due vicende legali potrebbero far saltare l’accordo Invitalia-Arcelor Mittal per le condizioni sospensive fissate dal gruppo franco-indiano, ovvero la revoca dei sequestri penali sull’acciaieria e l’assenza di misure restrittive nei confronti di Acciaierie d’Italia o sue consociate.

Se è vero che la Corte d’Assise ha ufficializzato che il siderurgico di Taranto inquina e fa male alla salute, o almeno l’ha fatto fino alla gestione Riva, è anche vero che dà lavoro a oltre 14 mila persone tra dipendenti diretti e indotto ed è il più grande d’Europa.

“Per me prima viene la salute, poi il Pil” ha detto il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani. “Io ho fatto un piano per togliere il carbone all’altoforno, elettrificarlo e passare subito al gas per abbattere la Co2 del 30%, sperando di essere velocissimi sull’ulteriore passaggio all’idrogeno. Se però non si potrà andare avanti, è ovvio che questa cosa la dovrò fermare” ha detto Cingolani. “Taranto va tutelata a tutti i costi, però le sentenze ci diranno che cosa succederà”.

Intanto il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, ha fatto sapere che la provvisionale di 100 mila euro che la Corte d’Assise ha riconosciuto al Comune sarà investita per la riqualificazione del rione Tamburi. Tutto ciò in attesa del vero risarcimento, quello che il tribunale penale ha riconosciuto, “quando esauriti i tre gradi di giudizio potremo interpellare il tribunale civile” ha spiegato Melucci. I legali del Comune hanno chiesto un risarcimento di 10 miliardi di euro, “che l’ente potrà esercitare nei confronti di alcuni imputati” ha concluso il sindaco.

Gianvito Magistà

Musica & Spettacolo

Chiara Ferragni, la prima volta a Gallipoli

L’influencer ha accompagnato il marito Fedez in Puglia per Battiti Live. Ha cucinato le orecchiette e scoperto il mare di Gallipoli …

Musica in lutto, è morta Irene Fargo

Fu due volte a Sanremo dove arrivò seconda. Renato Zero: "Io ti penserò e farò in modo che la mia musica ti arrivi e ti…

Leggerissime

Pellè sposa a Ostuni la modella ungherese Viktoria Varga

Matrimonio pugliese per l'ex attaccante della nazionale 

Paola Turci e Francesca Pascale si sposano

Il matrimonio tra la cantautrice  e la ex fidanzata di Silvio Berlusconi sarà officiato domani a Montalcino

 
  Diretta

Top News

Siccità, il governo dichiara lo stato di emergenza per cinque regioni. Stanziati 36,5 milioni di euro

Via libera del Consiglio dei ministri allo stato di emergenza per le cinque regioni più colpite dalla siccità dovuta al caldo record delle ultime settimane.…

Marmolada, salgono a sette le vittime. Si teme per altri tredici dispersi

 Si aggrava il bilancio della valanga staccatasi da un costone del ghiacciaio della Marmolada.  Al momento sono sette le vittime, di cui tre identificate, e…

Violenza sessuale, torna libero il regista Paul Haggis

Il regista e sceneggiatore premio Oscar, Paul Haggis, è tornato in libertà dopo 16 giorni agli arresti domiciliari. Lo ha deciso il giudice per le…

Covid, in Italia incidenza stabile al 27%. Salgono i ricoveri

In Italia, su 129.908 tamponi analizzati – tra molecolari e antigenici – 36.282 sono risultati positivi. Incidenza al 27,9%, stabile rispetto a ieri. Sono 59…

Locali

Incendi, distrutti circa mille ettari in Puglia

Circa 1000 ettari sono stati distrutti in Puglia da cinque incendi divampati ieri tra il foggiano e la sesta provincia. Il più esteso a San…

Vasto incendio a Spinazzola, a rischio alcune masserie

Un incendio esteso su circa 150 ettari, di cui dieci boschivi, sta interessando la zona Masserie Cavone a Spinazzola, nella sesta provincia pugliese, in direzione…

Via al raduno del Bari. Mignani: “Lavoriamo per costruire una squadra forte”

È cominciato oggi il raduno precampionato del Bari, tornato in Serie B a quattro anni dal fallimento e dalla ripartenza dai Dilettanti. Oggi pomeriggio il…

Tentato assalto a un furgone portavalori nel foggiano

A Cerignola, nel foggiano, tentato assalto a un furgone portavalori che stava consegnando denaro all’ufficio postale in via Duomo. Ad agire un gruppo composto da…

Made with 💖 by Xdevel