Ascolta Guarda

L’ultimo saluto alla regista Lina Wertmüller. Giancarlo Giannini: “Senza di lei io non avrei fatto nulla”

Il presidente della Regione Basilicata, Bardi: “Restauriamo la pellicola dei Basilischi, Lina era orgogliosa di essere lucana”

Tanta commozione e lunghi applausi alla chiesa degli Artisti, a Roma, per l’ultimo saluto alla regista Lina Wertmüller, scomparsa a 93 anni due giorni fa. Ai funerali erano presenti in tanti, dalla figlia Maria Zulima Job, che teneva per mano amici e familiari, a Giuliana De Sio, alla collega Cinzia Th Torrini, a Elisabetta Villaggio, figlia di Paolo. Sulla bara, in chiesa, una sua foto e un paio di occhiali bianchi.
Il rito funebre e’ stato celebrato da don Walter Insero, amico personale della regista, che ha voluto ricordare la vicinanza di Lina ai meno fortunati. Commosso Giancarlo Giannini. “Una grande donna, una grande regista: senza di lei non avrei fatto nulla, io”, ha commentato all’ingresso della chiesa l’attore, con voce rotta dal pianto. “Mi dispiace tantissimo”, ha aggiunto. “Oggi la ricordiamo, facciamolo senza nessuna retorica – ha detto Giuliana De Sio al suo arrivo – ieri abbiamo anche cantato alla camera ardente. Siamo sereni. Lina se n’è andata bene senza soffrire, ha vissuto libera come ha voluto. Dobbiamo festeggiarla”. 

Il cordoglio arriva anche dalla Basilicata, di cui è originaria la regista. “Come Regione Basilicata siamo pronti a dare il nostro contributo per il restauro della pellicola de ‘I Basilischi’, film ambientato tra Puglia e Basilicata, che nel 1963 vide il suo debutto alla regia”, ha annunciato il presidente Vito Bardi, che ha lanciato “un appello anche ai privati – che possono contare sull’85% del tax credit – perché è un dovere che abbiamo nei confronti di Lina Wertmüller, una grande lucana che ha realizzato una grande opera d’arte, capace di raccontare a tutto il mondo la nostra terra”.
“La Regione – ha aggiunto il governatore lucano – farà il suo dovere, mi auguro insieme alle forze produttive, sociali e culturali della nostra terra. Difendiamo l’identità lucana: restituiamo in parte a Lina Wertmüller, originaria di Palazzo San Gervasio (Potenza), quello che lei ha donato alla nostra, alla sua Regione. Ieri, il prof. Domenico De Masi che ho
incontrato alla camera ardente allestita in Campidoglio, mi ha raccontato come la Wertmüller – ha concluso – abbia sempre rivendicato la sua origine lucana”.

“Sarebbe bello se Roma dedicasse a mamma una piazza o un teatro o un cinema”, è il desiderio espresso ieri,
giorno della camera ardente in Campidoglio, dalla figlia della cineasta.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Tommaso Paradiso presenta “Lupin”

Il nuovo singolo esce il 19 gennaio

Sanremo, Aka7even positivo al covid rassicura tutti: “Sto bene”

Sarà in gara al festival che comincerà il 1 febbraio

Leggerissime

Berrettini vince e ringrazia Imodium

Il tennista italiano ha esordito in sofferenza a causa di un problema intestinale

Il diamante nero da record in vendita all’asta

Si chiama Enigma ed è un pezzo unico dalle origini misteriose

 
  Diretta

Top News

Covid, 83.403 positivi in Italia. Cala l’incidenza, ma aumentano ancora i ricoveri

In Italia, su 541.298 tamponi analizzati, 83.403 sono risultati positivi. Mentre si registrano 287 morti nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività è del…

Covid, monitoraggio Agenas: occupazione area medica in Italia al 29%, Valle d’Aosta al 69%

La percentuale di posti letto in area medica occupati da pazienti Covid è salita in Italia al 29%, mentre in Valle d’Aosta è arrivata al…

Covid, il bollettino giornaliero cambierà. Costa: “Una scelta politica, non scientifica. I tamponi? Solo ai sintomatici”

Cambierà il bollettino giornaliero del Covid in Italia. Non si tratta di censurare i dati, ma di “elaborare dati che possono avere un’efficacia nei confronti…

Scomparsa 10 anni fa nel Catanese, arrestato l’ex convivente della madre. La Procura: “Falso alibi”

E’ scomparsa dieci anni fa e non è mai stato trovato il suo corpo, ma adesso ci sarebbe un nome legato ad Agata Scuto, la…

Locali

Sciarpa prende fuoco mentre cucina, anziana muore carbonizzata a Squinzano

Incidente mortale domestico a Squinzano, nel Leccese. La sciarpa di Lugina Greco, 86 anni, ha preso fuoco mentre cucinava e per lei non c’è stato…

Il ministro Lamorgese a Foggia: “Presenza dello Stato forte e compatta. Serve intervento strutturale”

La presenza dello Stato in provincia di Foggia, dopo gli attentati dinamitardi susseguitisi da inizio anno, deve essere forte e compatta. Lo ha dichiarato il…

Covid, in Puglia aumentano i ricoveri. Cinque vittime in Basilicata

In Puglia, su 50.360 test analizzati, 6652 sono risultati positivi. Un decesso registrato e incidenza al 13,2%, in calo rispetto al 15,3% di ieri. È…

Covid, protesta dei ristoratori pugliesi: “Viviamo un lockdown indotto”

Il comparto della ristorazione in Puglia sta affrontando un nuovo lockdown, ma questa volta indotto e non imposto. A scriverlo in una nota l’Unione regionale…

Made with 💖 by Xdevel