Ascolta Guarda

Omicidio a Barletta, fermato il presunto killer del barista Giuseppe Tupputi. Il movente un litigio

Si chiama Pasquale Rutigliano, il 32enne presunto assassino del barista di Barletta, Giuseppe Tupputi, ucciso ieri sera nel suo locale alla periferia della città, con tre colpi di pistola. Rutigliano era sottoposto alla sorveglianza speciale ma alle 22 non era ancora rincasato, così come disposto da quella misura di prevenzione.  Secondo quanto ricostruito, il presunto assassino si era anche allontanato da Barletta, andando a Trani, immaginando che lo stessero cercando, per poi tornare stamattina alle 4, quando, accompagnato da suo avvocato, si è presentato in commissariato, per le violazioni. A quell’ora la polizia era già da un pezzo sulle sue tracce.

Tupputi potrebbe aver dato una risposta non gradita a un uomo col quale avrebbe litigato nel locale, e per questo il cliente avrebbe estratto una pistola e sparato. Si tratterebbe di un barlettano di 32 anni con precedenti. La polizia ha analizzato i filmati delle telecamere di sorveglianza esterne al bar che potrebbero aver immortalato il suo assassino mentre fuggiva a piedi. Le condizioni di Tupputi sono apparse da subito gravi. E i tentativi degli operatori del 118 di rianimarlo sono stati vani. 

Tra la vittima e il presunto omicida, in precedenza, ci sarebbero state discussioni anche se di poco conto e al momento non collegabili a quanto accaduto.

La vittima, che abitava a poche decine di metri dal bar, era molto conosciuta e ben voluta da tutti. All’esterno del locale si è radunata molta gente sconcertata per l’accaduto: “E’ un locale frequentato solo da brave persone, non ce lo saremmo mai aspettato”, dicono. E davanti al bar sequestrato sono stati anche lasciati fiori, messaggi e candele. Tupputi lascia la moglie e due figlie, una delle quali molto piccola. Sua moglie, arrivata al bar dopo aver saputo dell’omicidio, sarebbe stata colta da un malore.

Il procuratore di Trani, Renato Nitti, non ha voluto aggiungere altri dettagli, se non che l’omicidio non e’ avvenuto per una rapina. “Posso soltanto dire – ha aggiunto Nitti – che dobbiamo ringraziare la polizia che ha consentito, nel volgere di poche ore, grazie al coordinamento del collega pubblico ministero intervenuto, di individuare quello che ragionevolmente sembra essere l’autore del fatto e di sottoporlo a fermo”.

E’ il terzo omicidio in sei mesi a Barletta, dopo l’accoltellamento a morte di Claudio Lasala a ottobre, avvenuto per strada in pieno centro, per futili motivi, e la scomparsa poi diventata uccisione di Michele Cilli. I cittadini sono preoccupati.

Stefania Losito (aggiornamento Anna Piscopo)

Musica & Spettacolo

Ron in diretta su Radio Norba

In collegamento con i nostri studi martedì, 17maggio, alle 11

Sport

Leggerissime

Gucci, su Castel del Monte fa splendere le costellazioni

La sfilata della collezione di Alessandro Michele in Puglia incanta tutto il mondo. Guarda le foto

Maneskin, bagno nel mare pugliese

Victoria provoca nuda tra i fiori 

Il viaggio della musica 300x250

 
  Diretta

Top News

Mariupol, tregua per l’acciaieria Azovstal: nella notte evacuati 264 militari ucraini

La Svezia pronta a chiedere l’ingresso nella Nato. Putin: risponderemo all’espansione Nella notte sono stati evacuati i primi 264 militari ucraini dall’acciaieria Azovstal di Mariupol.“Stiamo…

Trova la convivente in casa con un altro uomo e l’accoltella: la ragazza è gravissima. L’uomo piantonato in ospedale

Torna a casa e accoltella la convivente, in camera da letto con un altro uomo. E’ successo nella notte tra sabato e domenica in un…

Covid, in Italia si conferma la tendenza in discesa dei contagi

 In Italia, sono 13.668 i casi di Covid su 104.793 tamponi analizzati. Il tasso di positività scende dal 14% al 13%. Si conferma il trend…

Mosca: “Insopportabile l’entrata di Svezia e Finlandia nella Nato, conseguenze di vasta portata”. La Renault in Russia diventa di proprietà dello Stato

L’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato “è un errore con conseguenze di vasta portata” dice il viceministro degli Esteri russo, Sergei Ryabkov, dopo che…

Locali

Porto Cesareo, molestata 22enne all’uscita di un ristorante. Il fidanzato e gli amici picchiano l’uomo che le si è avvicinato

Un uomo avrebbe molestato all’uscita da un ristorante una ragazza di 22 anni. Per tutta risposta il fidanzato di lei, insieme ad altri tre amici,…

Appalti truccati, torna libero ex vicesindaco di Polignano a Mare. Sei le gare su cui sarebbero state accertate irregolarità

Torna libero l’ex vicesindaco dimissionario di Polignano a Mare, Salvatore Colella, agli arresti domiciliari dal 21 aprile scorso nell’ambito di un’indagine su presunti appalti truccati…

Mafia, chieste 135 condanne per estorsioni e droga nel Barese. Pene richieste anche per boss e capi clan: esercitavano illecito controllo sui territori

Sono 135 le condanne, a pene comprese tra i 20 anni e i 22 mesi, chieste dalla Direzione distrettuale antimafia di Bari nei confronti di…

Ex Ilva di Taranto, Procura contraria a dissequestro dell’area a caldo. Gli impianti furono sequestrati nel 2012, in seguito fu concessa facoltà d’uso

La Procura di Taranto ha espresso parere negativo in merito all’istanza di dissequestro degli impianti dell’area a caldo dello stabilimento siderurgico presentata il 30 marzo…

Made with 💖 by Xdevel