Ascolta Guarda

Covid, il primario vicentino ai no vax: “Non siamo vostri nemici, siamo con voi”. Tre giorni fa la morte di un padre di tre figli

“Cari amici no vax, noi tutti siamo con voi e vogliamo aiutarvi”. Non è una presa in giro, ma una lettera, seria e a cuore aperto, di Vinicio Danzi, primario della Rianimazione dell’ospedale San Bortolo di Vicenza. L’ha pubblicata il Corriere del Veneto. Danzi l’ha indirizzata idealmente a chi rifiuta il vaccino e le cure, persino l’intubazione o la pronazione. Come il 48enne no vax, padre di 3 figli, morto martedì notte, nel reparto del primario, con una polmonite bilaterale da Covid, che fino all’ultimo ha rifiutato di farsi intubare. “Ho pensato di scrivervi per darvi il mio pensiero e quello di chi con me è qui. E’ un pensiero rivolto a chi non vuole vedere”, prosegue Danzi. “Non amo apparire sui social, ma lavorare nel silenzio, rapportandomi solo con chi per sua sfortuna ci incontra per motivi legati alla professione”. “Gli anestesisti rianimatori – scrive ancora il primario vicentino – sono abituati a vivere e gestire il processo del morire, abbiamo forte il senso della finitezza umana, ma ciò che sta accadendo è troppo per noi, perciò scrivo. Non siamo vostri nemici, il Servizio sanitario è con voi, non seguite false illusioni e mistificazioni della realtà che acquisite dal web, o falsi miti propinati anche da colleghi che nella luce della ribalta appaiono come guru della Medicina”. “Di Covid si muore, non
dateci anche il peso di vedere vite che si spengono per un’assurda visione distorta della realtà. Ascoltateci. La rianimazione – si conclude la lettera – è come un ponte su cui vi poniamo, sospeso nel vuoto, raccogliendovi dal ciglio e sostenendo le vostre funzioni vitali finché la natura, i farmaci o l’intervento chirurgico possano risolvere la cosa. Noi tutti siamo con voi”.

Stefania Losito

Musica & Spettacolo

Tommaso Paradiso presenta “Lupin”

Il nuovo singolo esce il 19 gennaio

Sanremo, Aka7even positivo al covid rassicura tutti: “Sto bene”

Sarà in gara al festival che comincerà il 1 febbraio

Leggerissime

Berrettini vince e ringrazia Imodium

Il tennista italiano ha esordito in sofferenza a causa di un problema intestinale

Il diamante nero da record in vendita all’asta

Si chiama Enigma ed è un pezzo unico dalle origini misteriose

 
  Diretta

Top News

Covid, 83.403 positivi in Italia. Cala l’incidenza, ma aumentano ancora i ricoveri

In Italia, su 541.298 tamponi analizzati, 83.403 sono risultati positivi. Mentre si registrano 287 morti nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività è del…

Covid, monitoraggio Agenas: occupazione area medica in Italia al 29%, Valle d’Aosta al 69%

La percentuale di posti letto in area medica occupati da pazienti Covid è salita in Italia al 29%, mentre in Valle d’Aosta è arrivata al…

Covid, il bollettino giornaliero cambierà. Costa: “Una scelta politica, non scientifica. I tamponi? Solo ai sintomatici”

Cambierà il bollettino giornaliero del Covid in Italia. Non si tratta di censurare i dati, ma di “elaborare dati che possono avere un’efficacia nei confronti…

Scomparsa 10 anni fa nel Catanese, arrestato l’ex convivente della madre. La Procura: “Falso alibi”

E’ scomparsa dieci anni fa e non è mai stato trovato il suo corpo, ma adesso ci sarebbe un nome legato ad Agata Scuto, la…

Locali

Sciarpa prende fuoco mentre cucina, anziana muore carbonizzata a Squinzano

Incidente mortale domestico a Squinzano, nel Leccese. La sciarpa di Lugina Greco, 86 anni, ha preso fuoco mentre cucinava e per lei non c’è stato…

Il ministro Lamorgese a Foggia: “Presenza dello Stato forte e compatta. Serve intervento strutturale”

La presenza dello Stato in provincia di Foggia, dopo gli attentati dinamitardi susseguitisi da inizio anno, deve essere forte e compatta. Lo ha dichiarato il…

Covid, in Puglia aumentano i ricoveri. Cinque vittime in Basilicata

In Puglia, su 50.360 test analizzati, 6652 sono risultati positivi. Un decesso registrato e incidenza al 13,2%, in calo rispetto al 15,3% di ieri. È…

Covid, protesta dei ristoratori pugliesi: “Viviamo un lockdown indotto”

Il comparto della ristorazione in Puglia sta affrontando un nuovo lockdown, ma questa volta indotto e non imposto. A scriverlo in una nota l’Unione regionale…

Made with 💖 by Xdevel