Ascolta Guarda

Omicidio dei fidanzati di Pordenone, la difesa di Ruotolo a Radionorba: movente labile frutto di dichiarazioni tardive

“Il movente non sta in piedi, il fatto dell’aggressione che avrebbe subito Ruotolo da parte di Ragone è circostanza che emerge da dichiarazioni quasi simmetriche di due commilitoni, che erano coindagati, dichiarazioni che giungono tardive ed assolutamente ad arte per fare inanellare l’ultimo cerchio all’interno di una catena che poteva giustificare l’emissione di una ordinanza di custodia cautelare”. Lo ha dichiarato, intervenendo stamattina in diretta su Radionorba, l’avv Roberto Rigoni Stern, difensore di Giosuè Ruotolo, arrestato con la fidanzata (quest’ultima ai domiciliari) per l’omicidio dei fidanzati di Pordenone, Trifone Ragone e Teresa Costanza. Rigoni Stern contesta il movente e la circostanza secondo cui Ruotolo attraverso un falso profilo Facebook avrebbe insidiato la fidanzata di Ragone scatenando la sua reazione con una aggressione e con la minaccia di denunciarlo, compromettendo la possibilità di Ruotolo di entrare nella Guardia di Finanza. “Non c’è la possibilità – ha dichiarato il legale a Radionorba – di provare che Trifone ebbe modo di aggredire Ruotolo per questi dialoghi che si sarebbero manifestati sotto un finto profilo Facebook; intanto parliamo di nove messaggi inviati in una decina di giorni nel luglio del 2014 mentre l’omicidio è del marzo 2015, siamo di fronte a un lasso temporale che non giustifica un gesto così forte, il movente è molto labile”. Sul falso profilo Facebook, il difensore spiega: “Nell’ambito delle dinamiche del rapporto di coppia tra il Ruotolo e la sua fidanzata si era creato questo profilo facebook, però sui contenuti di questo profilo non abbiamo contezza nel senso che gli atti sono ancora a disposizione della Procura e non dei difensori, adesso faremo un ricorso al tribunale della libertà per poterne acquisire copia. È difficile in questo momento comprendere il tenore di questi dialoghi certamente quello che noi confutiamo è che alla base di questo omicidio ci sia un alterco tra Trifone e Ruotolo, questo perché, lo dimostreremo e lo dimostreranno i fatti, i due commilitoni si scrivevano messaggi sino a qualche mese prima dell’omicidio, nè vi sono agli atti lesioni o referti medici, addirittura si parla di un polso fasciato, sono informazioni che vengono rese tardivamente da due commilitoni che ricordo erano coindagati per omicidio volontario anche loro e che da un momento all’altro vengono ritenuti credibili dalla Procura e ovviamente dal Gip che non ha fatto altro che ricalcare la richiesta di custodia cautelare che giunge tardivamente senza alcuna mutazione o sviluppo dell’indagine rispetto a settembre quando Ruotolo è stato iscritto nel registro degli indagati”. “Per quanto riguarda la presenza di Ruotolo sulla scena del delitto – continua Rigoni Stern – ricordo che sulla scena vi erano altre otto persone, non è che si possa pensare che uno abbia commesso un fatto di questo tipo solo perché si stava recando in palestra quando vi erano altre otto persone che mentre Trifone usciva dalla palestra con la fidanzata erano presenti sul luogo del delitto, noi dovremo dimostrare che Ruotolo era presente sul luogo del delitto poco prima del suo verificarsi”.

Maurizio Angelillo

Musica & Spettacolo

Fedez e J-Ax, concerto di beneficenza a Milano

I due artisti hanno ufficializzato il loro ritorno insieme e l’iniziativa per la loro città

Vegas Jones ospite di Radio Norba

Appuntamento martedì 24 maggio alle 16

Leggerissime

La scienza contro la dipendenza da smartphone

Stimoli e incoraggiamento per aiutare chi usa il telefono più di 5 ore al giorno

Il viaggio della musica 300x250

 
  Diretta

Top News

Guerra in Ucraina: due mesi fa attentato fallito a Putin

Si valuta piano di pace dell’Italia. Il Cremlino intende processare i prigionieri dell’Azovstal  Il presidente russo Vladimir Putin sarebbe scampato ad un attentato dopo l’inizio…

Covid, calano i nuovi positivi ma aumentano le vittime

I contagi sono 9820, i morti 80 Sono 9.820 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del…

Commemorazioni per la strage di Capaci, Mattarella: “Impegno contro la mafia non consente né pause né distrazioni”

“L’impegno contro la mafia non consente pause né distrazioni”. Lo ha dichiarato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al Foro Italico di Palermo durante la…

Tragedia del Mottarone, il giorno del ricordo. I familiari delle vittime: “Abbandonati da tutti”

Si è svolta oggi, nel bosco del Comune di Stresa, la cerimonia di commemorazione della tragedia della funivia del Mottarone, avvenuta il 23 maggio di…

Locali

Incidente sfiorato nelle acque del porto di Taranto, salvate nove persone su una barca alla deriva. A bordo anche un bambino di pochi mesi

Nove persone, tra cui tre bambini e uno di pochi mesi, sono state salvate mentre si trovano su una barca alla deriva che si stava…

Naufragio rimorchiatore al largo di Bari, verso la sospensione delle ricerche dei marinai di Molfetta

A quattro giorni dal naufragio del rimorchiatore al largo di Bari, non sono stati ancora ritrovati i corpi dei marinai molfettesi, Mauro Mongelli, 59 anni,…

Incidente aereo Trani, dimesso il pilota del secondo aereo coinvolto

E’ stato dimesso dall’ospedale di Andria Vincenzo Rosei, 57 anni, pilota del secondo aereo coinvolto nello scontro con un altro piper, avvenuto domenica mentre sorvolavano…

Incidenti stradali in Basilicata, il bilancio è di 2 morti e 6 feriti

E’ di due morti e sei feriti il bilancio di due incidenti stradali avvenuti nelle scorse ore in Basilicata. All’alba di lunedì, sulla statale 96…

Made with 💖 by Xdevel