Ascolta Guarda

Wikipedia dice no alla censura di Mosca

Non saranno rimosse le voci sui morti in Russia

L’opposizione alla Russia viaggia anche sul web. La Wikimedia Foundation, che gestisce Wikipedia, fonte di approvvigionamento di informazioni  di tutto il mondo, ha rilasciato una dichiarazione con cui comunica di respingere la minaccia di Mosca di censurare, per gli utenti del paese, la pagina “Invasione russa dell’Ucraina (2022)”. Secondo il regolatore della tecnologia e delle comunicazioni Roskomnadzor, la voce pubblicata  contiene informazioni errate sui soldati russi morti e sulla violenza militare contro i civili.

Inuna dichiarazione inviata al sito The Verge si legge che: “Il 1 marzo 2022 la Wikimedia Foundation ha ricevuto una richiesta del governo russo di rimuovere i contenuti relativi all’invasione dell’Ucraina pubblicati da collaboratori volontari sulla versione russa di Wikipedia. Come sempre, Wikipedia è  un’importante fonte di informazioni affidabili e fattuali, specialmente in periodi di crisi. In riconoscimento di questo importante ruolo, non ci tireremo indietro di fronte agli sforzi per censurare e intimidire i membri del nostro movimento. Sosteniamo la missione di fornire conoscenza gratuita a tutto il mondo”.

Secondo Wikimedia, le affermazioni  russe sono  “fondamentalmente impossibili” da valutare e ha esortato il governo a non bloccare l’accesso all’articolo, che richiederebbe un blocco a tutta Wikipedia. Ha anche notato che la pagina è in continua evoluzione grazie al lavoro dei suoi numerosi editori.

“Tutte queste persone hanno opinioni molto diverse su ciò che sta accadendo e sono attente a garantire che non vengano inserite informazioni false o parole fuorvianti nell’articolo” sottolinea il gruppo.

Roskomnadzor ritiene false le informazioni sul numero di vittime tra i militari russi, tra la popolazione civile ucraina (compreso il numero dei bambini) e sul prelievo in massa di contanti a seguito delle sanzioni estere.

Angela Tangorra

Musica & Spettacolo

Ron in diretta su Radio Norba

In collegamento con i nostri studi martedì, 17maggio, alle 11

Sport

Leggerissime

Gucci, su Castel del Monte fa splendere le costellazioni

La sfilata della collezione di Alessandro Michele in Puglia incanta tutto il mondo. Guarda le foto

Maneskin, bagno nel mare pugliese

Victoria provoca nuda tra i fiori 

Il viaggio della musica 300x250

 
  Diretta

Top News

Mariupol, tregua per l’acciaieria Azovstal: nella notte evacuati 264 militari ucraini

La Svezia pronta a chiedere l’ingresso nella Nato. Putin: risponderemo all’espansione Nella notte sono stati evacuati i primi 264 militari ucraini dall’acciaieria Azovstal di Mariupol.“Stiamo…

Trova la convivente in casa con un altro uomo e l’accoltella: la ragazza è gravissima. L’uomo piantonato in ospedale

Torna a casa e accoltella la convivente, in camera da letto con un altro uomo. E’ successo nella notte tra sabato e domenica in un…

Covid, in Italia si conferma la tendenza in discesa dei contagi

 In Italia, sono 13.668 i casi di Covid su 104.793 tamponi analizzati. Il tasso di positività scende dal 14% al 13%. Si conferma il trend…

Mosca: “Insopportabile l’entrata di Svezia e Finlandia nella Nato, conseguenze di vasta portata”. La Renault in Russia diventa di proprietà dello Stato

L’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato “è un errore con conseguenze di vasta portata” dice il viceministro degli Esteri russo, Sergei Ryabkov, dopo che…

Locali

Porto Cesareo, molestata 22enne all’uscita di un ristorante. Il fidanzato e gli amici picchiano l’uomo che le si è avvicinato

Un uomo avrebbe molestato all’uscita da un ristorante una ragazza di 22 anni. Per tutta risposta il fidanzato di lei, insieme ad altri tre amici,…

Appalti truccati, torna libero ex vicesindaco di Polignano a Mare. Sei le gare su cui sarebbero state accertate irregolarità

Torna libero l’ex vicesindaco dimissionario di Polignano a Mare, Salvatore Colella, agli arresti domiciliari dal 21 aprile scorso nell’ambito di un’indagine su presunti appalti truccati…

Mafia, chieste 135 condanne per estorsioni e droga nel Barese. Pene richieste anche per boss e capi clan: esercitavano illecito controllo sui territori

Sono 135 le condanne, a pene comprese tra i 20 anni e i 22 mesi, chieste dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari nei confronti di…

Ex Ilva di Taranto, Procura contraria a dissequestro dell’area a caldo. Gli impianti furono sequestrati nel 2012, in seguito fu concessa facoltà d’uso

La Procura di Taranto ha espresso parere negativo in merito all’istanza di dissequestro degli impianti dell’area a caldo dello stabilimento siderurgico presentata il 30 marzo…

Made with 💖 by Xdevel