Ascolta Guarda

IL RITROVAMENTO DEL PICCOLO LUIGI. DON ANTONIO: “LA COMUNITÀ È PRONTA AD AIUTARE I GENITORI SE LO VORRANNO”

Luigi, il bambino di pochi giorni lasciato nella culla termica della parrocchia di San Giovanni Battista a Bari domenica scorsa, “sta benissimo, ma era stato tenuto in ottime condizioni anche nei giorni precedenti”. A confermarlo in una intervista a Radionorba è il professor Nicola Laforgia, primario del reparto di Terapia intensiva neonatale del Policlinico, nominato tutore legale del bambino dal Tribunale per i Minorenni. La storia del bimbo, trovato con accanto un biglietto dei genitori (“Papà e mamma ti ameranno sempre”) ha commosso l’Italia intera, tanto che sia nell’ ospedale in cui è stato ricoverato, sia nella chiesa del quartiere Poggiofranco, sono arrivate decine di telefonate per chiedere informazioni sull’affido o per aiutare i genitori. A raccontarlo, anche lui intervistato da Radionorba, è il parroco di “San Giovanni Battista”, don Antonio Ressa. “Chiamate sono arrivate da tutta la Puglia, dalla Basilicata, ma anche dal resto d’Italia, compresa quella di un imprenditore di Brescia che si è offerto di aiutare la famiglia per alcuni mesi”. Don Antonio ripercorre quei momenti, ancora emozionato: “Eravamo in sagrestia in attesa della messa quando il mio telefono, collegato al sistema della culla, ha cominciato a squillare. Ho provato una gioia immensa a vedere il bambino ma nello stesso tempo anche un’ansia che non riesco a descrivere. Questo bimbo è il segno di un mondo che sta rinascendo dopo il covid che ci ha costretti a rimanere a distanza. Quello che potrebbe sembrare un abbandono non lo è. E’ una consegna, proprio perché forse c’è bisogno di unire tanti cuori”. Il parroco non condanna il gesto, anzi: “Dobbiamo immedesimarci un attimo in questa famiglia e lasciarla stare in pace. Nessuno di noi è chiamato a giudicare. Dobbiamo pensare che hanno fatto una scelta difficile che forse non avrebbero mai voluto fare ma che hanno pensato, anche perché lo hanno lasciato subito prima della messa per essere sicuri che fosse trovato. La comunità parrocchiale è pronta comunque ad aiutare i genitori in tutto e per tutto, qualora si dovessero ripresentare, anche in forma anonima. La legge dice del resto che non è un abbandono, è una consegna”.
A rassicurare i genitori è anche il professor Laforgia: “Chi lo ha lasciato in quella culla termica sapeva che avrebbe avuto una immediata assistenza e un futuro. Non è un abbandono ma un affido di chi evidentemente ha avuto alle spalle una situazione tale da arrivare a fare questa scelta su cui non voglio entrare. Il messaggio che ritengo sia utile continuare a diffondere è che se qualcuno dovesse trovarsi nell’estrema difficoltà di non poter assicurare un futuro al proprio figlio, può partorire in ospedale nella massima riservatezza e nell’anonimato totale perché questo consente a mamma e bambino di avere un parto in sicurezza e al neonato di essere accudito come si deve. Luigi è stato fortunato ed è arrivato in ottime condizioni ma in altre situazioni ci sono stati seri problemi per mamma e bambino”. Infine Laforgia scherza sulla nomina a tutore di Luigi: “Se io sono il secondo papa’ di Luigi e don Antonio è il primo vuol dire che io e don Antonio siamo una coppia di fatto!”. “Si” ride don Antonio “è così anche se rischio di finire dinanzi al Sant’Uffizio, ma per Luigi…”
Mauro Denigris

Musica & Spettacolo

Fedez torna sul palco

Ospite a sorpresa al concerto di Tananai. La prima volta dopo l’operazione per la rimozione del tumore

Leggerissime

Temperature alte ed estate in anticipo. Ecco Hannibal

Nei prossimi giorni in Italia, e non solo, le temperature saliranno notevolmente. Ecco le regole per combattere il caldo improvviso

Gucci, su Castel del Monte fa splendere le costellazioni

La sfilata della collezione di Alessandro Michele in Puglia incanta tutto il mondo. Guarda le foto

Il viaggio della musica 300x250

 
  Diretta

Top News

Disastro aereo in Cina, il Boeing 737 è precipitato per volontà dell’uomo e non per un guasto

E’ stata la mano dell’uomo e non una tragica fatalità a causare il disastro aereo del 21 marzo in Cina, quando un boeing 737 precipitò…

Putin all’Occidente, il vostro è un suicidio energetico. Svezia e Finlandia sempre più vicine all’ingresso nella Nato

Il gas si paga in rubli. L’obbligo imposto da Mosca scatena il caos in Europa. Bruxelles chiarisce che tale previsione viola gli accordi e minaccia…

Adolescente accoltellato in aula da compagno, non è grave

Violenza a scuola. Un ragazzo di 13 anni della provincia di Napoli è stato accoltellato in aula da un compagno. Il giovane è stato accompagnato…

Covid, incidenza stabile al 13% in Italia. Cala il numero dei ricoverati

In Italia, su 335.217 tamponi processati, 44.489 sono risultati positivi. Incidenza al 13,2%, stabile rispetto a lunedì. Sono 148 i morti delle ultime 24 ore.…

Locali

Stava rientrando in carcere a Foggia, ucciso nel parcheggio un detenuto di 32 anni in semilibertà

Un uomo, Alessandro Scrocco, di 32 anni, detenuto in semilibertà è stato ucciso ieri sera in via delle Casermette, nelle vicinanze del carcere di Foggia.…

Covid, in Puglia cala l’occupazione posti letto ma resta sopra la media nazionale. Quattordici decessi nelle ultime 24 ore

L’incidenza del Covid in Puglia nelle ultime 24 ore è del 15,8%. Si registrano 3.355 nuovi casi su 21.229 test e 14 decessi. I nuovi…

Clan Moccia, resta ai domiciliari il consigliere comunale leccese Andrea Guido

Resta agli arresti domiciliari Andrea Guido, il consigliere comunale di Lecce agli arrestato dal 20 aprile scorso nell’ambito del maxi blitz anti-camorra della Procura di…

Appalti truccati, l’ex sindaco di Polignano per ora resta ai domiciliari nonostante le dimissioni. Torna libero il vicesindaco

Resta agli arresti domiciliari (per il momento) l’ex sindaco di Polignano a Mare Domenico Vitto, arrestato il 21 aprile scorso nell’ambito di una indagine su…

Made with 💖 by Xdevel