Ascolta Guarda

Guida al green pass: cosa esibire e a chi, e quando i verificatori chiedono i documenti

Il green pass non è un labirinto di circolari e norme soltanto per chi deve controllare. Nel ping-pong tra Viminale e Privacy, il cittadino potrebbe finire col non capire cosa esibire. Per fare un po’ d’ordine è necessario partire dal fatto che, chi vuole accedere in uno dei luoghi in cui è richiesta la certificazione verde (ad es., bar e ristoranti al chiuso, musei, cinema, stadi, teatri, palestre, piscine, ndr), dovrà esibire all’ingresso il pass, con il relativo Qr code, in versione cartacea o digitale. Se richiesto, è necessario esibire anche il documento di identità. il personale del luogo, all’ingresso, dovrà verificare il documento con un dispositivo digitale in cui è stata scaricata la app VerificaC19. Se la certificazione è scaduta, non è ancora valida o è stata revocata, scatterà la luce rossa e verrà negato l’accesso. Nessun cliente può rifiutarsi di mostrare il documento di riconoscimento, anche se il verificatore non è un pubblico ufficiale. negli stadi e in luoghi in cui si svolgono eventi con un servizio steward, i controlli si limiteranno alla richiesta del green pass e del documento, anche in questo caso, a discrezione del controllore.
In Italia, il pass si ottiene dopo i 14 giorni dalla prima dose di vaccino e per nove mesi dopo la seconda, o ancora dopo la guarigione per sei mesi dal primo tampone positivo, oppure in seguito a tampone negativo (valido per 48 ore).
Per quanto riguarda le sanzioni, un cittadino che entra senza certificazione in un luogo in cui è necessario esibirla è sanzionabile dai 400 ai mille euro, e potrebbe anche subire una denuncia penale in caso di certificazione falsa o di sostituzione di persona. Il verificatore (quindi il gestore del locale, ndr) è sanzionabile soltanto se non ha richiesto il green pass all’ingresso o se il green pass è palesemente falso. Se le sanzioni per i verificatori si ripetono per tre volte, alle multe previste per i clienti si aggiungerebbe la chiusura dell’attività fino a cinque giorni.
I prefetti hanno il compito di organizzare dei servizi mirati, attraverso le forze dell’ordine, che potranno ulteriormente verificare la documentazione mostrata e l’identità dei cittadini anche a campione.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Ron in diretta su Radio Norba

In collegamento con i nostri studi martedì, 17maggio, alle 11

Leggerissime

Maneskin, bagno nel mare pugliese

Victoria provoca nuda tra i fiori 

Estate, torna la voglia di vacanze degli italiani

Confturismo Confcommercio, solo 4 su 10 però hanno già prenotato

Il viaggio della musica 300x250

 
  Diretta

Top News

Trova la convivente in casa con un altro uomo e l’accoltella: la ragazza è gravissima. L’uomo piantonato in ospedale

Torna a casa e accoltella la convivente, in camera da letto con un altro uomo. E’ successo nella notte tra sabato e domenica in un…

Covid, in Italia si conferma la tendenza in discesa dei contagi

 In Italia, sono 13.668 i casi di Covid su 104.793 tamponi analizzati. Il tasso di positività scende dal 14% al 13%. Si conferma il trend…

Mosca: “Insopportabile l’entrata di Svezia e Finlandia nella Nato, conseguenze di vasta portata”. La Renault in Russia diventa di proprietà dello Stato

L’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato “è un errore con conseguenze di vasta portata” dice il viceministro degli Esteri russo, Sergei Ryabkov, dopo che…

Nato, al via una delle più grandi esercitazioni nei Paesi Baltici. In Estonia 15mila soldati da dieci Paesi. Ci sono anche Usa, Regno Unito, Finlandia e Svezia

Nome in codice Hedgehog. E’ una delle più grandi esercitazioni nella storia dei Paesi baltici da parte della Nato che prende il via oggi in…

Locali

Porto Cesareo, molestata 22enne all’uscita di un ristorante. Il fidanzato e gli amici picchiano l’uomo che le si è avvicinato

Un uomo avrebbe molestato all’uscita da un ristorante una ragazza di 22 anni. Per tutta risposta il fidanzato di lei, insieme ad altri tre amici,…

Appalti truccati, torna libero ex vicesindaco di Polignano a Mare. Sei le gare su cui sarebbero state accertate irregolarità

Torna libero l’ex vicesindaco dimissionario di Polignano a Mare, Salvatore Colella, agli arresti domiciliari dal 21 aprile scorso nell’ambito di un’indagine su presunti appalti truccati…

Mafia, chieste 135 condanne per estorsioni e droga nel Barese. Pene richieste anche per boss e capi clan: esercitavano illecito controllo sui territori

Sono 135 le condanne, a pene comprese tra i 20 anni e i 22 mesi, chieste dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari nei confronti di…

Ex Ilva di Taranto, Procura contraria a dissequestro dell’area a caldo. Gli impianti furono sequestrati nel 2012, in seguito fu concessa facoltà d’uso

La Procura di Taranto ha espresso parere negativo in merito all’istanza di dissequestro degli impianti dell’area a caldo dello stabilimento siderurgico presentata il 30 marzo…

Made with 💖 by Xdevel