Ascolta Guarda

“Michele Merlo si poteva salvare”

I genitori del cantante aspettano la verità sulla morte del figlio: la diagnosi fatta troppo tardi, i soccorsi pensavano avesse assunto droga. Va avanti l’inchiesta sui medici in Veneto

Il sei giugno scorso Michele Merlo, cantante giovanissimo, moriva all’ospedale Maggiore di Bologna per emorragia cerebrale provocata da una leucemia fulminante.

Il ventottenne stava male da giorni, come aveva sottolineato la famiglia, ma dall’ospedale di Vergato, nel bolognese, dove si era presentato per essere soccorso, lo avevano rimandato casa dopo avergli diagnosticato la faringite e prescritto l’antibiotico. 

La sera successiva, come riepiloga il Corriere della Sera, Michele Merlo accusò le convulsioni a casa della fidanzata. L’arrivo all’ospedale in ambulanza non fu sufficiente a salvarlo. 

La procura di Bologna, riporta il Corriere, sta per trasferire l’inchiesta ai magistrati di Vicenza. Secondo il magistrato, quando Merlo si presentò a Vergato, anche se i medici non avevano diagnosticato la leucemia, non avrebbero potuto comunque salvarlo perché la malattia era già andata molto avanti e quindi la morte non è imputabile ai medici bolognesi. 

Il 26 maggio, come raccontava il papà, Michele stava già male e si presentò al pronto soccorso di Cittadella “con dolori e uno strano ematoma alla gamba. Ma tre ore dopo il triade era ancora in attesa. Così scocciato andò via”.

Da casa inviò una mail al medico di famiglia  di Rosà, comune del vicentino dove abitava con la famiglia, allegando la foto dell’ematoma. Dallo studio medico fu rimproverato per aver spedito l’immagine e, continua il padre, “fu ricevuto da qualcuno che si limitò a massaggiargli la gamba con una pomata”.

Ler indagini si concentreranno a Rosà e Cittadella . La perizia, riporta il Corriere, parla chiaro: se Merlo fosse stato sottoposto a esami del sangue entro il 27 giugno i segnali della malattia sarebbero emersi e avrebbe potuto cominciare una terapia adeguata che gli avrebbe dato una probabilità di sopravvivenza compresa tra il 79 e l’87 per cento. 

La speranza è che si possa arrivare presto alla attribuzione delle responsabilità della morte di Michele. Il papà ha dichiarato: “Sono deluso e comincio a perdere fiducia nella giustiziaSpero che i pm di Bologna indaghiamo comunque sul comportamento di due medici: quell’ok di vergato che non volle visitarlo e quello del 118 intervenuto a casa della fidanzata di Michele. Ero al telefono con lei, lo sentivo chiederle quanta droga avessero assunto. Pareva fuori controllo. E perse minuti preziosi. 

Angela Tangorra

Musica & Spettacolo

Aaron in diretta su Radio Norba

Venerdì 24 maggio alle 16 con Alan Palmieri

Ermal Meta in diretta su Radio Norba

Appuntamento mercoledì 22 maggio alle 12 con Marco e Claudia

Yes We Work

 
  Diretta

Top News

Fondazione con il Sud, sei meridionali su 10 bocciano la sanità pubblica. E non si fidano della politica

Più di sei meridionali su 10 si ritengono del tutto insoddisfatti dai servizi sanitari pubblici, al contrario dei cittadini del Nord, che al 70% promuovono…

Kate per ora non torna agli impegni pubblici

Un comunicato ufficiale di Kensington Palace rivela che la principessa è sottoposta a chemioterapia e  seguirà comunque a distanza le attività della sua fondazione Kensington…

Sciame sismico nei Campi Flegrei, da ieri sera oltre 150 scosse. La più forte di magnitudo 4.4

Paura nella zona dei Campi Flegrei, nel napoletano, per uno sciame sismico, che dalle 19.51 di ieri ha fatto registrare oltre 150 scosse. La più…

Morte Raisi, domani i funerali. Proclamati cinque giorni di lutto nazionale

Saranno celebrati domani a Tabriz i funerali del presidente iraniano, Ebrahim Raisi, morto in un incidente in elicottero insieme ad altre otto persone. Il leader…

Locali

Pediatri di libera scelta: nessuna carenza in Puglia ma entro il 2026 sono previsti 145 pensionamenti

La Puglia è tra le regioni italiane a non registrare carenze di pediatri ma è la quinta regione che vedrà andare in pensione più professionisti.…

Investì il figlio mentre guidava ubriaca, Ginetta la perdona: “L’unica via contro la follia del dolore”

Il perdono, alle volte, può salvare dalla follia del dolore. Anche di quello di una madre che perde suo figlio. “Ho perdonato chi ha investito…

Rapinarono una donna mentre rincasava, due arresti a Bari

Avrebbero rapinato una donna nel centro di Bari, strappandole la borsa mentre stava rincasando e facendola cadere. È l’accusa che ha portato agli arresti domiciliari…

Xylella, l’Unione europea aggiunge sei Comuni pugliesi all’elenco delle aree infette

Fasano, Alberobello, Castellana Grotte, Monopoli, Polignano a Mare e Putignano. Sono i sei Comuni pugliesi che la Commissione europea ha aggiunto all’elenco delle zone infette…

Made with 💖 by Xdevel